In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Intervista a David Frati - Mangialibri

David+Frati.JPG

Di Morgan Palmas

Mangialibri: intervista a David Frati

David, ci racconti in breve quando e come è nato Mangialibri?

Mangialibri nasce nel dicembre 2005: inizialmente si trattava del mio blog personale, e solo dal 2009 è un blog collettivo, ormai siamo più di 50 sparsi in tutta Italia, dal Friuli alla Calabria. Anche se in realtà, a voler essere onesti, la definizione di blog – che resiste vuoi per comodità, vuoi per cialtroneria, vuoi per opportunismo – è del tutto fuori luogo per Mangialibri. E dico questo non solo per la struttura in sé del sito (che è diviso in sezioni come un portale vero e proprio, sezioni dedicate rispettivamente ai libri, ai fumetti, agli autori, alle novità in edicola, alle news e interviste) ma anche per l’approccio. Blog letterario vuol dire: oggi ho finito di leggere questo libro, voglio condividere con la blogosfera quello che penso. Oppure: nel mondo editoriale c’è questa polemica, oggi vi dico la mia, e nei commenti si apre un dibattito etc. Un lavoro potenzialmente splendido, ma nulla a che fare col mio/nostro progetto, che è mettere su un grande magazine generalista dedicato al mondo dell’editoria. Con un approccio ‘professionale’, quindi (uso le virgolette non a caso), puntando però su alcune sostanziali novità nel modo di occuparsi dei libri e di quello che ci gira intorno.

Quali novità intendi esattamente?

Vedi, io vengo da una famiglia molto umile, i miei nonni erano analfabeti e i miei genitori hanno finito a fatica la terza media. Sono il primo membro della famiglia con la passione per i libri, e tutt’oggi vengo guardato dai parenti come uno non tanto a posto con la testa, uno ‘strano’. Come tutti gli autodidatti della lettura, ho avuto e ho un approccio del tutto privo di pregiudizi alla lettura: i pregiudizi nascono da un clima culturale, da un background sociale, da dei modelli, da un percorso di consigli di lettura da parte dei genitori, per dire. Tutte cose che non ho avuto, perché ho fatto da solo. E dal basso della mia naïveté mi domando e vi domando: perché in campo cinematografico è considerato cool anche dalle élite intellettuali avere e dichiarare una passione per i B-movies e invece in campo letterario se qualcuno si azzarda a dire che gli piacciono i B-book viene crocifisso? Siamo sicuri che un bel romanzo sui vampiri o sui pirati non abbia più dignità dell'ennesimo epigono dello scrittore 'must' del momento? Noi siamo sicuri che ce l'ha. Il nostro approccio è aperto alle novità, goloso, mai snobistico, allergico ai pregiudizi contro la letteratura di genere. Il linguaggio? Iconoclasta, ironico, pop, popolare - talvolta popolano. Non a caso il logo di Mangialibri è un panino. Ma non una baguette, bensì una di quelle che a Roma chiamiamo ‘rosette’, cioè un panino da muratore, da operaio, ripieno solo incidentalmente di pagine di libri anziché di sarciccia – ops, scusate, salsiccia – e cicoria.

Puoi indicare le visite mensili o altri feedback per farci capire di quali cifre si sta parlando?

Diciamo che non scendiamo mai sotto le 400.000 visite mensili, anche se alcuni mesi arriviamo a 700.000. Quindi numeri enormi, che posizionano Mangialibri tra le realtà più importanti nel panorama dei siti che si occupano di libri in Italia, forse addirittura al top della classifica se consideriamo i siti generalisti che si occupano SOLO di recensioni librarie e interviste agli autori, senza pubblicare post sulla politica o sulla società. Ma per correttezza e amor di verità non voglio limitarmi a proclami trionfalistici, perché devo amaramente constatare che lo spirito ‘popolare’ e la nostra proverbiale disponibilità a recensire narrativa di genere che ci permette di attrarre una fetta così importante di pubblico – quella guarda caso trascurata da tutti i lit blog italiani - diventa a volte una sorta di tallone d’Achille in questa nostra realtà culturale snobistica, elitaria e autoreferenziale.

