In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di scrittura creativa

Corso online di editing

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Intervista a Paco Simone - Direttore editoriale di ARPANet

Sul+Romanzo_Arpanet.jpg

Di Francesco Giubilei

ARPANet, una casa editrice che vive di contemporaneità

ARPANet, perché questo nome? Come e quando ti è nata l'idea di fondare la casa editrice?

Sono sempre stato affascinato dalla letteratura e dalle nuove tecnologie. Questa passione è diventata realtà con la fondazione di ARPANet nel 1998, ma già nel 1996 è stato aperto il portale www.ARPANet.org, tuttora attivo, in cui nel tempo sono state raccolte migliaia di opere di nuovi scrittori italiani. Il nome ARPANet deriva dalla fusione dei nomi Armando, il mio precedente socio, e Paco, oltre naturalmente al suffisso net, rete.

ARPANet è da sempre attivissima nel mondo del web, quanto è importante per voi internet?

Possiamo dire che internet è l’aspetto che più caratterizza ARPANet, al punto che è parte del patrimonio genetico. Siamo partiti dalla grande rete e continuiamo a muoverci nella stessa. Tutte le nostre iniziative editoriali partono dal web per approdare poi al mondo esterno: vedi le dinamiche che dalla selezione online portano alla pubblicazione dei testi su carta e alla distribuzione nelle librerie sul territorio.

CONCEPTS, ci parli di questa originale collana?

L’idea che sta alla base delle collane che fanno parte del progetto CONCEPTS è l’esplorazione del multiforme universo dell’ispirazione. Le suggestioni sono state molteplici: letteratura, musica, arte, cinema, moda, gusto, storia, profumo, architettura e design hanno ispirato tantissimi racconti, poesie e romanzi pubblicati in varie collane e formati.
La collana omonima propone volumi 20 per 20 che raccolgono narrativa e poesia liberamente ispirata; in questa collana sono presenti tre volumi a tiratura limitata, impreziositi da bozzetti e decorazioni a mano che rendono ogni libro un esemplare unico.
CONCEPTS Architettura&Design; è in edizione limitata e oltre ad avere una sovraccoperta in Tyvek, al suo interno contiene un kirigami, ossia un originalissimo origami tridimensionale, che estrude le pagine in una rappresentazione architettonica.
La collana miniCONCEPTS //Le dimensioni alternative dell’ispirazione propone singoli racconti e sillogi poetiche in formato pocket (10 per 10 centimetri).
La collana CONCEPTS Arte raccoglie romanzi e raccolte di racconti ispirati dall’arte: l’ultimo titolo pubblicato è “Filo a piombo – Sulle tracce di un mistero dell’arte” di Lorenza Salamon, un’avvincente romanzo che racconta il mondo delle gallerie d’arte. L’autrice è una nota gallerista milanese. A breve, in collana uscirà “Caravaggio in galera – conversazioni sull’arte nel carcere di San Vittore”: una lettura trasversale, avvincente, emozionale – perché condotta dai detenuti di San Vittore – di note opere di Giorgione, Caravaggio, Rembrandt, Van Gogh, a cura del critico d’arte Stefano Zuffi.
Infine la neonata collana CONCEPTS Musica propone, per ora, un unico titolo, “La confraternita di Elvis” di Olga Campofreda, un romanzo fresco e divertente sull’amicizia e sull’amore.

A dicembre dello scorso anno avete aperto per circa un mese a Milano un "Temporary store", com'è stata quest'esperienza? La ripeterete anche il prossimo anno?

Ci piace sperimentare e il Temporary Store ci ha offerto l’opportunità di esplorare ulteriori interazioni tra letteratura, arte, tecnologia e design. É stato infatti possibile entrare nello spazio ARPANet di via Stampa 8 a Milano e vivere un’atmosfera fatta di sensazioni tattili, visive, olfattive, circondati dai nostri libri, dalle ultime innovazioni hi-tech e da oggetti di design, tutti da provare e tutti in vendita. Un’esperienza ripetuta, con un’attenzione particolare al design, durante la Settimana del Fuori Salone nel mese di aprile 2010. Eventi che saranno senz’altro replicati nei prossimi mesi, considerando anche il grande interesse dimostrato da vari partner nel campo della tecnologia e del design interessati a esserci.

Uno dei punti di forza della tua casa editrice è sicuramente l'ottimo staff di cui ti sei circondato, come hai trovato i collaboratori? Ci ricordi ruoli e nomi?

