Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

"Palace of the End" di Judith Thompson

palace-of-the-end-x-sito.jpg

Di Morgan Palmas

"Palace of the End" di Judith Thompson (NEO. Edizioni)

Un libro di cui vi vorrei parlare in due occasioni, oggi ve lo presento direttamente con le parole dell’autrice, Judith Thompson, canadese e docente di Teatro e Arte Drammatica presso l’Università di Guelph, in Ontario. 

È poco conosciuta in Italia, mentre in altri lidi è considerata una delle più importanti drammaturghe contemporanee. 

NEO. Edizioni, piccola casa editrice abruzzese, sta cercando di portarla nel nostro mercato editoriale e ha pubblicato l’anno scorso “Palace of the End”, includendo anche il testo in lingua originale (traduzione di Raffaella Antonelli).

Dalla Prefazione a pagina 5:

“C’era una volta Alice che attraversava lo specchio affinché i piccoli sudditi della Regina Vittoria nell’Inghilterra del diciannovesimo secolo potessero seguirne i passi. Alice si trasformava in un gigantesco pedone nella immensa, mutevole scacchiera di un mondo in cui le si tendono tranelli, la si induce a cercare scampo dagli altri pedoni, che vorrebbero mangiarla, e la si spinge a cercare di dominare la partita, per dare lei stessa scacco matto al Re. Da Alice i bambini apprendevano sostanzialmente a difendersi: prima che da ogni altro elemento o individuo, dalla convenzionalità del linguaggio”.

Pagina 39:

“Non riesco a spiegarmelo e voi? Voglio dire, come scienziato so che è vero, so esattamente cosa sta per succedere all’interno del mio corpo, quanto ci metterà il mio fegato a smettere di funzionare, la mancanza di sangue ad avere il suo effetto. So che se non mi troveranno morirò di sicuro e lo accetto, pienamente, ma vedete… non riesco ad immaginarmelo… È il… per sempre che mi lascia perplesso”.

Pagina 65:

“Ah, mi è appena venuta in mente una storia divertente. Un mio amico, che adesso vive in America, era ad una festa o ad un evento a Washington D.C. e la moglie dell’Ambasciatore americano in Iraq, negli anni ’60 e ’70, parlò del colpo dei Baathisti: «Mio Dio, è stato un periodo terribile. Non c’era elettricità, dovevamo andare in giro con le candele e di notte si gelava». Il mio amico cominciò a ridere e poi disse: «Madame, per voi era l’elettricità, per noi la morte».

A domani.

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.