In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Corso online di editing

“Une éducation libertine” di Jean-Baptiste Del Amo

Sul+Romanzo_Jean-Baptiste+Del+Amo.jpg

Di Angelica Gherardi

“Une éducation libertine”, il nuovo “ventre di Parigi”

Un libro può essere contemporaneamente un libro noioso e un bel libro? È la domanda che mi pongo da quando ho iniziato a leggere Une éducation libertine, di Jean-Baptiste Del Amo, e a oltre metà dell’opera (450 pagine scritte fitte fitte) ancora non sono riuscita a sciogliere la prognosi. Sicuramente alcuni eminenti specialisti prima di me lo hanno reputato bello, visto che ha vinto il premio Goncourt del primo romanzo, ma d’altra parte il Goncourt, come il nostro Strega, non è esente da critiche e scandali più o meno occulti.

Resta il fatto che Une éducation libertine è un bel libro. Scritto particolarmente bene, con uno stile contemporaneamente antico e moderno, un vocabolario esteso e ricercato seppur mai fuori luogo, sembrerebbe scritto nell’Ottocento se non fosse per passaggi alquanto scabrosi, ma mai volgari, che all’epoca probabilmente sarebbero stati censurati. Il problema qual è? È la trama, che sembra quasi un pretesto, e il protagonista, Gaspard, che non è il vero protagonista. Perché a fare la parte del leone e ad essere antropomorfici sono la città, Parigi, e il fiume, la Senna. La prima è quella di prima della rivoluzione, sporca, puzzolente, senza fogne, senza onore e senza gloria, calpestata dai suoi cittadini poveri, volgari, cenciosi, violenti, elemosinanti, e qualche borghese o nobile irrispettoso, chiuso sul suo mondo, pronto a travolgere con la sua carrozza qualche misero, uomo, donna o bambino, senza che ciò abbia conseguenze. Il secondo è quel turbinio di acque sporche quasi tentacolare, di cui la città non può fare a meno, di cui i cittadini non possono fare a meno, perché è lì che le lavandaie vanno a lavare i panni, è lì che si gettano i rifiuti, è lì che arrivano mercanzie e legna, è lì che ci si suicida, ed è lui (lui, non esso) che attira o respinge irresistibilmente il giovane Gaspard. Le descrizioni sono accurate e estremamente crude, dal vecchio barbone che muore per strada ancora con la mano tesa, defecando anche dalla bocca il marcio dei suoi intestini, all’impiccagione del pedofilo assassino che non muore immediatamente davanti alla folla prima esultante poi in ribellione contro il boia e le forze dell’ordine. 

Sul+Romanzo_Une+%C3%A9ducation+libertine
E Gaspard? Di lui sappiamo, nelle prime 250 pagine, solo che è povero, che viene da Quimper per scoprire la vita parigina, che lavora per un po’ nella Senna a sganciare i tronchi che arrivano, poi come apprendista da un parrucchiere (artigiano delle parrucche) e che conosce la sua prima esperienza sessuale nonché omosessuale ad opera di un nobile annoiato. Ma anche lui sembra quasi una comparsa della città, un povero tra gli altri, uno che dorme nella cantina della bottega tra i ratti e le acque che la allagano, che soffre l’estremo freddo o l’estremo caldo che Parigi distribuisce a seconda delle stagioni. Ma la sua storia non appassiona, per il titolo e per le sue gesta finora già si intuisce lo svolgimento, ci si chiede quando si arriverà a qualcosa che susciterà un interesse che non sia quello morboso per la città nel suo vestito più lurido. In fondo chi è che subisce un’educazione libertina, Gaspard o Parigi? O è forse la seconda che istruisce il primo e lo porta nel suo ventre fetido? 

Resta che da un giovanissimo scrittore, il ventisettenne Del Amo alla sua prima prova, non ci si aspettava cotanta maestria nella scrittura e altrettanta cultura, un quadro d’epoca così particolareggiato e preciso. Seppur senza alcuna passione e con un po’ di noia, arriverò fino alla fine.

Addendum: L’ho finito. Il seguito è meno scontato di quanto pensassi. Ho deciso: mi è piaciuto.

Une éducation libertine
Jean-Baptiste Del Amo
Gallimard, 18.05 € su amazon.fr
Folio (tascabile) 7.31 € su amazon.fr
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.