Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Pirandello e Pinter, uno nessuno e… gli altri! – BINARI (5)


Di Giovanni Turi

Luigi Pirandello e Harold Pinter, un parallelo

Pirandello e Pinter: due autori insigniti del Nobel per la letteratura e che molto devono al teatro. Entrambi affrontano nel loro universo creativo il problema dell’identità, la propria e quella che a ciascuno viene attribuita da chi gli sta intorno; una questione cruciale, sebbene destinata a restare insoluta, ed è proprio questa irriducibilità irrazionale a dettare lo sperimentalismo di tanta della loro produzione. Non fanno chiaramente eccezione le prove narrative su cui ci soffermeremo: Uno, nessuno e centomila e I nani; parlare di romanzi sarebbe forse inopportuno, vista la netta predominanza delle sezioni dialogiche e dei brani speculativi in queste due opere, ma pur sempre di prosa si tratta. 

Luigi Pirandello (1867-1936) è meglio noto come l’autore del Fu Mattia Pascal e della pièce teatrale Sei personaggi in cerca d’autore che ci hanno costretto a leggere a scuola, imparando a memoria la sua definizione di umorismo. Ma coloro che hanno avuto il piacere di rileggerlo in seguito hanno magari colto realmente la sostanza delle sue opere: il tentativo, non privo di una certa ironia, di denudare l’essenza umana e di scongiurare in questo modo la solitudine; nel momento stesso in cui ci si sofferma sull’incomunicabilità la si inizia a esorcizzare. Uno, nessuno e centomila è il testo pirandelliano che meglio definisce i termini di questa ricerca di sé. Il povero Vitangelo Moscarda inizierà a estraniarsi dalla vita nel momento in cui scoprirà di non essere il medesimo per se stesso e per gli altri; sua moglie gli fa notare che il suo naso gli pende a destra ed è per lui l’agnizione di una fisicità distinta da quella che conosce, figurarsi la ben più vasta e insondabile realtà interiore!

“E mi fissai d’allora in poi in questo proposito disperato: d’andare inseguendo quell’estraneo ch’era in me e che mi sfuggiva; che non potevo fermare davanti a uno specchio perché subito diventava me quale io mi conoscevo; quell’uno che viveva per gli altri e che io non potevo conoscere; che gli altri vedevano vivere e io no. […] Ma presto l’atroce mio dramma si complicò: con la scoperta dei centomila Moscarda ch’io ero non solo per gli altri ma anche per me […].” 
(Luigi Pirandello, Uno, nessuno e centomila, Mondadori)

A differenza della citata opera di Pirandello, nei Nani non predominano i soliloqui, bensì i dialoghi, che rendono ancor più stridente il paradosso tra l’intenzione comunicativa e l’effettiva solitudine dei protagonisti. Harold Pinter (1930) dichiara di aver scritto I nani “all’inizio degli anni Cinquanta, prima di cominciare a scrivere teatro” (per poi revisionare il testo e darlo alle stampe solo nel 1989); appare dunque ancor più eclatante la destrutturazione formale e sostanziale portata sino ai confini dell’intelligibile.

“– Hai capito di cosa stavo parlando?
– Si.
– E non sei d’accordo?
Mark scrollò le spalle.
– Non sei d’accordo?
Mark si schiarì la gola, raschiandola. Si dette un colpo sul petto e sputò.
– Cosa?
– Pensi che mi sbaglio?
Mark scrollò le spalle.
– Ma sono in errore? A prescindere da quello che pensi tu o che penso io, lo sono?
– Sono te, io?
–Sono io?”
(Harold Pinter, I nani, Einaudi)

È una conversazione rappresentativa di quest’opera, ma la trama è comunque abbastanza elementare: quattro giovani nella Londra degli anni ’50 cercano la propria collocazione sociale e professionale, ma soprattutto si interrogano, si confrontano, si smentiscono senza mai approdare ad alcuna verità che non sia relativa, come relativi e fragili sono l’amicizia e l’amore che li legano. In quest’atmosfera claustrofobica Pinter vuole forse sottolineare la distanza dalla quale osserviamo gli altri uomini, tanto lontani da apparirci appunto dei nani; ma i nani potrebbero anche essere i piccoli borghesi che si affaccendano indifferenti per rendere il mondo sempre più squallido e alienante.

Nessun voto finora
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.