Corso online di scrittura creativa

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di editing

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Heinrich Böll e Günter Grass – BINARI (9)

Sul+Romanzo_muro+di+Berlino.JPG

Di Giovanni Turi

La denuncia dell’ipocrisia nelle “Opinioni di un clown” e nel “Tamburo di latta”

Heinrich Böll e Günter Grass, dopo aver vissuto in prima linea l’orrore della seconda guerra mondiale (cui presero parte come soldati semplici), avvertirono profondamente che la società sopravvissuta non era migliore di quella che aveva inneggiato al führer. Da qui il loro impegno politico, che li vide vicini al partito socialdemocratico tedesco (SPD), ma soprattutto un’idea di letteratura come strumento di lacerazione della meschinità; furono, infatti, sostenitori del movimento d’avanguardia noto come Gruppo 47, che aveva l’intento di rifondare la cultura e la coscienza tedesca dopo l’apocalisse bellica.

I due scrittori tedeschi hanno ricevuto il massimo riconoscimento letterario dall’Accademia Svedese, Böll nel 1972 e Grass nel 1999, quando erano già noti al pubblico internazionale per i due romanzi che avevano suscitato un acceso dibattito critico e su cui ci soffermeremo qui di seguito.

Opinioni di un clown di Heinrich Böll è stato pubblicato nel 1963 e narra in prima persona le vicissitudini di Hans Schnier, rampollo di una facoltosa famiglia borghese che rinuncia al suo status sociale per irriderne la vacua esibizione sentimentale e la superficialità dell’impegno civile: “sanno benissimo che anche un artista non coscienzioso ha sempre più coscienza di un impresario coscienzioso”. Le vesti del clown sono allora le più adatte a rivendicare la propria autonomia di pensiero; peccato però che nemmeno la sua adorata Maria comprenda l’autenticità del suo amore e la moralità del suo ateismo, fagocitata anche lei da quel cattolicesimo di cui Hans coglie tutte le incongruenze.

È una cosa che ho notato spesso nei cattolici: difendono i loro tesori – i sacramenti, il Papa – come degli avari. […] Riescono a gloriarsi di tutto: delle cose in cui la loro Chiesa è forte, di quelle in cui è debole, e da chiunque ritengano appena mediocremente intelligente si aspettano che debba convertirsi.” (Heinrich Böll, Opinioni di un clown, Mondadori)

Già al suo esordio nel 1959, Günter Grass (di dieci anni più giovane di Böll) affronta queste problematiche, esasperando la componente grottesca del suo protagonista e senza eccessive concessioni all’esplicita riflessione metaletteraria. L’indimenticabile Oskar Matzerath è un mefistofelico emblema della turpe contingenza storica: arresta deliberatamente il suo sviluppo fisico all’età di tre anni e, con l’inseparabile tamburo e un grido dilaniante, urla agli adulti la loro follia che li conduce prima alla guerra e poi a quelle fobie e a quei morbi (individuali ed epocali) che non si esauriscono al termine del conflitto mondiale.
Anche nel Tamburo di latta i cattolici sono tra i bersagli preferiti dell’invettiva; parlando di sua madre, ad esempio, Oskar sentenzia che “la relazione con Jan Bronski, la collana rubata, il dolce tormento di una vita di adultera la resero devota e avida di sacramenti”; quanto a coloro che lo andranno a trovare nel manicomio in cui sarà ricoverato, ecco quel che pensa: “vengono quelli che vogliono salvarmi, che ci trovano gusto ad amarmi, che in me vorrebbero apprezzarsi, stimarsi e imparare a conoscersi. Come sono ottusi, nervosi, maleducati”.
La loro critica non voleva tuttavia essere puramente distruttiva, probabilmente Heinrich e Günter condividerebbero l’affermazione del giovane sovversivo: “a dispetto di ogni esperienza volevo la felicità, il mio scetticismo non neutralizzava il mio bisogno di felicità”, ma poco oltre precisa “la felicità esiste forse solo come surrogato” (Günter Grass, Il tamburo di latta, RCS Editori).

P.S. Binari 10 assocerà 1984 di Orwell e Fahrenheit 451 di Bradbury, dopo di che non so, iniziano a scarseggiare le idee… Se i lettori e i collaboratori di Sul Romanzo volessero darmi qualche suggerimento (come commento a questo post o per e-mail), impegni lavorativi permettendo, sarò ben lieto di accoglierlo!
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.