14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Le ultime dal blog...

  • Autore: Davide Ecatti
    Lun, 15/11/2010 - 10:59
    Sul+Romanzo_Amici+Miei.JPG

    Di Davide Ecatti

    Amici miei e la solitudine





    “Come è triste essere soli” scrisse una volta Pietro Germi, grande regista e padre dell’idea di “Amici Miei” allo sceneggiatore Luciano Vincenzoni, leggendario creatore di personaggi come il buono, il brutto e il cattivo o come Oreste Jacovacci e Giovanni Busacca, il romano e il polentone, i due straordinari soldati de “La Grande Guerra” destinati a rimanere uniti per sempre: nella beffa, nell’ironia, nella tragedia, nella morte.
    Ma come definire veramente la solitudine?
    La domanda è complessa anche perché ad essa sono collegate tante altre domande. Che cosa significa essere soli, e cosa significa non esserlo? E come definire l’amicizia, la solidarietà, la vicinanza umana e tante altre situazioni esistenziali?
    Personalmente sono convinto che per...
  • Autore: Giovanni Turi
    Sab, 13/11/2010 - 14:53
    Fahrenheit_binari10.jpg
    “1984” e “Fahrenheit 451”: l’orrore totalitario
     
    Come anticipato in Binari (9), sono George Orwell e Ray Bradbury i soggetti di questo articolo, e ben venga che sia stato preceduto dalla riflessione di Carlotta Susca su Kurt Vonnegut e la fantascienza: genere troppo spesso sottovalutato. Qui tuttavia è più opportuno parlare di distopia, filone letterario che ha il suo padre fondatore in Aldous Huxley, insegnante di Orwell e autore del romanzo Il mondo nuovo (1932), da cui direttamente discendono 1984 (del 1948) e Fahrenheit 451 (pubblicato nel 1953). L’universo distopico ribalta il pensiero borghese positivista, la prospettiva di un futuro che emendi i mali dell’umanità, e raffigura spesso la degenerazione degli assiomi politici in regimi totalitari.
     
    È interessante rilevare il morboso interesse degli assolutismi verso l’informazione e...
  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 12/11/2010 - 11:41

    Di Morgan Palmas

    Falèsia (o falèsa) s. f. Scarpata molto ripida dovuta all’incessante azione erosiva del mare sulla costa rocciosa.

    (Se anche voi volete proporre una parola desueta ai nostri lettori, scrivete a sulromanzo@libero.it, con Oggetto: parola del giorno).



  • Autore: Debora Vagnoni
    Ven, 12/11/2010 - 11:34
    Sul+Romanzo_Le+lune+di+Giove_Alice+Munro

    Di Debora Vagnoni



    “Le lune di Giove” di Alice Munro (traduzione di Susanna Basso, ed. Einaudi)


    Come spesso accade nella produzione narrativa di Alice Munro, a dare il titolo a tutta la raccolta (ripubblicata da Einaudi nel 2010, comprende racconti appartenenti a momenti diversi della carriera dell’autrice) è uno dei racconti, in particolare l’ultimo, forse il più emblematico, che tocca trasversalmente i temi di tutti gli altri. 


    Credo che il lettore che si accosti per la prima volta alla narrativa della Munro possa essere colpito innanzitutto da due elementi: il primo riguarda l’orizzonte d’attesa alimentato dal lettore, il quale potrebbe aspettarsi una serie di storie brevi, indipendenti, i cui personaggi vivono il loro...
  • Autore: Morgan Palmas
    Ven, 12/11/2010 - 11:25

    Di Morgan Palmas



    “Quando l’anima è tutta assorta in una specie di beatitudine, le nostre deboli facoltà oppresse dalla somma del piacere diventano quasi stupide, mute, e inette a ogni fatica. Che s’io non menassi una vita da santo, le mie lettere ti capiterebbero innanzi più spesse. Se le sventure raggravano il carico della vita, noi corriamo a farne parte a qualche infelice; ed egli spreme conforto dal sapere che non è il solo dannato alle lagrime. Ma se lampeggia qualche momento di felicità, noi ci concentriamo tutti in noi stessi, temendo che la nostra ventura possa, partecipandosi, diminuirsi; o l’orgoglio nostro soltanto ci consiglia a menarne trionfo. E poi sente assai poco la propria passione, o lieta o trista che sia, chi sa troppo minutamente descriverla.


    “Ultime lettere di Jacopo Ortis” di Ugo Foscolo

    [youtube=http://www.youtube.com/watch?v=dP2Pr9Mu8D4?fs=1]


  • Autore: Adriana Pedicini
    Ven, 12/11/2010 - 11:05

    Sul+Romanzo_Plutarco.jpg

    I giovani studenti e la poesia.
    Seconda parte
     
    Nell’opera plutarchea De audiendis poetis la vera e propria trattazione della materia inizia con l’esposizione del complesso di regole da seguire per prevenire i danni della poesia, quindi l’Autore passa al metodo da adottare per trarre profitto reale dalla lettura dei poeti e infine elenca i vantaggi di tale metodo.
    I giovani studenti e la poesia.
    Seconda parte
     
    Nell’opera plutarchea De audiendis poetis la vera e propria trattazione della materia inizia con l’esposizione del complesso di regole da seguire per prevenire i danni della poesia, quindi l’Autore passa al metodo da adottare per trarre profitto reale dalla lettura dei poeti e infine elenca i vantaggi di tale metodo.
     
    Occorre spiegare a questo punto cosa intendesse Plutarco per poesia.
    ...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.