In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

“È nata una star?” di Nick Hornby

Sul+Romanzo_E-nata-una-star-di-Nick-Horn

Di Anna Fioravanti

“È nata una star?” di Nick Hornby (traduzione di Sivia Piraccini)

Questa settimana ho deciso di scrivere una recensione sull’ultima fatica letteraria di Nick Hornby: “È nata una star?”. Ed è quello che, nel bene e nel male, ho cercato di fare per giorni senza però riuscire a trovare qualcosa di veramente interessante da dire. Forse, perché ho quasi la sensazione che manchi qualcosa di importante a questa storia, raccontata in prima persona da Lynn, madre di Mark, che Hornby imprigiona in sole 73 pagine (molti lo hanno definito ‘romanzo’. Lo è davvero? Chiedo la vostra opinione ma mi permetto di dire che, per me, non è un problema di etichette né di ‘lunghezza’ perché sono fermamente convinta che in Italia non si pubblichino abbastanza racconti).

Avete mai avuto una vicina insopportabile?

(No, non mi riferisco a quella che ogni tanto bussa alla vostra porta con i calzettoni di lana di due colori diversi ed i bigodini in testa solo per chiedere, con il più seducente dei sorrisi, dello zucchero a vostro marito…)

È proprio Karen, la vicina insopportabile, il primo grande mistero di questa storia: è una vera pettegola? Vuole vendicarsi? Cosa la spinge a rovinare quella che sembra essere un’esistenza dignitosa e ‘felice’? Conosciamo Karen perché Lynn ci parla di lei, raccontandoci della videocassetta che la vicina le ha fatto trovare, insieme ad un biglietto. E fin dal primo paragrafo del libro scopriamo che non si tratta di una copia della versione rimasterizzata di “Tutti insieme appassionatamente” ma, piuttosto, di un film porno il cui protagonista è Mark, il figlio adolescente della donna.

Cosa fareste se scopriste che vostro figlio fa l’attore porno?

Sinceramente non lo so. Forse gli avrei chiesto di andarsene di casa, o di scusarsi, o di spiegarmi. Lynn, invece, ne parla velocemente con suo marito poi… guarda il film e, scoprendo le doti ‘nascoste’ di Mark, si dimostra semplicemente incredula: fino a quel momento, infatti, è sempre stata convinta che suo figlio fosse un mediocre. E questo, naturalmente, crea una situazione particolarmente divertente. Eppure c’è qualcosa che non mi convince del tutto di questo personaggio; mi domando: è possibile che una madre abbia un’opinione così bassa del proprio figlio? Certo, qualcuno fra voi potrebbe obiettare che non siamo tutti geni e forse Lynn è semplicemente onesta. Eppure, continuo a non esserne convinta.

Lynn ci pensa, ne parla con suo marito Dave e, finalmente, affronta Mark. E non ci sono reazioni forti, di nessun tipo: Mark fa l’attore porno, la sua ragazza non lo sa, ha iniziato per caso… ed è mediocre anche in quello perché sì, le sue doti naturali sembrano essere particolarmente importanti, ma non guadagna poi molto – tanto che è costretto a vivere ancora con i suoi genitori.

La suspense iniziale, insomma, creata ad arte attraverso una situazione e dei personaggi paradossali, nel miglior stile dell’autore, si dissolve così, con troppa leggerezza, tanto che quando Lynn e Dave si ritrovano a letto e parlano ancora della grande ‘novità’ quello che si dicono non ci spiega le loro opinioni, i loro sentimenti, le loro idee. Veniamo semplicemente a sapere che il talento nascosto di Mark è parte dell’eredità ricevuta dal nonno materno. Poi, fanno sesso.

È così che finisce il libro?

No, in realtà, no. Ci sono altre pagine, una sorta di morale della favola, una favola che però mi domando se fosse giusto raccontare: dovrei parlarvi dei libri che leggo, di quelli che in un modo o nell’altro migliorano la mia percezione del mondo, e ciò che sono. Invece, questa volta mi sono semplicemente lasciata sedurre dal titolo accattivante di questo nuovo lavoro di Hornby, dalla copertina giallo e arancio in cui è raffigurata una sagoma maschile con una stella ad altezza ombelico. 

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.