In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

“L’isola sotto il mare” di Isabel Allende

Sul+Romanzo_L%27isola+sotto+il+mare_Isab

Di Elena Romanello

L'isola sotto il mare di Allende, un romanzo singolare

Isabel Allende sembra essersi ormai allontanata dalle ambientazioni nel Cile anni Settanta, durante la dittatura di Pinochet, su cui aveva costruito i suoi primi romanzi e senz'altro i suoi maggiori successi: ora come ora si dedica a romanzi storici, sempre raccontati da un punto di vista femminile se non femminista e preferendo raccontare storie comunque meno note, ambientate nei cosiddetti Paesi in via di sviluppo fotografati in vari momenti storici. 

Ne L'isola sotto il mare Isabel porta i suoi lettori nella Haiti di fine Settecento, lo stesso Paese ritornato nei mesi scorsi all'attenzione mondiale per il terremoto che ha evidenziato la sua situazione di disagio cronico e non imputabile solo alla catastrofe contingente. In quegli anni il Paese caraibico era insanguinato dalla rivolta di Toussaint Loverdure, la prima lotta di un capo nero in un Paese dell'America latina per la libertà e l'indipendenza, ispirata alla Rivoluzione francese, un'epopea destinata a concludersi tragicamente per intervento dell'esercito di quel Napoleone portato alla ribalta dalla Rivoluzione stessa.

L'eroina stavolta è Zarité, detta Tété, schiava di colore di origini principesche tribali, in possesso di un ricco latifondista di origine francese e anche per un po' suo amante: come spesso accade nei libri della Allende, Zarité è al centro di un microcosmo di mogli pazze, preti in anticipo sui tempi, neri ribelli, figli legittimi e illegittimi, cortigiane creole, schiavi più rassegnati, un microcosmo che ancora una volta riesce a travolgere e avvincere, grazie ad uno stile sempre fresco, alla passione dell'autrice per gli eventi narrati e al gusto della narrazione avventurosa, già sperimentata negli ultimi romanzi in particolare, da Zorro a Ines dell’anima mia passando per la trilogia per ragazzi. Non manca nella storia una sensualità di fondo, elegante e mai volgare, e la scelta di stare, come sempre, dalla parte degli ultimi e dei meno noti, svolgendo la matassa della storia tra Haiti e New Orleans e mettendo in scena un mondo che finisce, quello dell'Ancien Régime che si evidenziava di riflesso anche nelle lontane colonie d'oltremare, e un mondo che sta per nascere, quello delle prime lotte contro la schiavitù e per i diritti civili, una strada lunga e dolorosa di cui qui viene narrato l'antefatto.

Senz'altro la saga della famiglia Trueba de La casa degli spiriti o le indagini di Irene e Francisco nella Santiago sconvolta dalla dittatura in D'amore e ombra erano più coinvolgenti, perché vissute sulla pelle dall'autrice, ma questi viaggi nel passato sono tutt'altro che poco avvincenti, oltre che ben documentati su fonti tra l'altro non così scontate proprio perché meno note: la storia di Tèté appassiona e commuove, così come quella di Haiti, riportata alla ribalta dopo il terremoto con le sue piaghe mai guarite che risalgono proprio a quel momento storico, quando mancò all'appuntamento con la modernità e la giustizia che sognavano Loverdure e tanti schiavi, non ultima Teté. 

L'unica pecca è un finale troppo affrettato, dopo pagine e pagine di un romanzo di ampio respiro la conclusione sembra appiccicata lì senza gran convinzione, anche se termina una storia. Ma gli elementi nella storia non mancano, tra il picaresco e il sentimentale, il melodramma e il romanzo storico d'avventura, e a questo punto c'è la curiosità di quale epopea cosiddetta minore deciderà di raccontarci Isabel Allende la prossima volta.
Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.