Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

“Bambini bonsai” di Paolo Zanotti

Sul+Romanzo_bambini+bonsai.jpg

Di Carlotta Susca

“Bambini bonsai” di Paolo Zanotti - Ponte alle Grazie - non convince il lettore

Definita “romanzo di formazione”, questa storia lo è anche, in parte. La prima etichetta che però mi sono sentita di affibbiare a Bambini bonsai – ché, si sa, l’ansia di incasellamento è dura da combattere – è quella di fantascienza. Il racconto inizia su uno sfondo che è facile riconoscere come post-apocalittico: agglomerati di costruzioni precarie, umanità dal corpo semirobotico, una anomala calura.

Se la fantascienza del secolo passato risentiva molto della tensione della guerra fredda e della costante percezione di un inevitabile conflitto atomico che avrebbe azzerato i progressi tecnologici, la molla della narrativa che oggi si proietta nel futuro è quella del cambiamento climatico. Così la calura opprimente, la scomparsa di ogni specie animale e l’attesa elettrica della pioggia, di un nuovo diluvio rifondatore, sono tutti segnali di questo nuovo motivo della narrativa apocalittica.

Le premesse erano buone, e lo stile di Zanotti è coinvolgente e impone un ritmo di lettura accelerato, scorrevole pur nella densità della scrittura. Eppure si avverte qualche stridio nell’ingranaggio narrativo. Il lettore ha la sensazione di non potersi completamente abbandonare alla storia, di non potersi permettere un trasporto incondizionato al seguito di Pepe, protagonista bambino di questo libro fatto di piccoli adulti. Troppe questioni appaiono non solo non spiegate nel testo, ma anche poco chiare nella costruzione di questo mondo distopico, e si ha l’impressione che non siano definite neanche nella mente dell’autore.

Come ci si può abbandonare agli eventi narrati se non ci si spiega quali siano le innovazioni tecnologiche nel futuro descritto? Se si osserva un mondo in declino, ma poi si apprende che le automobili continuano a viaggiare in città? E i documentari-natura, unica fonte di informazione sul mondo prima della scomparsa dei gabbiani, dove erano proiettati se la corrente elettrica è quasi del tutto assente? Perché i bambini vengono incubati, nella loro prima infanzia, in secchi (a parte che per creare un’area semantica acquatica culminante nella grande pioggia)?

Se poi il testo fosse stato davvero una descrizione del mondo devastato e privo di fauna, se avesse trovato il suo apice narrativo nell’esodo dei bambini dall’agglomerato alla città, allora avrebbe avuto uno sviluppo coerente. Invece Bambini bonsai contiene troppi spunti che appaiono slegati fra di loro: la formazione di Pepe, sì, ma anche la descrizione di una società di mezz’uomini che si avvicina a tratti alle tematiche del Signore delle mosche, e la comparsa di personaggi diafani, e di una casa sotto al mare, distesa acquatica ormai priva di vita e ridotta a ricettacolo di rifiuti.

La sospensione dell’incredulità del lettore è messa a dura prova, mentre tenta di aggrapparsi alla storia sperando di poterne essere affascinato, di farsi trascinare nuovamente nell’incanto narrativo. Ma quando la cerea Petronella si strappa e porge un dente porta-ricordi, allora la quantità di materiale eterogeneo da far forzatamente rientrare nel quadro narrativo diventa ingovernabile e l’incredulità è definitivamente andata. Peccato. Pensare che la prima suggestione era stata fortemente sudamericana, e l’arrivo dei balinesi nella baraccopoli faceva pensare agli zingari giunti a Macondo.
Peccato, perché le prime pagine facevano pensare ad un bel resoconto della disfatta del genere umano, si sperava in qualcosa come L’uomo verticale, di Davide Longo.

Una gran quantità di materiale è una buona cosa, in letteratura, ma se gestita bene, dosata, integrata, trattata con estrema cautela. Peccato.
Il tuo voto: Nessuno Media: 1 (1 vote)

Commenti

Non è che forse la questione è proprio che - ed è chiaro dall'inizio - questo romanzo NON è di fantascienza? E quindi tutti gli elementi ricordati che NON vengono spiegati e approfonditi NON vengono spiegati e approfonditi perché rimandano il lettore a altro, e poi ad altro ancora, senza un vero perché? La criptocitazione dalla Prefazione del Sentiero mi serve, del resto, per suggerire che forse il modello va trovato nella Trilogia (specie nel Visconte) più che nella fantascienza (post) apocalittica, di cui prende a prestito l'ambientazione futuribile con la stessa stringata raffinatezza usata da Calvino nella Trilogia per l'ambientazione storica. Ma, così come sarebbe ingiusto definire con questo i tre romanzi calviniani pseudo-storici, allo stesso modo non mi pare che l'etichetta scie-fi esaurisca, ma nemmeno suggerisca, se è per quello, la strada, critica e di lettura, con cui avvicinare Bambini bonsai.

Povna, al di là delle etichette (a cui mi piego malvolentieri, ma sono necessarie), l'osservazione riguardava la coesione interna del testo, che è cosa buona indipendentemente dall'insegna sotto cui i materiali narrativi vengono incasellati.
Quanto a Calvino, 'molteplicità', 'leggerezza', 'Trilogia' sono citati spessissimo ultimamente, tanto che servirebbe delineare in maniera più netta cos'è calviniano e cosa no, ma non mi sembra neanche poi necessario. Le qualità intrinseche di un testo possono essere riconosciute, quando ci sono, al di là della loro calvinianità.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.