Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di scrittura creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di editing

Melissa P e la sua nuova sottiletta "Tre", edito da Einaudi

Melissa P e forse che sì forse che no

Abbiamo deciso di scherzare, tentando di rispondere a un’intervista di Melissa P, pubblicata di recente da Einaudi con il suo nuovo romanzo “Tre”, convinti che l’ironia sia il pudore dell’umanità, come sosteneva Jules Renard. Troverete alla fine del post il video dell’intervista.

Testo di Melissa P.
In verde le parole di Angelica Gherardi.
In blu le parole di Morgan Palmas.
***
 
Hai visto questo libro quanto è venuto grande? (ecco, appunto). Quando ci lavoro dico: adesso questo verrà enorme (Freud che cosa ne pensa?) e poi viene sempre la solita sottiletta (sia lodato il dio della letteratura) (E anche Belzebù direi, tutti a parlare di par condicio, ma quando si parla di bene e male…). Sono sintetica.
 
Sono nata a Catania nel 1985, non ho mai preso il diploma perché a 17 anni ho pubblicato il mio primo libro 100 colpi di spazzola prima di andare a dormire (grazie di averci ricordato il titolo di un’opera che stavamo cercando di dimenticare) (grazie di averci ricordato che era un libro) e non sono riuscita a prendere il diploma (e quale sarà mai la relazione di causa ed effetto? Non la capirebbe neanche Crozza). Mi sono trasferita a Roma otto anni fa (ho un fremito alla schiena nel pensare che per tre anni l’ho avuta a qualche chilometro di distanza), ho scritto altri due libri, e l’ultimo è appena uscito. (Tre sottilette in otto anni, peggio che lavorare in miniera, ovvio che non sia riuscita a diplomarti. Chiellini, che gioca in serie A da sei anni e forse è un attimo più impegnato, si è appena laureato a 26 anni in Economia e Commercio) (io sto leggendo il terzo, dopo avere letto gli altri due, sono a pagina 19 e già mi fa vomitare) (Sì va be’ ma pure tu Morgan, lo so che lo fai per lavoro, però sei masochista) (lavoro?! No, per piacere estetico lo leggo).
 
Non mi soffermo mai a pensare quello che amo da quello che non amo, (e noi non ci soffermeremo sulla sintassi di questa frase, che magari se ti diplomavi…) io dico sempre che vivo come se dovessi morire il giorno dopo (scopri l’acqua calda, Wittgenstein ne era ossessionato) per cui cerco di vivere tutto in maniera molto intensa, senza lasciarmi scappare niente quindi è chiaro che nell’intensità c’è sempre una forma d’amore, nelle cose che faccio, nelle persone con cui sto. (oh, sembri quasi seria).
 
Il sesso è comunicazione (e qui la folla chiede a gran voce una laurea honoris causa in originalità) tra le persone (anche fra gli animali suppongo), è il linguaggio dell’essere umano (ne saranno contenti gli antropologi), non esiste linguaggio più preciso di quello sessuale perché è solo attraverso il sesso che le persone interagiscono in maniera onesta sincera senza maschere (mai sentito parlare di finzione dell’orgasmo vero?) (no no, ti assicuro che con le maschere si possono organizzare festini fantastici) (Ah sì, e quella scena estremamente suggestiva di Eyes wide shut, tutti mascherati).
 
Questo romanzo vuole dire, la sperimentazione sessuale non è mai… e… diversificata da una sperimentazione (cioè hai pure dovuto rifletterci su per trovare la parola “diversificata” che è quella sbagliata) sentimentale cioè anche quando si parla di semplice sesso, di puro sesso, in realtà si sta anche sperimentando emotivamente, sentimentalmente, quindi per me le due cose non sono mai separate (devo cambiare pusher perché non c’ho capito niente).
Per me il corpo non è un corpo e basta, il corpo è come dire, no, un’energia sua (è o ha? E tu ci sei o ci fai?) io parlo di quell’energia che viene sprigionata dal corpo nell’atto sessuale che può essere promiscuo (sì, se non è promiscuo si definisce onanismo, o “pugnetta”), che può essere estemporaneo che gode di una forma di energia non sentimentale del termine (?) (?) ma anche interiore, non solo esteriore (meglio che qui stia zitto, ci sono signore per bene che leggono questo dannato blog).
 
Forse mi hanno fatto più crescere le esperienze sessuali io penso che soltanto il corpo può dire delle cose come dicevo prima. L’amore spesso può essere illusorio (raccontalo a Kierkegaard e vedi come ti mena), è sincero la maggior parte delle volte però spesso l’amore tra gli esseri umani è illusorio, perché non si può mai raccontare l’amore l’unica forma per raccontarlo è appunto il corpo (prego tutti i professori di letteratura, morti e viventi, di non mettersi a piangere dalla tristezza, e i grandi scrittori che nel corso dei secoli hanno raccontato splendidamente l’amore di non rivoltarsi nella tomba).
L’aneddoto è un aneddoto un po’ maialo (aggettivo maschile singolare) quindi non mi va di dirlo. (lo sapevo che in fondo in fondo, ma in fondo, sei timida).
 
