Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Scrittore di “non best seller”

Sul+Romanzo_best+seller.gif

 Di Pierfrancesco Matarazzo

Best seller e strategia di successo

Tutto è iniziato con una telefonata serale.
Ero alle prese con una succosa galletta senza lievito, cercando di caricare sul suo fragile dorso prosciutto toscano, formaggio non formaggio (ossia a base di fumosi composti alla soia), pomodoro a tocchetti e alcune foglie di songino, quando il telefono cominciò a squillare. Ho un rapporto strano con il telefono, ossia strano se confrontato con l’italiano medio, che sembra incapace di staccarsene. Non lo amo. Non amo rimanere bloccato in telefonate incentrate sullo scambio reciproco di nevrosi, senza che nessuno dei due contendenti possa raggiungere il suo reale obiettivo: farsi ascoltare.
Cercai quindi di comportarmi come il mio cervello imponeva. Lasciarlo suonare fino a che la controparte avesse smesso. Qualcosa però mi spinse a rispondere, forse la mia galletta che, nel frattempo, era crollata rovinosamente nel piatto.
La voce, consapevole della mia avversione al mezzo telefonico, fu gioiosamente sintetica: “Vai su La7. C’è Lilli Gruber che intervista due scrittori di best seller, potrebbe essere interessante per te.”
Si che lo era. Forse troppo. La casta degli scrittori non di best seller, tra cui timidamente mi ricomprendo, è comunemente dilaniata da un atavico sentimento d’invidia per i suddetti.

Possono allora aprirsi due strade:

1. lo sdegno e il rifiuto. La più comune: “non voglio sapere come ha fatto e comunque ci sarà di mezzo una raccomandazione. Chissà chi conosce e di chi è figlio.” Affermazione che spesso, purtroppo, corrisponde a verità;
2. la curiosità depressiva. Lo scrittore non di best seller non potrà fare a meno di ascoltare l’intervista di uno scrittore di best seller, cercando di captare il ben che minimo suggerimento da applicare al suo lavoro. Pur conscio che se vi fosse davvero un segreto per scrivere dei best seller nessuno lo rivelerebbe. Tale curiosità è di tipo “depressivo” poiché, a fine intervista, sfocia inesorabilmente in confronto, autoanalisi e creazione di apocalittici scenari futuri, in cui tutti gli amici dello scrittore non di best seller sono divenuti scrittori affermati, tutti, tranne lo scrittore stesso.

Nel mio caso scelsi come al solito la seconda possibilità e mi sintonizzai su La7.
Gli ospiti erano Gianrico Carofiglio e Amélie Nothomb. La prima cosa che pensai fu che non avevo letto i loro libri. La seconda che avrei dovuto farlo. La terza che forse avrei dovuto prima sentire cosa dicevano. La quarta che, in ogni caso, avrei dovuto leggere i cosiddetti best seller, non tanto come atto di piacere, ma come processo di documentazione e studio di un prodotto commerciale di nome libro. La quinta cosa che pensai fu che era molto triste considerare un libro come un prodotto commerciale.
Nel frattempo l’intervista scorreva e il mio cervello, abituato a registrare gli avvenimenti esterni mentre sono preso dalle mie dissertazioni silenziose, prendeva appunti.
La Nothomb appariva eterea, sicura di sé e vogliosa di impressionare. Carofiglio, concreto, acuto e amabilmente confidente nella sua padronanza linguistica. Li ascoltai parlare della loro routine scrittoria. Un impegno continuativo e massiccio per la Nothomb, che diceva di scrivere ogni giorno per almeno sei ore senza interruzioni, concentrando il suo impegno nelle ore notturne. Concitato e costantemente interrotto dalla “vita” invece l’impegno scrittorio per Carofiglio, che dichiarava di non poter scrivere in maniera continuativa per più di mezz’ora. La Nothomb si dilettava a stupire la Gruber, aggirando le sue domande e dichiarandosi una grande scrittrice, forse la più grande fra le viventi. Carofiglio, dissimulando stupore per le parole della “collega”, enunciava la sua ricetta per scrivere un buon best seller: “Non ci sono ricette”.
Risultato?

Ho comprato un libro di Carofiglio. DOVEVO CAPIRE. Avevo scelto lui per vari motivi:

1. era italiano e quindi leggendo il suo testo si potevano intuire i temi, le trame e i personaggi che possono più interessare ai lettori italiani;
2. scriveva principalmente storie cosiddette noir, quindi molto lontane dal mio genere e per questo più interessanti da analizzare e interiorizzare;
3. (la più importante) pensavo di non riuscire (poi ovviamente l’ho fatto) a comprare un libro di un’egocentrica talmente disinibita da dichiarare il suo senso di superiorità senza alcun filtro. Non poteva fare come tutti gli altri e camuffarlo?

Comprai e lessi in pochi giorni: “Il passato è una terra straniera”, vero e proprio exploit di Carofiglio, tradotto in molte lingue, vincitore del premio Bancarella nel 2005 e base per un film di Daniele Vicari nel 2008. Scrittura limpida, con un retrogusto autobiografico, Carofiglio porta il lettore nel ventre molle della sua Bari alle soglie del passaggio di Giorgio (uno dei protagonisti) all’età adulta. Immedesimazione. Forse questa è una delle chiavi di Carofiglio. Era facile riuscire ad immedesimarsi con uno dei suoi due protagonisti, in Giorgio e Francesco vengono rinchiuse e consumate tutte le pulsioni di un fra poco adulto. Quando ebbi finito il libro, fissai a lungo la copertina, un abile cofanetto di book marketing dal sapore retrò della BUR, più spesso del normale, per far percepire valore al contatto e morbido, ripiegabile, maltrattabile. Forse per renderlo vissuto quanto il testo?
La mia mente galleggiava in un brodo di interrogativi melmosi e non aveva ancora una risposta. Confuso, posai il libro dalla copertina affabulatrice ai piedi del letto. Non avevo la soluzione.
Non so cosa renda un best seller tale. Forse solo un po’ di fortuna. Forse la rete di conoscenze dell’autore. Forse la sua casa editrice, l’agente, una costante caparbietà nel non mollare da parte dell’autore. Forse.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Livio Garzanti affermava che facendo pressioni su critici, librai, distributori, acquistando spazi pubblicitari, riusciva a spingere un libro al massimo sino a 30.000 copie. Oltre, c'era il passaparola, solo quello rendeva un libro, un best seller.

Sì, ma cosa spinge un grande editore a scegliere, fra le decine di titoli che pubblica ogni anno, il "fortunato" su cui puntare con un grosso investimento promozionale? Marketing, mappatura delle preferenze dei lettori, sensazioni, un consiglio di un altro scrittore?
Leggendo le interviste ai grandi editor, la risposta non sembra venir fuori.

Chi ha avuto l’opportunità di conoscere Bompiani cita spesso l’aneddoto della margherita. Si racconta, infatti, che il modo migliore per capire se un libro sarebbe diventato un best seller era quello di interrogare il fiore, petalo dopo petalo. Spesso il responso era veritiero…
Pierfrancesco

Mmmm...siamo davvero in tanti a riconoscerci come "scrittori di non bestsellers"!

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.