In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di Scrittura Creativa

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Corso online di Editing

"Rosso Floyd" di Michele Mari

di Alessandro Puglisi

"Rosso Floyd" di Michele Mari

Rosso Floyd, l’ultimo romanzo di Michele Mari, edito da Einaudi, è di sicuro un libro ostico, almeno per i lettori meno smaliziati. “Ostico” è in questo caso aggettivo da riferirsi esplicitamente e quasi esclusivamente all’architettura della narrazione, frammentata, divisa, sezionata fino ad una parcellizzazione quasi estrema. Ricordare il sottotitolo ci verrà qui incontro: Romanzo in 30 confessioni, 53 testimonianze, 27 lamentazioni di cui 11 oltremondane, 6 interrogazioni, 3 esortazioni, 15 referti, una rivelazione e una contemplazione.

Se la storia, infatti, com’è facile intendere, è (per dirla con intento di semplificazione) quella dei Pink Floyd, la vicenda della band inglese emerge dalla storia del ventesimo secolo come pazientemente raccontata, passo dopo passo, ma senza un’impalcatura narrativa vera e propria a sostenerla e, tuttavia, non per questo fragile. Quello che, a tratti pacatamente, e a momenti urlando, ci restituisce la parabola del gruppo, dall’esordio con The Piper at the Gates of Dawn (titolo, ricordiamolo con particolare attenzione, in questo caso, di un capitolo del libro di Kenneth Grahame, scrittore per ragazzi nato ad Edimburgo nel 1859, The Wind in the Willows), fino a The Final Cut, album seguito dall’abbandono di Waters, e ancora oltre, con A Momentary Lapse of Reason e The Division Bell, è un coro fatto da voci caratterizzate dalle più svariate sonorità. O, come viene, in maniera anzi piuttosto insistente, suggerito nel corso del romanzo, la sfilata, lunga e dolorosa, di una nutrita schiera di testimoni molto ben “informati sui fatti”: dai cosiddetti siamesi, vale a dire Pink Anderson e Floyd Council, i due bluesman dalla cui “fusione onomastica” derivò la denominazione definitiva del gruppo, immaginati come mostruose creature avvinghiate l’una all’altra, ai membri stessi della band, ad artisti come Alan Parsons (ingegnere acustico dei “Floyd” prima di fondare l’Alan Parsons Project) e Alan Parker, regista dell’opera-rock Pink Floyd The Wall, solo per citare alcuni tra i numerosissimi “personaggi”.

Si diceva in precedenza che Rosso Floyd è ostico, ora si dovrà renderne conto. Il romanzo di Mari rappresenta, ci sembra, un organismo letterario dalla forma atipica (almeno per il lettore medio italiano, si badi) ma con ingranaggi e meccanismi ben oliati e funzionanti; tuttavia è d’uopo segnalare, semplicemente, la leggera stanchezza sopraggiunta oltre i due terzi del volume, quando la gran parte dei “testimoni” di cui sopra ha ormai “deposto” più d’una volta, e bene è stata messa a fuoco la vicenda tragica (ma, in sé, quasi mitica) di Syd Barrett, il crazy diamond.

Ciò nonostante, l’interesse, da parte di Michele Mari, per le capacità proiettive e affabulatorie del linguaggio, viene efficacemente sostanziato nella seppur franta articolazione dell’opera e ne costituisce un aspetto sicuramente di ragguardevole positività. L’accumularsi dei frammenti di storie concorre a un mosaico che ha il pregio duplice, da un lato, per chi conosce la complessa vicenda dei Pink Floyd, di riviverla, almeno in parte, e dall’altro, per chi ne fosse all’oscuro, di scoprirla, nei suoi accenti più tragici e malinconici (soprattutto, come si accennava, in riferimento a Barrett). Naturalmente, non è esclusa una sana dose di finzione, in Rosso Floyd; finzione, però, sempre asservita alle realtà storiche, agli effetti, alle conseguenze, all’“accaduto”.

Mari, già assiduo frequentatore di temi come la memoria e il racconto del vissuto, oltre all’adolescenza (o addirittura l’infanzia) quali momenti topici da custodire in sé come in uno scrigno, ripropone qui, ancora una volta, lo stile composito, vivo anche nella sua produzione poetica, di cui Cento poesie d’amore a Ladyhawke può essere un ottimo esempio, e le frequenti virate al sovrannaturale che lo caratterizzano. Il risultato è sicuramente soddisfacente, e consigliabile.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Personalmente non ho trovato Rosso Floyd particolarmente ostico, né mi ha stancato a due terzi. Ma penso che questo dipenda anche da quanto il vissuto del lettore sia legato alla musica dei Pink Floyd (e il mio lo è parecchio). Del resto a mio avviso il libro è - giustamente - abbastanza breve e termina al punto giusto, prima di annoiare.

Penso tuttavia che sia sbagliato chiamarlo romanzo. Non lo è. Non ne ha la struttura, né il tema. In effetti è difficile classificare questo scritto di Mari. Forse la si potrebbe chiamare "biografia alternativa". Ma in fondo importa poco. Importa che quello di Mari è un viaggio letterario davvero mirabile, intenso e linguisticamente eccezionale, dentro il corpo e il sangue di un gruppo che ha fatto la storia della musica.

Se a qualcuno interessa dargli un'occhiata, mi permetto di segnalare la mia recensione a riguardo che ho scritto un paio di mesi fa: http://ilgrandemarziano.blogspot.com/2010/05/storia-di-un-mostro-rosa.html

Capire cosa, oggi, può definirsi romanzo e cosa no, aprirebbe una discussione infinita e potenzialmente pedante. Secondo me quello di Mari È un romanzo; altra storia è, per quanto mi riguarda, come le varie parti che Mari assembla concorrono a crearlo, questo romanzo.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.