In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

"Il margine dell'alba" di Mariangela Cerrino

Il margine dell'alba, Mariangela Cerrino, Alacran edizioni

Si pensa che la storia non abbia lambito posti che si conoscono grazie alle vacanze, come per i torinesi e non solo per loro per l'alta Val di Susa e la zona di Briançon: in realtà anche qui ci sono ricordi di eventi storici remoti e fondamentali, come racconta l'autrice torinese Mariangela Cerrino nella sua ultima fatica, Il margine dell'alba, edito da Alacran.

Dopo aver raccontato i futuri Stati Uniti prima della guerra d'indipendenza, Roma prima di Roma sotto gli etruschi e la zona di Torino intorno all'anno mille, Mariangela Cerrino decide di portare i suoi lettori all'epoca delle guerre di religione che devastarono l'Europa nel Cinquecento, soffermandosi in particolare sulle lotte tra cattolici e valdesi tra Valle di Susa e Delfinato, uno scontro non solo religioso ("Spesso gli uomini si trincerano dietro Dio per combattere battaglie che sono solo di uomini" dice ad un certo punto uno dei personaggi della vicenda) ma volto a stabilire nuovi interessi tra il re di Francia e il duca di Savoia.
 
Per chi conosce oggi questi posti, magari anche grazie alle Olimpiadi del 2006 come splendide località sciistiche e di accoglienza turistica, scoprire una pagina poco nota della loro storia, dove località oggi famose come meta di gite e villeggiature come Bardonecchia, Briançon ed Oulx è senz'altro molto coinvolgente, a tratti persino scioccante pensare che possano essere avvenuti fatti di sangue e di lotta dove si è giocato da piccoli, dove si è imparato a sciare, dove si va a prendere il sole.
 
L'argomento principale de Il margine dell'alba è l'intolleranza religiosa, allora tragicamente protagonista di fatti storici, e ancora oggi di triste attualità in tanti angoli del mondo: ma il libro è anche un travolgente romanzo d'avventura e d'amore, dove si incontrano e si scontrano il capitano de Lacazette, personaggio realmente esistito, vero e proprio antieroe molto moderno come voltagabbana e opportunista, il suo migliore amico e poi nemico Etienne, idealista figlio di un valdese ucciso che si convertirà poi alla religione di suo padre per amore, e la bella ostessa Felicienne, divisa tra i due amici tra amore e affetto fraterno. 
 
Un romanzo storico che riecheggia non poco Dumas padre, uno degli autori preferiti di Mariangela Cerrino da sempre, dopo che lesse I tre moschettieri nell'edizione per adulti a soli sette anni, e che da Dumas riprende la gioia della narrazione, il mescolare fatti inventati che non distruggono la storia vera a fatti reali, con un ritmo incalzante di colpi di scena, ma con un cuore nella storia, il raccontare una storia di sentimenti forti, di redenzioni impossibili, di perdite definitive della propria anima ben prima della morte vera e propria. La storia dell'amicizia impossibile tra due personaggi troppo diversi, il cinico Lacazette e l'idealista Etienne, non può avere un finale lieto, troppo tragico il momento storico e troppo in contrasto i due come carattere, ma segna entrambi, soprattutto Lacazette, personaggio realmente esistito, morto come descrive l'autrice ad Oulx vittima di giochi di potere, ma che forse si era giocato l'anima in quel giorno di anni prima, in quell'alba che segnò la perdita della sua parte migliore.
Un romanzo interessante per chi ama le storie locali, per chi passa le sue vacanze in Val di Susa, per chi ama la storia quando si mescola alla finzione rendendo entrambe più forti.
Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.