Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

“La sovrana lettrice” di Alan Bennett

Sul+Romanzo_La+sovrana+lettrice_Alan+Ben

Di Anna Fioravanti

Alan Bennett scrive per il teatro ed il cinema. È autore di libri (vincitore del premio “Miglior Autore dell’Anno” nel 2006). È un inglese, brillante ed arguto, che racconta tante storie in una sola attraverso l’ironia. Niente, nei suoi libri, è come appare, perché la sua scrittura è come un prisma: tanti punti di vista, tante possibili chiavi di lettura.
È questo, per esempio, ciò che accade in La Sovrana Lettrice.

La Sovrana Lettrice - traduzione di Monica Pavani - è un libro di circa 100 pagine sulla Regina Elisabetta II: la incontriamo in un momento particolare della sua vita e trascorriamo con lei un periodo molto breve durante il quale “simpatizziamo” (per dirla con gli antichi Greci) con la sua solitudine e la forza del suo carattere; il suo coraggio e il destino che qualcun altro ha scelto per lei.

È felice la Regina? Forse no, non per l’immagine che ne viene data da Bennett, ma la lettura (rectius, la scoperta del piacere della lettura) sembra donare serenità ad un’esistenza piena di responsabilità e doveri istituzionali. Eppure, tutti coloro che vivono e lavorano con lei paiono in qualche modo ostacolare la sua nuova passione, forse spaventati all’idea che possa renderla meno “regina” e più “persona”.

Elisabetta II è solo una Sovrana? No, è anche una persona, una donna, una madre, una moglie: perché alcuni di questi ruoli sembrano esserle negati o, meglio, sembrano essere costretti entro certi limiti? La risposta è solo una delle possibili interpretazioni del titolo originale: The Uncommon Reader.

Uncommon è la persona non comune (nel bene e nel male), la persona speciale, la persona unica. Ma è anche la persona non appartenente alla classe sociale dei Commoners (che, per associazione di idee, mi fa pensare all’abolizione, nel 1834, della Poor Law), per intenderci quelli che un tempo sarebbero stati definiti ‘proletari’.

Uncommon è il modo attraverso il quale la protagonista sceglie i libri: lei, donna matura, Regina, si lascia consigliare da Norman, un giovane che lavora, per lei, nelle cucine di palazzo.
Lei, Regina, prende i libri in prestito da una biblioteca “pubblica”, mobile (quella di palazzo) alla quale hanno accesso tutti i suoi dipendenti.

Uncommon è la protagonista di questo libro: una Regina, anzi, nell’ottica di Bennett, LA Regina.

Uncommon è la lettrice: una persona non abituata a leggere, ma anche una che lo fa ‘a modo suo’. Per esempio, Elisabetta legge dalla prima all’ultima pagina, anche quando il romanzo che ha tra le mani non le piace, anzi, la annoia.

Uncommon è il lettore, generico, sconosciuto, forse immaginato durante la scrittura, che diventa persona, unica e speciale nel suo essere uncommon, dal momento in cui si aggira tra le pagine di questa avventura letteraria.

Se lascio andare la mente “uncommon” è molto altro, in generale ed anche rispetto alla storia che Bennett racconta. È proprio questo il motivo per il quale il titolo italiano non mi piace: si ferma ad un significato, quasi cercasse di limitare l’immaginazione del lettore. Eppure il lettore (in generale) e la lettrice, questa lettrice, sta cercando di lasciarsi andare, di permettere ai personaggi delle storie che legge di raccontare la loro storia, senza costrizioni, senza particolari aspettative di sorta.

Ci (si) riesce? Le cento pagine sono finite, e non ci è dato di sapere il resto. Per esempio, non sapremo mai se Elisabetta riuscirà a ri-leggere quegli stessi romanzi, o leggerne di nuovi, magari di nascosto. E tra le tante domande che si affollano nel cuore, prima che nella testa, di un qualsiasi lettore, sembra spuntare una certezza: i libri cambiano la vita di chi li possiede, anche solo per poche ore. I libri, le storie, aiutano a capire gli altri e permettono di entrare in mondi ‘altri’, speciali, unici, uncommon.

Nessun voto finora

Commenti

A me questo libro è piaciuto molto (come del resto altri di Bennett). Ho trovato soprattutto originale l'idea di fare della Regina la protagonista di una storia fuori del comune, che poi diventa in fondo un omaggio al piacere universale della lettura.

Credo il mix tra originalità e semplicità sia uno dei motivi per i quali Bennett è un autore (sempre) molto interessante da leggere. Anche se questa idea non era poi così originale visto che in Inghilterra (ed America) sono alquanto ossessionati con la sovranità dei consumatori (in generale). Quale, fra gli altri dello stesso autore consiglieresti?:-) Ad essere sincera io non saprei scegliere perchè a me lui piace davvero molto.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.