Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Fragili memorie digitali

Sul+Romanzo_cancellare.png

Di Annamaria Trevale


Cancellare e digitale del futuro

Un amico, che aveva scattato centinaia di foto nel corso di un irripetibile viaggio in Oriente, le ha perse senza alcuna possibilità di recupero quando, dopo averle trasferite sul computer svuotando la memoria della macchina digitale (e formattandola), ha involontariamente sfiorato col mouse il tasto “delete”.

Barbara Garlaschelli, scrittrice che quest’anno è stata selezionata tra i finalisti del Premio Strega con il suo romanzo “Non ti voglio vicino”, pochi giorni fa ha cancellato per errore il suo blog su Splinder, facendo sparire, nella frazione di secondo sufficiente a schiacciare il tasto sbagliato, tre anni di lavoro letterario: in questo blog, molto seguito in rete, pubblicava non solo note e racconti personali, ma anche testi di altri autori, inventando anche concorsi interessanti che hanno permesso a molti esordienti di iniziare a farsi conoscere in rete.

Avvenimenti come questi fanno riflettere parecchio sulla “digitalizzazione” della nostra cultura.
Sul piano pratico è senz’altro magnifico pensare che enormi faldoni di documenti cartacei possano essere compressi nello spazio di pochi cd, risparmiando grandi quantità di spazio nei locali e soprattutto di carta, il che equivale inoltre a risparmiare qualche bosco in più.
Questo contempla però anche un continuo lavoro di aggiornamento degli archivi che un tempo non era necessario, poiché un foglio di carta restava tale anche dopo decine di anni.

I sistemi informatici sono in continua evoluzione, e non sempre le nuove versioni dei sistemi operativi sono in grado di aprire documenti salvati quando erano in uso versioni molto antecedenti. Pensate soltanto a quando, negli anni ’90, erano largamente usati per le archiviazioni i floppy disk, ormai praticamente scomparsi in quanto i computer attuali non contengono più da tempo il lettore apposito, che appena una decina d’anni fa faceva parte della dotazione di base di qualsiasi sistema: questo significa che tutti coloro che avevano archivi su floppy hanno dovuto col tempo trasferirli su cd o hard disk esterni, il che ha comportato un nuovo lavoro di archiviazione.

E veniamo all’argomento più dibattuto negli ultimi tempi in campo editoriale, vale a dire la sempre più vasta diffusione dell’e-book e le previsioni riguardanti una sua adozione totale al posto dei libri stampati su carta.
Nessuno nega l’estrema comodità di un lettore di e-book, in grado di farci portare con noi ovunque l’equivalente di una vasta biblioteca, permettendoci di leggere “Guerra e pace” di Tolstoj o “La ricerca del tempo perduto” di Proust senza dover sopportare il peso dei numerosi volumi che li compongono, per non parlare poi dei testi tecnico/pratici che dobbiamo magari leggere per lavoro e di cui non c’interessa conservare una copia cartacea.
I lettori tradizionali, di fronte alla possibile sparizione dei libri stampati su carta, pongono di solito due obiezioni. La prima è squisitamente estetica e rileva il piacere di avere tra le mani un libro da sfogliare piuttosto che un congegno elettronico, mentre la seconda è più pratica e considera che la lettura da video risulti, a lungo termine, molto più stancante di quella dalla carta stampata.

Il problema fondamentale del duello fra il libro stampato e quello elettronico rimane però la conservazione dei testi: considerando i rapidi mutamenti dei sistemi informatici, come possiamo sapere se fra cent’anni un romanzo archiviato oggi in formato elettronico sarà ancora leggibile?
I libri stampati centinaia di anni fa sono ancora a nostra disposizione, anche se si devono sfogliare con cautela, e tutti noi possediamo volumi appartenenti ai nostri genitori, o addirittura ai nonni, che sono stati letti e riletti più volte in famiglia … ma nel 2100 leggeremo ancora gli e-book creati oggi?

Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (1 vote)

Commenti

Curioso.. proprio qualche giorno fa pensavo che basterebbe solo un click per cancellare il mio blog, e tutto il percorso di autoanalisi personale, digitale e letteraria che ho fatto in questi ultimi due anni.

Basterebbe un solo click per far sparire Blogosfere, uno dei miei "datori di lavoro".

Basterebbe un solo click per far sparire Sul Romanzo e un solo click per far tramontare tutte le "amicizie" nate grazie a questo circuito, visto che si basano su email e/o Facebook.

La vita vera è fuori dal pc, sempre!

beh...mi dispiace deludere il vostro apocalittico catastrofismo...ma le foto le poteva recuperare...tutto si può recuperare, nulla viene realmente cancellato con un click...prima di creare un falso mondo beatamente primitivo...pensate ai vantaggi del futuro piuttosto che spaventarvi di ciò che non conoscete bene...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.