Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

George Orwell e Ray Bradbury – BINARI (10)

Fahrenheit_binari10.jpg
“1984” e “Fahrenheit 451”: l’orrore totalitario
 
Come anticipato in Binari (9), sono George Orwell e Ray Bradbury i soggetti di questo articolo, e ben venga che sia stato preceduto dalla riflessione di Carlotta Susca su Kurt Vonnegut e la fantascienza: genere troppo spesso sottovalutato. Qui tuttavia è più opportuno parlare di distopia, filone letterario che ha il suo padre fondatore in Aldous Huxley, insegnante di Orwell e autore del romanzo Il mondo nuovo (1932), da cui direttamente discendono 1984 (del 1948) e Fahrenheit 451 (pubblicato nel 1953). L’universo distopico ribalta il pensiero borghese positivista, la prospettiva di un futuro che emendi i mali dell’umanità, e raffigura spesso la degenerazione degli assiomi politici in regimi totalitari.
 
È interessante rilevare il morboso interesse degli assolutismi verso l’informazione e la cultura, e dunque verso l’esercizio del pensiero: Orwell in 1984 descrive come il Grande Fratello (ebbene si: non è un’invenzione della Endemol…) sorvegli e manipoli gli articoli di giornale e quant’altro possa in qualche modo smentire la “verità ufficiale”; Bradbury immagina in Fahrenheit 451 un corpo dei pompieri impegnato ad appiccare roghi di libri, senza distinzione alcuna.
 
A un tratto Clarisse McClellan disse:
– Mi permette una domanda? Da quanto tempo lavorate agli incendi?
– Da quando avevo vent’anni, dieci anni fa.
– Non leggete mai qualcuno dei libri che bruciate?
Lui si mise a ridere:
– Ma è contro la legge!
– Oh, già, certo.
– È un bel lavoro, sapete. Il lunedì bruciare i luminari della poesia, il mercoledì Melville, il venerdì Whitman, ridurli in cenere e poi bruciare la cenere. È il nostro motto ufficiale.
(Ray Bradbury, Fahrenheit 451, Mondadori)
 
L’obiettivo dei totalitarismi raffigurati dai due scrittori è quello di plasmare la coscienza dei sudditi, illudendoli di essere liberi cittadini; a tal fine, viene negato ogni individualismo come anche ogni autentico legame affettivo, l’esistenza viene ridotta a successione di reiterati atti prescritti e in questo modo svuotata di senso.
 
1984_binari10.jpg
 
Che scrivesse o meno ABBASSO IL GRANDE FRATELLO!, non faceva differenza alcuna. Che continuasse o meno a tenere il diario, non faceva differenza alcuna: la Psicopolizia lo avrebbe preso lo stesso. Aveva commesso (e l’avrebbe fatto anche se non l’avesse mai messo nero su bianco) quel reato fondamentale che conteneva dentro di sé tutti gli altri. Lo chiamavano psicoreato. Era un delitto che non si poteva tenere celato per sempre: potevate scamparla per un po’, anche per anni, ma era sicuro al cento per cento che prima o poi vi avrebbero preso.” (George Orwell, 1984, Mondadori)
 
Se l’ortodossia del pompiere Montag e del “censore” Winston, i protagonisti dei due romanzi, vacilla, è comunque la paura a tenerli allineati, l’impossibilità di confrontarsi con gli altri: i delatori sono dappertutto, è dovere morale di figli e congiunti per primi denunciare le infrazioni. Solo dall’amicizia con Clarisse per Montag e dall’amore tra Winston e Julia potrà scaturire irrefrenabile il desiderio di riscatto, di riaffermare la propria umanità; una ribellione a cui Bradbury concede qualche possibilità di successo, non così Orwell, perché l’arresto, l’umiliazione, la violenza fisica e psichica si abbatteranno senza esitazione sui due sovversivi: “davanti al dolore, continuò a pensare Winston mentre si contorceva sul pavimento, stringendo inutilmente il braccio sinistro ormai invalido, non ci sono eroi. No, davanti al dolore non ci sono eroi”.
Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)
Tag:

Commenti

E ci si dimentica sempre del meraviglioso "Noi" di Zamjatin...

Ammetto di non conoscerlo: rimedierò (ma ho visto in IBS che risulta "indisponibile")... Sarebbe bello che qualcuno di SUL ROMANZO si occupasse degli introvabili, come MEMORIE DI UN RATTO di Zaniewski (ma qui più che fantascienza e fantasia, cruda e amara quanto la realtà) o MANDARINI CINESI della Jie (vedi BINARI 8).

Non per richiamare cose scontate... ma dell'attualità dei due geni che hanno scritto i capolavori di cui sopra ne vogliamo parlare?
L'eliminazione dell'individualità, per esempio, è quanto mai reale. Il vuoto nelle menti è uno stato di fatto voluto e ottenuto dalla società del nostro tempo.
L'unica differenza è che Winston e Montag esistevano solo nella paura dei loro autori, noi esistiamo nella realtà di ogni giorno.

@Giovanni T.: è vero, su IBS lo dà indisponibile, e dire che era disponibile fino a pochissimi giorni fa. Su Feltrinelli stessa storia. Gli unici a dichiarare di averlo disponibile sono quelli di BOL. Comunque "Noi" è veramente una pietra miliare, considerato anche che è stato scritto 30 anni prima di 1984. Se vuoi saperne qualcosa di più, qualche tempo fa ne ho pubblicato una breve recensione qui: http://ilgrandemarziano.blogspot.com/2010/09/leggere-il-libro-giusto-nel...

Un giudizio di mero gusto personale: "1984" è infinitamente più bello di "Fahrenheit 451".
Detto questo, credo che l'umiliazione subita da Winston (nome scelto non certo per puro caso) sia qualcosa di sublime e terribile allo stesso tempo, egli viene privato di tutto, il suo sé viene frantumato, frustrato, declassato, arriva a sfiorare la fine e poi "riprogrammato". La psicopolizia è una realtà orribile che scuote la coscienza del lettore e lo invita a riflettere. Come hai scritto tu, Orwell non lascia spazio ad alcuna possibilità di salvezza o di riscatto, l'unica vita possibile è quella completamente abbandonata al Grande Fratello (anche se a mio avviso lascia aperta la possibilità di un ritorno di fiamma di Winston per la libertà e la sovversione del regime).
Bradbury sembra essere più ottimista. Al di fuori della città esiste una possibilità di riscatto e, mentre è in fuga, vede gli aerei che sorvolano la metropoli, pronti a distruggere il regime e donare la libertà alla popolazione (oppure no?).
Insomma due libri assolutamente da leggere con attenzione.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.