E perché mai?

Perché in Italia per ‘esserci’ e contare devi limitarti a recensire scrittori italiani tra i 30 e i 45 anni, quell’élite per capirci che si auto-recensisce monopolizzando le pagine culturali dei quotidiani, delle riviste e dei blog di tendenza. Se invece intervisti e recensisci Wilbur Smith, per dire, sei un parvenu, un fanzinaro, un apostolo del trash. Peccato che Wilbur Smith (che peraltro è uno scrittore che non amo affatto, sto facendo un discorso giornalistico, non difendendo i miei gusti letterari personali) venda più di tutti lorsignori messi insieme e quindi interessi al popolo dei lettori immensamente. Insomma per farla breve se sei popolare, agli occhi di ‘quelli che contano’ diventi subito nazionalpopolare e quindi volgare, anche (anzi, soprattutto) se fai 700.000 impression al mese.

Che tipo di rapporto ha Mangialibri con il mondo editoriale e gli addetti ai lavori?

Molto cordiale. Alcuni ci adorano e sono molto disponibili con noi, altri ci snobbano un po’. Molti semplicemente non ci conoscono. Dovrei fare vita più mondana, temo.

Come organizzate le attività nella redazione?

Presto detto: mano a mano che riceviamo i libri spediti dalle case editrici (una 50ina a settimana, abbiamo una casella postale attivata solo per questo) io li smisto ai vari redattori spedendo pacchetti in giro per l’Italia. Abbiamo tutti delle scadenze fisse (in media una settimana a libro, ma c’è chi è più veloce e chi ha bisogno di qualche giorno in più) per l’invio di recensioni, e il flusso continuo ci porta a pubblicare recensioni al ritmo di 9-12 al giorno tutti i giorni.

C’è soltanto la passione per la lettura e la letteratura che vi anima oppure esiste l’obiettivo di un progetto preciso?

Vuoi sapere se vorremmo guadagnarci su? Sì, francamente sì, e non solo perché fare Mangialibri per lavoro sarebbe un meraviglioso modo di guadagnarsi la pagnotta, ma anche per riconoscere ai tanti redattori un compenso per un’attività che – vi assicuro – è molto più faticosa e stressante di quanto non sembri. Il problema è che (almeno finora, vedremo in seguito) quella del business è rimasta solo una speranza, a tutt’oggi Mangialibri è un’attività volontaria, riusciamo a coprire le spese tranquillamente ma nessuno – me compreso – viene retribuito.

Fare recensioni è un’arte?

No, semmai un artigianato. La recensione di un libro – che non è critica letteraria, sia ben chiaro – è un lavoro eminentemente giornalistico, quindi anche se può essere brillante, elegante e creativa non è certo arte. Né tantomeno poesia.

Pensi che il clima letterario on-line sia in movimento o ritieni che l’autoreferenzialità domini la scena?

Penso semplicemente che l'ambito della lettura e della scrittura ha molto a che fare con la percezione che si ha di sé e l'immagine che si vuole dare al mondo. Quindi ti capita di vedere il tipo con la giacca nera di velluto e il tascabile di Sartre ciancicato che fa capolino CASUALMENTE dalla tasca ma che in realtà di nascosto legge avidamente il Corriere dello Sport al bar. L'amore per i libri a volte si sbandiera perché 'fa fico' ma non si pratica affatto, soprattutto dal punto di vista acquisto, che è quello che manda avanti la filiera. Basterebbe - secondo me - che si sdoganasse la lettura del Corriere dello Sport e si liberasse la lettura di Sartre (entrambi intesi come archetipi) da tutte le sovrastrutture sociali ed estetiche (se leggi x sei colto e culturally correct, se leggi y sei un coglione, se non leggi sei una merda d'uomo) e puf! tante manfrine sparirebbero. Nell’ambiente letterario off-line e in quello on-line. Leggere deve essere piacere. Piacere di conoscere, di confrontarsi, di vivere altre vite, di evadere, di approfondire, di collezionare, di di di di... C’è spazio per tutte le letterature, per tutti gli approcci, per tutti i gusti.

