Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

“Ipotesi corpo” la potenzialità poetica di Enzo Campi

Sul+Romanzo_Ipotesi+Corpo_Enzo+Campi.jpg

Di Alessia Mocci

La poetica di Enzo Campi

“…Io corpo dunque/ nessuna tesi/ o tutte le tesi/ né ora né mai/ e se l’ipotesi deborda dal limite/ l’anatomia si ferma del tutto/ e poco altro implora/ se non la costrizione nei bordi/ e lo schiacciamento/ verso il centro…”

Uno studio delle possibilità del corpo, uno studio estremamente poetico dei suoi movimenti e delle sue potenzialità artistiche e biologiche. Il poemetto “Ipotesi corpo” edito dalla casa editrice Edizioni Smasher nel 2010, consta di un’interessantissima introduzione intitolata “Posizioni” a cura di Natàlia Castaldi e dei versi dell’autore, Enzo Campi.

Enzo Campi nasce a Caserta nel 1961, è autore, attore e regista teatrale, ha realizzato cortometraggi e lungometraggi, collabora con riviste online, è pubblicato in diverse antologie poetiche, ha pubblicato saggi di filosofia e di critica letteraria. Un’artista tout court che definisce il suo poemetto “pensiero pensante” per la massificazione e l’armonia dei generi letterari presenti.

La poetica di Enzo Campi non è comune, il teatro aleggia in tutto il poemetto conducendo le parole al movimento ed il movimento al pensiero. Una poesia dotta, complessa, preparata, organizzata. Il poemetto presenta due dediche iniziali, la prima a Francis Bacon e la seconda ad Antonin Artaud, una sull’invenzione delle strutture e l’altra sull’io e sul corpo. Una perfetta commistione di significato in queste due citazioni - dediche - scelte dall’autore.

“Ipotesi corpo” non presenta un inizio segnalato dalla lettera maiuscola, è ciclico, si potrebbe leggere/ascoltare senza interruzione dal primo verso all’ultimo e dall’ultimo al primo.
La punteggiatura non è presente, totalmente assente se non per il punto di domanda che compare spesso. Nel suo monologo, l’“io corpo” incappa in quesiti multiformi quali per esempio:
“…perché amore/ se non sesso al senso che qui s’annoia e tace/ dedicandosi la firma simpatica/ pronta a dissolversi all’occasione mancata?...”,
“…io corpo dunque/ solo peso/ solo coito interrotto/ getto di seme/ a significare/ disfare cosa?...”
“…piaga per disappropriarsi/ o poesia per disgregarsi?...”,
“…quale utopia/ è mai stata così vera?...”.

Il poemetto si presenta come un apoteosi di figure retoriche e di significati nascosti all’interno di giochi di parole che riportano nella memoria i simpatici giullari di corte che si prendevano gioco amabilmente degli aristocratici. Le figure retoriche utilizzate sono molteplici, si va dalla più comune allitterazione all’anafora, dall’allusione all’assonanza, dalla metafora all’ossimoro. Una ricerca meticolosa da parte di Enzo Campi, ogni parola ha una disposizione precisa e teatralmente parlando un movimento del corpo preciso anche se minimo quanto la mancanza di una virgola.

Enzo Campi mette in rilievo due parole: “dispendio” e “ricominciamento” che rimandano ad autori quali Bataille ed Artaud. Il dispendio è quello dell’io narrante che si muove attraverso gli altri corpi, il ricominciamento indica l’impossibilità di risoluzione e la conseguenza dell’eterno transito.

La lettura di “Ipotesi corpo” crea perfettamente un palcoscenico ed un attore muto che riesce a parlare attraverso la mente, è una percezione avvolta in una solitudine primitiva del corpo che senza l’uso del linguaggio verbale comunicava con ciò che conosceva, con ciò che era esso stesso: corpo.

“…io corpo dunque/ otaicsevor/ vetusto sì/ ma restituito all’onere/ della soma da portare/ e sempre disseminare/ di lato in lato senso cosa?/ sempre abbrancato/ alla linea orizzontale…/”

Il poemetto non è una lettura semplice, al suo interno ci sono svariati excursus brevi e complessi così sottili da ingannare anche un accanito lettore.

Nessun voto finora

Commenti

Grazie Alessia, per l'attenzione e soprattutto per la straordinaria lucidità con la quale hai individuato i punti-chiave del poemetto.

Enzo Campi

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.