servizi web

Perché i nostri lettori sono da 110 e lode

pubblicità e advertising

valutazione inediti

“Pudra” di Dora Pavel, un thriller metafisico

Sul+Romanzo_Pudra_Dora+Pavel.JPG

Di Irina Turcanu

“Pudra” di Dora Pavel, made in Romania

Un recente articolo comparso nel web, raccontava di come vedono gli americani il resto del mondo. Gli italiani? Godfathers, padrini. Gli austriaci, torte di mele, gli svizzeri, contanti e i romeni, eredi di Dracula. Dovessero gli italiani redigere la stessa mappatura, per quanto riguarda i romeni, forse accanto a Dracula aggiungerebbero anche qualche altro aggettivo. Di certo, difficilmente li definirebbero ottimi narratori e consumatori di libri. Eppure, nonostante il calo delle vendite nelle librerie nei primi cinque mesi del 2010 rispetto all’anno precedente, ventitre romeni su 100 possiedono nella propria biblioteca tra i 250 ai 500 volumi. I romeni leggono e alcuni scrivono anche. 

Durante l’atteso appuntamento a Cluj (in Transilvania – per restare in tema con le indicazioni degli americani) dedicato al romanzo, I giorni della narrativa, sono state presentate le ultime novità in materia. Tra queste, Pudra – il titolo originale, Cipria in una traduzione letteraria – ha riscosso un notevole successo. Dora Pavel, l’autrice, ormai una penna ben nota sul panorama letterario romeno, ha stupito ancora con un romanzo tagliente, dal tema peculiare. 

Dora Pavel aveva già abituato i lettori con gli argomenti inconsueti e nemmeno questa volta ha deluso le aspettative. È un’idea sconcertante quella che dona tensione al romanzo. Vlad Carasiniu, il protagonista, giovane restauratore di dipinti, si sveglia dalla morte apparente il giorno prima del proprio funerale. Ciò che segue è un’affascinate e appassionante affresco di questa vicenda al limite del reale. 

Dal testo emerge con forza un quesito: cosa faresti se ti dovessi risvegliare dalla morte apparente, nel mezzo della notte, in una cappella con le porte serrate, scomodamente adagiato nella bara, l’unico vivo tra i morti, più spaventato dal proprio risuscitare che dallo stato passeggero in cui ti sei ritrovato, mentre immagini i tuoi cari, i fratelli, le sorelle, i cugini, la madre e il padre dormendo tranquilli, già abituati all’idea, preoccupati a organizzare le esistenze senza di te? È questa la domanda alla quale Pavel costringe il lettore a trovare una risposta, dandone una propria versione, accanto a quella delineata da Carasiniu. 

In un’intervista, l’autrice afferma che «mi è bastato entrare nella pelle di Carasiniu, rabbrividire sotto l’azione dei suoi sensi, avanzare in modo impercettibile, somatizzando io stessa il suo esser risuscitato. Sono stata lì, con lui, mi sono mossa oppure ho trattenuto il respiro e ho tenuto gli occhi socchiusi assieme a lui, ho vissuto tutto il suo terrore, in alcune righe mi sono sentita quasi soffocare, fermandomi dallo scrivere grazie ad un buon istinto di sopravvivenza. […] Pudra (Cipria) potrebbe essere, perché no, un romanzo iniziatico, del ritrovamento dell’identità di un odierno Dorian Gray, esteta vitalista, ma anche impostore, arrivando a contemplare, sulla soglia del fallimento, la propria “bruttezza” e il proprio falso. È un romanzo realista, con misteri, grottesco, suicidi, rivelazioni e fallimenti il più possibili “veri”. Non è un universo onirico, fantasmagorico o allucinante, ma uno reale». 

E se l’autrice si è impegnata a rendere una situazione al limite del reale, palpabilmente reale, il lettore non può far a meno che piegarsi davanti a una rara capacità trascinante e precipitare all’interno della storia. Difficile non cercare di fornire la propria risposta al “cosa faresti se…” o a non percepire quello stesso senso di soffocamento che costringeva Dora Pavel a interrompere la scrittura. La differenza? Al lettore non è concesso di fermarsi, inghiottito dalla trama, deve leggere.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Che bell'articolo, e che bella sorpresa, Irina!
Dora Pavel è una delle mie scrittrici preferite, nonché una delle autrici romene che rappresento in Italia e che muoio dalla voglia di tradurre.
Che bello trovare un'altra persona che la apprezza!
Un salutone,
ileana

A questo punto, Ileana, non vedo l'ora di leggere la versione italiana da te tradotta. Penso si tratti di un romanzo davvero valido e capace di conquistare anche il pubblico italiano.
Alla prossima,
Irina

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.