Il triangolo amoroso e sessuale l’ho sperimentato ed è stato un esperimento molto positivo perché una donna che sta con due uomini si sente un po’ una regina (condizione necessaria alla sublimazione dell’egocentrismo) (timida, lo dicevo). Io sono una persona molto gelosa, quindi in un triangolo la mia gelosia si moltiplica anche perché si sentono poi autorizzati ad andare con altre donne perché dice (sentono, dice, soggetto plurale o singolare?) come tu hai due uomini, io posso avere due donne. Per me non è concepibile, cioè per me il triangolo dev’esserci ma dev’essere esclusivo. (chissà che cosa pensa Carfagna delle pari opportunità…).
 
L’unica cosa che mi aspetto da un rapporto uomo/donna è uno scambio paritario di fluidi, corporei e non corporei che rende il rapporto più sano e appunto paritario senza che l’uno o l’altro si aspetti qualcosa reciprocamente. (Mi astengo per bon ton dal commentare sullo scambio “paritario” di fluidi corporei) (esclusivo e paritario, chiaro, tutto torna)
 
Per me l’atto sessuale è un atto contemplativo (nel senso che osservi il soffitto?) (nel senso che preghi?), per me appunto non è ginnastica, come banalmente si dice (scusa, chi lo dice?) (Angelica, lo dice la Tamaro, non lo sapevi?) (No, non lo sapevo, io per fortuna non sono obbligata a leggere anche la Tamaro, o pensavi di affibbiarmi la recensione del suo prossimo capolavoro?), anche quando viene consumato con uno sconosciuto in un bar è comunque un atto contemplativo (ah! Qui si tratta probabilmente dell’osservazione ammirativa del muro delle toilette delle donne), un atto di conoscenza, anche quando non è conoscenza dell’altro perché non ti frega niente dell’altro è una conoscenza di sé (sei un genio fanciulla!). Il sesso non è intelletto, (se il sesso fosse intelletto, o perlomeno solo quello, tu saresti ancora vergine) (ah no?! Lo sapevo che non ho mai capito un poffarbacco del sesso) perché sennò ci annoieremmo (parliamone…), almeno io mi annoierei immediatamente se fosse intelletto (appunto). L’intelletto poi lo applico su altre cose (illuminaci, quali?) (Angè, nello scrivere i suoi libri, ovvio) (Ah, scusa Morgan, mi ero distratta), non sul sesso, per me il sesso è corpo, tutto ciò che il corpo può produrre (i famosi fluidi corporei? Sudore? Escrementi?), può dare, e la mente non esiste in quel momento (negli altri momenti sì?). Però esiste la contemplazione (un’altra volta) (ridaje) quindi esiste, come dire, è come se il nostro corpo fosse una spugna di tutto ciò che intorno a noi sta avvenendo (e che c’entra la spugna con quello che chiami erroneamente contemplazione?) (si sentirà sporca Angè, non mi dire che non hai mai visto il film Biancaneve e le sette spugne…).
 
Le cose per cui vale la pena vivere: l’insegnamento come educazione all’istintualità (sic!) (brrr che freddo!), all’essere ciò che si è senza problemi (ma sì dai, diamo libero corso ai nostri più bassi istinti). Al secondo posto metto la comprensione dell’universo in senso astrologico (per un attimo ho pensato che dicessi astronomico… stavo già per scendere in cucina alla ricerca di un coltello), cioè come sia importante capire che noi viviamo in un mondo circondato da altri mondi e questi mondi danno ognuno di loro delle influenze sulla nostra vita (complimenti per la sintassi. Non mi soffermo sul contenuto perché sarebbe come sparare sulla Croce Rossa. Però sia per la sintassi che per l’esprimere le proprie idee con termini adeguati e senso logico consiglierei di rivolgersi al Cepu per il diploma di cui sopra).  No la terza è l’amore senz’altro (lo diceva anche Renato!), la quarta ah! per il sogno, per arrivare alla sera, addormentarsi e sognare e ricordarlo il giorno dopo è una cosa bellissima a cui non rinuncerei mai. La quinta cosa a cui non so rinunciare, le sigarette.
 
Io ho letto poco amore nei romanzi (Tu hai letto poco. Punto) (quel “poco amore” significa che frequenti la letteratura erotica?). Marquéz. Marquéz però non L’amore ai tempi del colera, ma Cento anni di solitudine (complimenti, un autore e due suoi libri li hai saputi citare) (Se l’era preparata a casa questa).
 
C’è un rito di cui mi sono resa conto pochissimo tempo fa ma che ho fatto per anni: io prima di scrivere mi trucco (vedi i casi della vita, io mi strucco di solito quando mi metto a scrivere). Quando sono molto… eh… magari ho molta volontà quel giorno, mi sento abbastanza… nel mood mi metto il rossetto rosso, non so perché (forse per immedesimarti nella parte?).
 
