Corso online di Editing

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Scrittura Creativa

Avanti pecore, che il paese così migliora di sicuro...

Sul+Romanzo_pecore.jpg

Di Morgan Palmas

La libertà di espressione e la libertà di tutti

Ieri è stata una giornata impegnativa, mail e telefonate mi hanno tenuto al pc fino a notte fonda. La questione dell’oscuramento di due post (poi divenuto uno soltanto, l’altro è ricomparso dopo alcune ore) è un tema che va oltre la piccola goccia nell’oceano che rappresenta Sul Romanzo, va a toccare alcune dinamiche contemporanee della libertà di espressione nella rete. 

Forse è bene ricordare – visti alcuni commenti – che qui non è in discussione la presunta innocenza dei contendenti (Pinna, Turrini, Brizzi), la magistratura se ne sta occupando, quindi, il sottoscritto non intendeva donare veridicità alle parole di un singolo, anche se, com’è ovvio, avendo pubblicato il primo post dando voce a Pinna, poteva sembrare una traslazione ipotizzabile.
Pinna è una collaboratrice di Sul Romanzo di cui ho stima, mi ha parlato della sua vicenda, che cosa avrei dovuto fare se non permetterle di spiegare la sua visione delle cose? È ancora possibile avere il diritto di informazione in questo bizzarro paese o no? Se Turrini o Brizzi mi avessero chiesto di replicare, non avrei avuto dubbi nel permettere loro di farlo. Non mi hanno mai contattato.
Le mie sono grossolane impressioni, che nulla possono dire di definitivo. Ho il sospetto che le ragioni di Pinna non siano così campate in aria e devo ammettere che ora sono molto curioso di come andrà a concludersi la vicenda in tribunale. 

Si è intuito con facilità che il baricentro della questione si è spostato verso un altro versante: la libertà di espressione in rete e i rapporti fra blogger, piattaforme gratuite (come Blogger, che appartiene a Google) e Stato.
Un fatto è lampante, la visione di libertà sottende quella di legalità. Tuttavia nel mondo della legalità vi sono aspetti che mi hanno lasciato perplesso rispetto all’oscuramento definitivo di un post di Sul Romanzo. Non ho una formazione giuridica, quindi, le mie sono soltanto impressioni, eppure esperti del settore non concordano. Si veda:


Non c’è chiarezza. Manca una normativa precisa che renda palese i rapporti sopraccitati. 
Dove sono i politici? 
Potrebbero sembrare tematiche secondarie, non è così. La libertà di espressione consegue altri diritti, le commistioni e gli angoli rilanciano verso direzioni che coinvolgono temi come la precarietà esistenziale nel nostro paese, il lavoro, l’economia, la società tutta. Sapere i limiti di espressione permette di comprendere come gestire in miglior modo la propria vita, anche negli hobby.

È mai possibile che paesi come la Finlandia o l’Islanda discutano di continuo di argomenti legati a internet, quando in Italia non pochi politici non sanno comprendere la differenza fra sito e blog, fra post o social network, fra Youtube e Twitter, o che intere aree della penisola godano ancora di velocità di connessione vergognose?
Qualcuno dirà: “Ci sono problemi più importanti!”, certo, c’è sempre un problema più importante, e di questo passo, come il paradosso di Zenone, si finisce col discutere di morte, universo e Dio. Ognuno dedica tempo ai problemi che ritiene che debbano essere considerati, ma mi aspetto da un politico che abbia le basi minime per capire gli strumenti della contemporaneità e che trovi soluzioni concrete. 

Io considero la libertà di espressione 
di un blog importante. Punto.

Talmente importante che dai confronti *liberi* fra alcuni della redazione di Sul Romanzo sta per nascere una piccola attività imprenditoriale, è o non è importante il lavoro in questo paese? (Ecco perché “La libertà di espressione consegue altri diritti”).

Il sottoscritto sta pensando da tempo con serietà di emigrare e la prossima estate rappresenta il limite massimo che si è dato. Un ultimo tentativo dopo anni di precariato vergognoso. Se la mia situazione lavorativa non cambierà, me ne vado, stop. Voglio un futuro dignitoso per la mia famiglia, perché devo rimanere in questo disgraziato paese che continua nelle sue deprecabili e ombelicali abitudini decennali? Per la Patria?
E il caso di Pinna, diciamolo sottovoce, sembrerebbe riprodurre uno di quelli noti all’interno delle università. Sembrerebbe, utilizzo il condizionale. Utilizzare il condizionale è un reato di diffamazione caro PM?

Per questi motivi reputo che si debba parlare ancor più della vicenda che ha coinvolto Sul Romanzo, ne va della libertà di tutti, della libertà di confrontarci e di creare dibattito, opportunità, lavoro.
O vogliamo credere che tanto non cambia nulla in Italia? L’indifferenza, come nei recenti casi di cronaca, sembrerebbe dominare, sta a ognuno di noi dimostrare a se stesso che non appartiene alla nutrita schiera degli ignavi.

Ringrazio tutti coloro che hanno dimostrato solidarietà a me e al blog Sul Romanzo. 

Nessun voto finora

Commenti

Da un punto di vista esclusivamente "tecnico", perche' non hanno oscurato il sito dell'Espresso o obbligati a dare formale smentita (visto che la pubblicazione e' gia' stata effettuata)? Perche' questa differenza tra notizie/idee/riflessioni tra carta stampata ed internet. Non mi si venga a dire che non si sa con chi prendersela, altrimenti bisognerebbe oscurare di sana pianta tutto Internet.
Se andate su :
http://espresso.repubblica.it/dettaglio/la-prof-mi-ha-copiato-le-ho-fatt...
e su:
http://espresso.repubblica.it/dettaglio/la-replica-della-professoressa-t...

Ci sono ancora regolarmente i due articoli.
Adesso chi mi dice la differenza tra quel sito e il blog SulRomanzo???

Gianni

PS Morgan non devi andare via dall'Italia prima che io finisca l'esperienza iniziata con "Scrivere il romanzo che e' in te" !!! ;-)

:) Gianni, il post cancellato è un altro, nel quale si elencavano tutta una serie di esempi del presunto copia/incolla.

La notifica della polizia ordinava poi di cancellare quello che è esattamente uguale al primo che citi. Era stato oscurato nel mio blog per alcune ore, poi è ricomparso.

Quindi, a rigor di logica, il PM dovrebbe chiedere l'oscuramento del primo post che citi de L'Espresso. Bizzarrie della rete e della giustizia.

Che i politici italiani non si occupino di Internet è l'ennesima dimostrazione che la nostra classe politica è vecchia, non solo anagraficamente ma mentalmente, visto che non è stata in grado di recepire l'importanza delle nuove tecnologie nel mondo contemporaneo e imparare ad usarle. E non è tanto una questione di età, visto che non è obbligatorio essere ragazzini per imparare ad usare un pc e/o navigare in rete (io ho imparato a farlo a quarant'anni, come molti della mia generazione), ma proprio di essere "vecchi dentro", e arroccati nel proprio mondo di convinzioni e privilegi da difendere dal "nuovo che avanza" e di cui si ha paura.
Ma tu Morgan non ci pensare neanche ad andartene!

.. se te ne vai non puoi lottare per un paese migliore.. non si fa così..:-(
roberta

Morgan, capisco il tuo desiderio di andartene...Ce l'ho anch'io, che sono vecchia e ho il futuro ormai breve. Però cerca di resistere, ancora e ancora.

Milvia

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.