In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di editing

Le ultime dal blog...

  • Autore: Andrea Rényi
    Mar, 26/02/2019 - 11:30

    Un libro che somiglia a una matrjoška. “Cuori fanatici” di Edoardo AlbinatiIl vocabolario Treccani definisce fanatico «chi è mosso da passione forte ed esclusiva, da entusiasmo per un'idea, per un partito, o anche semplicemente da simpatia eccessiva verso una determinata persona o da eccessivo zelo nell'esercizio di un'attività”, o “di ciò che rivela fanatismo». A Roma «la parola è usata con senso più generico, attribuita a chiunque nelle sue manifestazioni o nelle sue mansioni si mostri eccessivamente zelante, smanioso, o dia comunque prova di esagerazione in tutto ciò che fa, e anche persona boriosa, che ama mettersi in mostra.» Nel suo nuovo romanzo Cuori fanatici (Rizzoli) Edoardo Albinati, scrittore e sceneggiatore romano e Premio Strega 2016 con La scuola cattolica, presenta in dodici capitoli alcuni archetipi che ben illustrano il lemma. Sono un capannello di personaggi che ruotano intorno a due giovani amici, Nanni e Nico, in un'epoca molto vicina eppure molto lontana, che sono gli anni Ottanta. Prima però Albinati fa dono al lettore di un prologo...

  • Autore: Marco Scarlatti
    Mar, 26/02/2019 - 11:30

    Follia, andata e ritorno. Esce “L’inverno di Giona”, vincitore del Premio CalvinoEsce oggi per Mondadori L’inverno di Giona, di Filippo Tapparelli, romanzo vincitore della XXXI edizione del Premio Calvino. La Giuria ha deciso di premiare il libro dello scrittore veronese per «la sua grande forza visionaria: nel testo, con stile rarefatto, un allucinato mondo mentale si trasforma in un mondo fisico insieme minuziosamente reale e sottilmente simbolico. Un potente e struggente giallo analitico in cui la verità si sfrangia in tanti rivoli, toccando i temi della colpa, del castigo, del bisogno umano di riconoscimento.»

    Narrato in prima persona per quasi tutta la sua lunghezza, il romanzo è un inesorabile viaggio del lettore nell’universo chiuso di Giona: un paese di montagna in cui «il tempo è bloccato in un oggi senza ieri, che non diventerà mai domani.» Non esiste un prima e un dopo, ma soltanto un qui e ora dominato dalla nebbia e dalla figura del nonno Alvise, un uomo crudele che sembra punire il nipote per ogni minima azione che...

  • Autore: Francesco Borrasso
    Mar, 26/02/2019 - 09:30

    Rinchiudersi nella propria solitudine. “Tremante” di Massimiliano CittàPuntata n. 67 della rubrica La bellezza nascosta

     

    «La maggior parte di queste giunge con fiori da deporre lungo la strada, altre lasciano bigliettini sul cancello arrugginito del residence, altri ancora provano a salire su, ma le autorità non hanno ancora tolto i sigilli all’abitazione e dunque i visitatori rimangono lungo le rampe delle scale per poi ridiscendere con maggiore mestizia. Un uomo che ci sembra essere vecchio di mille anni procede lentamente sulle sue gambe, gli occhi arrossati, infossati nell’incavo della sua testa quasi rasente lo scheletro, cammina lentamente e lentamente piange. Si tiene al braccio di una giovane ragazza, dai capelli castani e la figura slanciata, indossa occhiali scuri per nascondere presumibilmente le lacrime.»

     

    La solitudine, prima di essere un luogo fisico, è uno stato mentale. È una casa...

  • Autore: La Redazione
    Lun, 25/02/2019 - 13:30

    I 10 libri di saggistica più venduti della settimanaVi presentiamo i 10 libri di saggistica più venduti nella settimana dall’11 al 17 febbraio 2019.

     

    La classifica è proposta da iBuk e riprende i dati elaborati dal Servizio Classifiche di Arianna sulla base di 1.600 librerie aderenti e diffuse sull’intero territorio nazionale.

     

    Il podio di questa settimana è occupato daMarsilio, Mondadori ed Einaudi. Mondadori è la casa editrice più presente in top10 con tre titoli. Tutti gli altri editori hanno un solo saggio in classifica.

     

     

    10. Giuro che non avrò più fame. L'Italia della Ricostruzione di Aldo Cazzullo (Mondadori)

    ...

  • Autore: Maria Sole Bramanti
    Lun, 25/02/2019 - 11:30

    Un romanzo magico e inquietante. “La bambina che amava troppo i fiammiferi” di Gaétan SoucyMarcos y Marcos riporta in libreria una perla: La bambina che amava troppo i fiammiferi di Gaétan Soucy non può essere definito in altro modo.

    Chi ama leggere deve leggere questo romanzo straziante e straniante. Chi ama le parole deve leggere questo romanzo così ben scritto, ottimamente tradotto (da Francesco Bruno) e in cui con le parole si gioca.

    Da subito si capisce che la “famiglia” protagonista di questo romanzo è particolare. Ma l’abilità dell’autore è proprio quella di svelare solo piano piano tutti i retroscena, tutto l’orrore che c’è dietro alla vita di questi due bambini che sembrano vivere in un mondo di favole, o forse in un incubo. Un esempio? Il Giusto Castigo che viene nominato fin dalle prime pagine e che ci accompagnerà come un inquietante leitmotiv per tutto il romanzo. Solo nel finale capiremo davvero di cosa si tratta. E poi, quella casa, anzi, quella tenuta in cui vive la...

  • Autore: Irina Turcanu
    Lun, 25/02/2019 - 11:30

    Da immigrazione a schiavitù legalizzata. “Ero straniero” di Salvatore MairaLe logiche dell’identità creano mostri. Da qualsiasi parte queste vengano partorite. Nascono un noi contrapposto a loro, un noi colmo di attributi positivi, dell’esistenza, e un loro che non hanno nemmeno il diritto di essere.

    Si intitola Ero straniero e lo firma Salvatore Maira per Bompiani. Ed è un pungo nello stomaco. Una sfida a non sentire qualcosa smuoversi dentro di sé, una raffica di domande che si impossessano della propria mente, una sensazione che cozza con la quieta sopravvivenza.

    La storia accade per lo più a Milano, nella parte meno nota della capitale economica dell’Italia.

    Ci sono vigili comunali che si aggirano per il centro come gli accalappiacani dei cartoni animati con Tom e Jerry. I puma non cercano quadrupedi randagi, ma immigrati. Che poi, a ben guardare, c’è ben poca roba a differenziare...

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.