Ma, allora, il successo l’ho gestito semplicemente allontanandolo dalla mia vita, non mi sento una donna realizzata (meno male!), perché il mio libro ha venduto un tot copie, mi sentirei una donna realizzata se facessi altre cose (triangoli non esclusivi?) ma non mi sento neanche realizzata come scrittrice (sapessi quanto ci sentiamo poco realizzati noi come lettori) alla fine perché non è il numero di copie che sancisce il successo (ti confondi: il numero di copie sancisce effettivamente il successo, quello che non sancisce è il valore letterario). Il successo lo gestisco perché semplicemente non sento che esiste il successo. Non lo percepisco proprio (la modestia mi disarma).
 
Non avrei mai voluto essere nessuna donna, nessun’altra donna, sicuramente non sarei voluta essere un uomo, ma neanche nessun’altra donna, no.
 
Melissa P. ha trovato da un po’ di tempo a questa parte la sua adatta collocazione nella società: ospite fissa di Victor Victoria su La7 per leggere i tarocchi agli ospiti. Be’, qualcosa doveva pur saper leggere.
Melissa P. ha trovato da un po’ di tempo a questa parte la sua adatta collocazione nella società: ho riempito la mia camera di suoi poster.

Ecco il video.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (2 voti)

Commenti

intervista molto spassosa! ;)

:)))))

Pensate al fremito mio, quando ho saputo di averla avuta "vicina" per anni. :P Comunque, da un po' di tempo a questa parte, il mio nuovo obiettivo è trovare qualcosa di peggio dei suoi libri (per la cronaca, 100 colpi di "spazzola" letto per intero; il secondo, di cui ho dimenticato il titolo, dieci pagine lette e abbandonato in preda allo sconforto; la "famosa lettera" a Ruini letta per intero con successivi e ripetuti conati di vomito); butto qui un titolo: "Zone umide". :)

Ascoltare l'intervista e leggere contemporaneamente i vostri commenti è un esercizio davvero spassoso. Lo consiglio caldamente a chi si annoia guardando la domenica sera "Colorado" su Italia1 ;)

Mesella P. mi fa scendere lo sconforto nel cuore.

P.S.
Mi chiedo cosa ne avrebbe pensato il buon Italo Calvino trovandosi per le mani, in Einaudi, un libro di Melissa P., che fine gli avrebbe fatto fare?

A proposito di "Per me l’atto sessuale è un atto contemplativo"... un libro da consigliare: Delitti esemplari, Max Aub... Nel libro si legge: "La squartai dal basso in alto, come una pecora, perchè guardava indifferente il soffitto mentre faceva all'amore"... :-)

ommadonna.

Sciocchini ;)
Eppure mettere le mani nell'immondo non è un male, la cacca c'è. Bravi!
Sara

Ma non pubblicava con Fazi (e se la faceva con il figlio di)? E' incredibile la copertura mediatica che sta ricevendo, le hanno dedicato una copertina di Sette del Corriere e un sequel di articoli... non ci sono altri autori in Italia che meritino maggiore attenzione
pat
ps bellissima l'intervista "sottotitolata"

Non leggerò mai Melissa P e spero che a nessuno venga in mente di schiaffarla in Tv nella conduzione di qualche programma chè a quel punto la Tv la brucio definitivamente... però questa intervista mi ha fatto trooooppo ridere! bravi
Deborah Pirrera

divertentissima!
no, non quella di Melissa, ma quella con le vostre annotazioni.
Ci vuole un gran coraggio a leggere un libro sul quale si batte la grancassa per formarsi una personale opinione.
Il coraggio io l'ho trovato per "cento colpi...", ma ora no, oh no, ancora una sottiletta?
Bravi.

‎"Marquéz però non L’amore ai tempi del colera, ma Cento anni di solitudine."
1) Si scrive Márquez e non Marquèz;
2) si chiama García Márquez e non solo Márquez;
3) "Ho imparato da te (Luigi Pintor) a togliere quel che non serve, perfino le virgole": soprattutto prima del "ma";
4) fino a oggi si intitola Cent'anni, non cento anni, di solitudine.
Il tutto in 14 parole di cui 1 cognome e 2 titoli. Totale parole autoprodotte: 3 - però, non e ma, con "però" e "ma" nella stessa frase. Chapeau!

semplicemente esilarante! però così le fate troppo gioco...

Comunque... io continuo a ribadire come già fatto altrove che un libro che parla di "coscienza spermatica" può essere davvero interessante.
E che diamine.

Pié

Melissa!!! ma come parli!!! devi rifare l'esame di terza media, quale diploma!! Dio santo quanta capronaggine nelle sue parole! sono così felice di non aver mai comperato nessun libro! non si sente realizzata come scrittrice? logico, non lo è...invece voi due, morgan e angelica, siete uno spasso!
roberta

Ottimo, tanto di cappello ad Angela e Morgan, vi meritate un bel dieci più, come il pollo Amadori (:

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.