Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Riflessioni d’autori 2: l’alfabeto e il fucile

Sul+Romanzo_lettere+dell%27alfabeto.jpg

Di Rudi Perpignano

Utilizzare l'alfabeto e il linguaggio

Proseguendo tra le varie riflessioni esternate da autori affermati nel corso della storia relative a scrittura e letteratura, questa volta ci soffermiamo su alcune dichiarazioni di Philip Roth, uno dei più grandi scrittori statunitensi, il terzo scrittore americano che ha ricevuto l'onore di vedere pubblicata in vita la sua opera completa dalla Library of America.

Le citazioni sulle quali insieme a voi vorrei soffermarmi sono le seguenti:

“Evitare le parole stravaganti. [...] Tutti i termini pedanti non servono allo scopo.”

“Tutto quello che ho per difendermi è l'alfabeto; è quanto mi hanno dato al posto di un fucile.”

Entrambe sono tratte dal romanzo autobiografico “Operazione Shylock: la confessione” del 1993.
Parole stravaganti, termini pedanti, non servono allo scopo, dice Roth.
Il punto è definire quale sia lo scopo.
Aprite i giornali, date un’occhiata a tanti siti web, soffermiamoci sulla comunicazione televisiva o sfogliamo qualche pagina di romanzi recenti. Spesso ci troviamo di fronte ad un simposio di termini, di frasi pedanti. Ripetitive, martellanti, ossessive quasi a volere indirizzare una massa verso un pensiero comune e unico. Quasi a volere martellare talmente tanto le cervella che chiunque sia fuori da tale “recinto” diventa un essere che è fuori e non può appartenere a questa società.
Stessa cosa per le parole stravaganti che sembrano essere diventate sinonimo di originalità e trasgressione, non rendendosi conto che stravaganze odierne farebbero sorridere artisti o autori di secoli scorsi.
Probabilmente lo scopo di cui parla Roth non si riferisce certo a questa giostra di ipocrisia e di parole fumose ma forse si allinea invece con la volontà dei grandi autori che tentano giornalmente di fotografare e raccontare con rispetto e delicatezza quelle che sono le sfaccettature dell’immenso spettacolo umano, tra le sue grandiosità o nefandezze. E perché tutto ciò sia universale e colmo d’arte e passione, probabilmente le stravaganze e la pedanteria servono a gran poco.

E queste riflessioni si sposano benissimo con la seconda citazione, a mio parere meravigliosa, in cui l’alfabeto è tutto ciò che un autore ha per difendersi. Al posto del fucile, l’alfabeto, le parole, le frasi, la scrittura. E la comunicazione, la letteratura diventa strumento di difesa verso le brutture, le ingiustizie, l’omologazione. Diventa mezzo per potere applicare una rivoluzione. La parola che può cambiare le cose.
Ne sono fortemente convinto che la scrittura possa aprire brecce negli animi, nelle menti, addirittura nei corpi e guidare verso un risveglio e un percorso di miglioramento costante, individuale e collettivo. Un libro che può cambiarti la vita o libri che hanno cambiato la storia, sfidato la storia, messa a tacere la storia.
E la cosa ancora più preziosa, secondo me, è che Roth non ha usato il termine “parola” paragonandolo al fucile ma proprio “alfabeto”, dando quindi dignità, forza, valore, sacralità ad ogni singola lettera che ha pari potere e mette nelle mani di ogni scrittore la responsabilità di disporla una ad una nel miglior modo possibile per potere creare arte, difendere la verità e raggiungere lo scopo di risvegliare le coscienze.
D’altronde “in principio era il Verbo” in tutte le principali religioni del mondo e questa è un’altra cruciale tematica su cui non basterebbero giorni interi per disquisirne… ma questi sono altri libri.

Buon alfabeto a tutti.
Il tuo voto: Nessuno Media: 1 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.