Segui altri blog letterari?

Giocoforza sì. Eccone alcuni che leggo con piacere e vi consiglio:





Il mio preferito in assoluto è però Spinoza http://www.spinoza.it/

Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (1 vote)

Commenti

Frati scrive: "L'amore per i libri a volte si sbandiera perché 'fa fico' ma non si pratica affatto, soprattutto dal punto di vista acquisto, che è quello che manda avanti la filiera."

Credo che non vi sia null'altro da aggiungere, perché questo è il vero nodo della letteratura in Italia.

David Frati ha messo su un progetto di grande professionalità che si basa sull'amore di noi collaboratori per la lettura. Nessun guadagno, scrivi recensioni di libri e, come compenso, altri libri ti arrivano a casa, da "mangiare" e da commentare. Per tutti noi collaboratori di David questo è un lavoro cos' come il lavoro, quello vero, quello che nobilita l'uomo dovrebbe essere. Mi sa, tuttavia, che soldi non se ne vedranno mai ma sono sicuro che Mangialibri è un progetto che crescerà e diventerà sempre di più una realtà importante.

sono d'accordo con il capo. scrivere di quei personaggi , recensirli, è tutto un sistema, un ciclo una condanna. quando leggi l'ennesima recensione del solito noto ti viene un attacco di diarrea pensando che c'è quel giovane scrittore bravissimo ma nascosto dai soliti nomi.
domenico cosentino

Ha ragione David Frati, molti giovani scrittori, più che preoccuparsi di quello che scrivono si preoccupano di entrare in certi blog-conventicola di gente che conta, tipo la Lipperini, i Wuminghi et similia, perché basta che loro comincino a parlare bene di te e il successo è assicurato.
Vedi il caso Babsi Jones, pompatissima dalla solita cerchia e punita dai lettori "reali"...

E' retaggio di una certa (non tutta) tradizione culturale italiana - soprattutto, forse, umanistica - un approccio selettivo nella cultura; accompagnato, per ciò che concerne la letteratura (termine un po' vago), dal convincimento di poter distinguere facilmente, a priori, ciò che sarebbe "letteratura" da ciò che non lo è, ciò che costituirebbe "una buona lettura" da ciò che invece non avrebbe questo requisito. E' un dibattito che dura da secoli e quindi... "niente di nuovo sotto il sole". Niente di nuovo che qualcuno guardi anche a Mangialibri con un approccio... vogliamo dire "elitario".
In fondo, però, dal mio personale punto di vista, le categorizzazioni a priori sono segno di chiusura, quasi a rinnegare la pluralità della vita stessa. Sia ben chiaro: il brutto può annidarsi ovunque! (anche in quei libri che appunto erano stati stroncati dalla critica "alta"). Ma in fondo anche il bello. E senza curiosità di cercarlo, di scoprirlo, difficilmente ci verrà incontro. Ben venga chi ha la mente aperta, chi non dà le cose per scontate, chi è pronto ad esplorare il mondo - anche stando in poltrona, con un libro in mano. Non per forza "si berrà" tutto come fosse oro colato. Ma almeno non avrà smesso di coltivare la sua sana curiosità, il piacere di conoscere e di capire; e avrà imparato a definire un po' meglio se stesso: grazie , magari, a qualche "spunto illuminante", ma anche attraverso ciò che proprio non gli piace. Viva la libertà di pensiero!

Complimenti per la chiarezza.
Un giorno un editore mi disse: "Ogni libro è un'esperienza di lettura".
la letteratura dovrebbe appunto insegnare ad essere aperti, ad accettare la pluralità dell'offerta, sullo scaffale come nella vita. Non è una contraddizione che chi lavori nel campo dell'editoria si chiuda nella sua torre d'avorio storcendo il naso?
Grazie David del tuo progetto e della persona che sei, e auguri a Mangialibri che quest'anno compie 11 anni!!

OPS, a quanto pare gli anni sono per il momento 6...
ad maiora!

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.