Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Levi e Pavese, cronache dal confino – BINARI (7)

Sul+Romanzo_carlo+levi.gif

Di Giovanni Turi

Dissonanze tra “Cristo si è fermato a Eboli” e “Il carcere”

Sia Cesare Pavese, sia Carlo Levi hanno subito sotto la dittatura fascista la condanna al confino, traducendo poi, come loro consuetudine, l’esperienza, le emozioni e le riflessioni che ne sono scaturite in narrazione; hanno però adottato una diversa prospettiva, sintomatica delle loro distinte personalità. Levi in Cristo si è fermato a Eboli rende conto, con partecipe attenzione, della miseria e della sudditanza in cui vessano i contadini, lucani e non solo; Pavese nel Carcere non distoglie lo sguardo da se stesso, dalla solitudine che alligna in ogni uomo e di cui l’esilio non è che una tangibile metafora.

Carlo Levi (1902-1975) fu un antifascista convinto, come tra l’altro dimostra l’adesione alle istanze di “Giustizia e Libertà”, che gli valse l’arresto nel 1934 e il confino in Lucania. Cristo si è fermato a Eboli, pubblicato da Einaudi nel 1945, documenta come nel Sud della penisola la dimensione storica del fascismo e quella atemporale del Meridione rurale convivessero indifferenti l’una all’altra: prima con curiosità e distacco, poi con intima commozione, lo scrittore osserva e inizia a comprendere quel mondo superstizioso e rassegnato, ma intimamente poetico, dove la fame e la fatica ottundono ogni altro orizzonte.

Per i contadini, lo Stato è più lontano del cielo, e più maligno, perché sta sempre dall’altra parte. Non importa quali siano le sue formule politiche, la sua struttura, i suoi programmi. I contadini non li capiscono, perché è un altro linguaggio dal loro, e non c’è davvero nessuna ragione perché li vogliano capire. La sola possibile difesa, contro lo Stato e contro la propaganda, è la rassegnazione, la stessa cupa rassegnazione, senza speranza di paradiso, che curva le loro schiene sotto i mali della natura.” (Carlo Levi, Cristo si è fermato a Eboli, Einaudi)

Sul+Romanzo_pavese.JPG
Davide Lajolo, il primo biografo di Cesare Pavese (1908-1950), rileva come lo scrittore è stato “sì un confinato politico, ma che non aveva fatto politica e non aveva – allora – alcuna intenzione di farne” (Il «vizio assurdo». Storia di Cesare Pavese, Il Saggiatore); la condanna di Pavese al confino nel 1935 deriva infatti, oltre che dall’aver accettato la direzione della renitente rivista «La Cultura», dalle sue frequentazioni antifasciste: il professore Augusto Monti, Leone Ginzburg (amico dai tempi dell’università), Tina Pizzardo, con cui ha intrecciato un legame amoroso. Non sorprende dunque che nel Carcere, pubblicato sempre da Einaudi nel 1948, non vi sia alcun cenno alla condizione storico-politica, poiché l’interesse del narratore è onninamente rivolto all’angosciante solitudine del protagonista, l’ingegner Stefano: la sua insufficienza morale, l’egoismo, il timore di essere ferito da sentimenti incontrollabili come l’amore e il desiderio, si scontrano incessantemente con il desiderio di calore e di contatti umani autentici; i due poli tra cui si è dibattuto lo stesso autore, uscendone dilaniato.

Ogni dolcezza, ogni contatto, ogni abbandono, andava serrato nel cuore come in un carcere e disciplinato come un vizio, e più nulla doveva apparire all’esterno, alla coscienza. Più nulla doveva dipendere dall’esterno: né le cose né gli altri dovevano potere più nulla.
Stefano strinse le labbra con una smorfia, perché sentiva la forza crescergli dentro amara e feconda. Non doveva più credere a nessuna speranza, ma prevenire ogni dolore accettandolo e divorandolo nell’isolamento.” (Cesare Pavese, Il carcere, Einaudi).

Nessun voto finora
Tag:

Commenti

forse quel che ha spinto questi due grandi narratori è una diversa sensibilità culturale, più che politica; Carlo Levi ha l'occhio dell'intellettuale, mentre Pavese più quello del poeta

concordo in pieno con Prometeo...
Pavese è poeta, sempre.
Anche, semplicemente, quando redige il suo "diario"...

sarei tentato di dire il contrario: Levi è più poetico, Pavese più intellettuale, ma che siano grandi narratori siamo d'accordo.
"Dialoghi con Leucò" è forse tra i capolavori del '900 letterario italiano...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.