Perché è importante leggere

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Riflessioni d’autori 3: cultura combattente e tragedie di maniscalco

Sul+Romanzo_maniscalco.jpg

Di Rudi Perpignano

La cultura e il maniscalco

Dopo avere riflettuto sull’“abito della nostra personalità”, tramite le considerazioni di Isabel Allende, e sull’“alfabeto e il fucile”, grazie a Philip Roth, proseguiamo nel condividere celebri riflessioni di grandi autori sulla letteratura e la scrittura per potere insieme godere dell’importanza delle singole parole e trovare spunti nel nostro vivere quotidiano e soprattutto nel nostro vivere con la penna in mano o con la penna “sotto il cuscino”.

Questa volta rimaniamo in compagnia di Elio Vittorini (Siracusa 1908 – Milano 1966), tra l’altro fondatore del settimanale culturale Il Politecnico nato nel 1945 e della rivista – collana Menabò fondata nel 1959 in collaborazione con Italo Calvino.
Le sue riflessioni che prendiamo in considerazione sono:

Non più una cultura che consoli nelle sofferenze, ma una cultura che protegga dalle sofferenze, che le combatta e le elimini.”

Io penso che sia molta umiltà essere scrittore. Lo vedo come fu in mio padre, ch’era maniscalco e scriveva tragedie, e non considerava il suo scrivere tragedie di più del suo ferrare cavalli.”

A riguardo della prima affermazione quanto attuale può risultare (ma probabilmente è un tema che può essere calzante per ogni epoca). Una cultura che combatta e elimini le sofferenze.
Camminando per una libreria, sfogliando svariati libri, quanto troviamo questo tipo di cultura? Oppure spesso ci troviamo di fronte esclusivamente a letteratura di intrattenimento, di divagazioni, di mera replica di un sistema che non vuole svelare, raccontare, indagare, proporre ma soltanto cerca di addormentare i pensieri?
Quanta dignità, speranza, entusiasmo e potenza ci sono in questa affermazione di Vittorini?

E altrettanto meraviglioso è catapultarsi nell’immagine del padre, che fa il maniscalco, che ferra i cavalli con la stessa umiltà con cui scrive tragedie. Non dando maggiore importanza o maggiore nobiltà all’una o all’altra attività. Un umile maniscalco che vive anche della gioia e della passione della scrittura. Quanto potremmo dire di intravedere tale consapevolezza e discrezione in cotanti autori moderni? Loro che, nel mondo dell’immagine e dell’apparenza, spesso sembrano già divi affermati, scribacchini che fanno della banale trasgressione e della parola urlata e ad effetto l’unica essenza della loro scrittura.
Prodotti preconfezionati che ritengono che l’umiltà sia sinonimo di debolezza e incertezza.
Spesso anche in questo blog si è disquisito su aspiranti autori, su fantomatici scrittori emergenti che con arroganza e presunzione, ritengono di avere la verità in pugno, di essere gli unici fari della letteratura futura e di essere gli unici incompresi in un mondo editoriale che non li merita. Quanta tristezza in tutto ciò.
Che maestosità di pensiero invece ci viene espressa da Vittorini entrando nel pieno della quotidianità e della concretezza che serve per portarsi a casa “la pagnotta”, affidandogli la stessa dignità dello scrivere come forma di redenzione e umile tentativo di trovare equilibrio e bellezza nella propria esistenza.

Certamente nel contesto odierno che viviamo si fatica a trovare umiltà in qualsiasi ambito ci si possa addentrare, ormai convinti che la forza, il primeggiare, l’eliminazione di ogni atteggiamento apparentemente debole e accondiscendente siano gli unici modi di interagire e rimanere a galla all’interno di questa società di cartapesta.
Probabilmente, invece, sarebbe più utile ferrare molti più cavalli e umilmente attendere che cali il buio per potersi dedicare alla cura dello spirito.

Buona umiltà a tutti.
Nessun voto finora
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.