I ragazzi che fanno parte del team di ARPANet sono prima di tutto grandi appassionati di letteratura e di nuove tecnologie, persone curiose che lavorano con molto entusiasmo. La loro formazione è stata focalizzata sulla comunicazione, sull’editoria e sulla cultura.
I ragazzi (l’età media sfiora i trenta) si occupano prevalentemente della selezione dei testi quali editor, ma vi sono poi ruoli specifici assunti da ciascuno di loro. Chi è il responsabile della produzione video, chi dell’ufficio stampa e dell’organizzazione degli eventi, chi ancora dei rapporti con le librerie, poi vi sono figure dedicate a seguire i tantissimi autori che curiamo, e altre per la gestione dell’e-commerce e dei social network.
Francesca Fasoli, poi, è l’art director di ARPANet: come direzione creativa, è lei che realizza tutto ciò che ha a che fare con la nostra immagine, dalle copertine dei libri alle interfacce grafiche.

Che consiglio daresti agli autori esordienti che vogliono pubblicare un libro con voi?

Sicuramente di leggere molto, e poi – senz’altro – di leggere anche i nostri libri, così da conoscere la linea editoriale. Infine, di partecipare alle varie iniziative editoriali organizzate o di contattarci all’indirizzo redazione@ARPANet.org

Recentemente ARPANet ha inaugurato una collana di fumetti, come sta andando?

La collana miniComics nasce dall’omonima iniziativa editoriale: al momento è in corso la seconda edizione della selezione. I primi cinque titoli della collana sono già sugli scaffali di librerie e fumetterie (per queste la distribuzione è affidata a Pan Distribuzione). Da poco è stato pubblicato il secondo episodio della saga Mister Villain di Sal Modugno, un personaggio spassosissimo!

Cosa ne pensi dell'eBook?

Pubblichiamo eBook da più di 10 anni: siamo stati tra i primi a credere in questo mercato. Al momento siamo impegnati in un ambizioso progetto che va contro la tendenza attuale: l’iniziativa si chiama “Dal web alla carta stampata” e si propone di pubblicare su carta gli eBook che hanno ottenuto un riscontro più consistente da parte del pubblico. Sono già molti i titoli che abbiamo pubblicato negli ultimi mesi con questa modalità e ci auguriamo di poter inserire nel nostro catalogo, cartaceo, ancora tanti libri che prima erano eBook.

Oltre che tanti libri, ARPANet pubblica anche una rivista, "ARPAMagazine", di che si tratta?

ARPAMagazine è una rivista in formato digitale, dedicata alla cultura in quanto espressione della realtà contemporanea, che coniuga il mondo della tecnologia e quello dell’arte, offrendo una chiave di lettura vasta e completa sull’universo delle idee e della creatività. Musica, teatro, arti figurative si incontrano nelle pagine di ARPAMagazine in un’ottica di contaminazione tra le arti. La rivista è disponibile in abbonamento gratuito nel sito www.ARPAMagazine.com

Arpanet non è una semplice casa editrice ma una società che cura "strategie digitali, tecnologie, comunicazione per la cultura", ci vuoi spiegare quali sono nello specifico le attività extra editoriali di ARPANet?

ARPANet mette le nuove tecnologie al servizio della cultura. Lavoriamo prevalentemente per istituzioni e grandi imprese multinazionali, seguendo la comunicazione istituzionale/corporate, allestimenti emozionali, concept e realizzazione di eventi, mostre e pubblicazioni. Tra i clienti, ad esempio, annoveriamo EXPO 2015, con la produzione di innovativi plastici metavisuali e video 3D per rappresentare il masterplan dell’Esposizione Universale che Milano ospiterà tra cinque anni.

Progetti per il futuro?

L’ultima collana che abbiamo lanciato è “Libri&Segni; - piccola biblioteca per lettori curiosi”: abbiamo previsto una pubblicazione trimestrale dei dodici titoli, seguendo il ritmo dello zodiaco.
Ora sono in libreria i volumi dedicati a Gemelli, Cancro e Leone.
Tra un paio di settimane sarà in libreria il terzo titolo della collana ChickCult: “Granturco su foglia di the” di Maria Silvia Avanzato, un romanzo divertentissimo perfetto per la spiaggia e il solleone!
Poi ci saranno i nuovi titoli esito di miniComics, per Natale e, a San Valentino, il nuovo volume double face “Fedeltà & Tradimento”, esito dell’omonima iniziativa editoriale attualmente in corso!

Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.