Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

David Foster Wallace: a cosa serve la letteratura?

Sul+Romanzo_david+foster+wallace.jpg

Di Carlotta Susca

David Foster Wallace e il senso della scrittura

Gli infaticabili lettori probabilmente non sono in grado di esprimere chiaramente quale sia l’origine dell’impulso alla lettura, né perché ogni scritta o foglio stampato attragga così imperiosamente il loro – spesso miope ed occhialuto – sguardo. Al lettore, però, potrebbe essere anche consentito non chiederselo e continuare a gioire per l’accumulo di libri sui propri scaffali senza dover necessariamente spiegare perché non riuscirebbe a concepire la propria vita senza leggere.

Ma lo scrittore deve chiedersi quale scopo abbia ciò che scrive, perché il suo lavoro deve continuare a rendere la letteratura speciale (molti scrittori se lo chiedono e sanno perfettamente la risposta: “scrivere serve per fare soldi”. Di questi figuri non ci curiamo).

La risposta di David Foster Wallace mi sembra condivisibile. Lo scrittore statunitense morto suicida nel 2008, autore del meraviglioso Infinite jest, e di numerosi altri libri (tutti fortemente consigliati), ha detto: “La letteratura e la poesia riescono a farmi sentire umano, a eliminare quel senso di solitudine, a mettermi profondamente e significativamente in comunicazione con un’altra coscienza”. Se si trattasse solo di questo, però, potrebbe anche sembrare che Wallace abbia confezionato un aforisma prêt a porter per amanti della letteratura, mentre magari continuava a pensare che in realtà “scrivere serve per fare soldi”. Le sue opere, invece, rendono davvero un servizio alla letteratura; lo scrittore, profondamente convinto dell’importanza della parola scritta, ha infatti scritto rifiutando il facile (da produrre, impossibile da leggersi) citazionismo postmoderno senza significato.

Nel saggio E unibus pluram, gli scrittori americani e la televisione, Wallace esamina quanto deleterio sia per la letteratura continuare ad utilizzare l’ironia per contrastare la cultura pop, dato che questa ha subito recepito l’atteggiamento postmoderno ed ha saputo utilizzare più e meglio della letteratura la potenza distruttiva dell’ironia. Sembra non essere più possibile, al giorno d’oggi, dire qualcosa veramente, perché le virgolette nel linguaggio scritto ed in quello orale consentono di suggerire di non prendere sul serio quello che si sta dicendo. Lo osservava anche Eco: grazie al postmodernismo non si può più dire “ti amo disperatamente” perché si rischia di sembrare sciocchi; meglio dire “come direbbe Liala, ti amo disperatamente”. Di citazione in citazione, ci scrolliamo di dosso la responsabilità di quello che diciamo, e non siamo più in grado di comunicare. Così la letteratura preferisce impegnare il lettore nella ricerca della citazione nascosta piuttosto che veicolare dei significati.

Rifiutando il postmodernismo, Wallace opta per un nuovo Realismo, in grado di “prendere posizione” nei confronti della realtà. In che modo? Considerando che “il compito di ogni forma di letteratura «realistica» è l’opposto di quello che era un tempo: non più rendere familiare ciò che è strano, ma rendere di nuovo strano ciò che è familiare”.

Se la televisione ha reso inutile la ricerca dell’esotico nella carta stampata, perché ci mostra immagini da ogni luogo del mondo senza alcuno sforzo (cerebrale), allora la letteratura non deve più portarci in luoghi a noi lontani ma deve mostrarci quanto strano sia ciò in cui siamo immersi, perché troppo spesso siamo simili ai due pesci di cui racconta Wallace, che si guardano stupiti chiedendosi: “Cosa diavolo è l’acqua?”
Nessun voto finora

Commenti

Grazie a Carlotta per l'interessante e stimolante intervento e a DFW per tutto quanto il resto.

Chissà come mai la critica italiana sia così scettica nei confronti di un letterato di questo calibro...
Grazie Carlotta!

Dave non verrà ringraziato mai abbastanza... a te grazie per l'apprezzamento!

A cosa serve la letteratura? La risposta e' impossibile come per tutte le domande inutili. Certamente la letteratura non deve essere utile agli scrittori, pero'. Francamente mi interessa poco sapere perche' Simenon, Wallace (in questo caso) o la Austen scrivevano. Sono affari loro. Mi interessano le loro opere, tutto qui. Penso inoltre che la risposta di DFW sia indicativa della sua incompletezza di uomo; purtroppo rivomitare le proprie ansie esistenziali e le proprie insicurezze in un romanzo distruggono il romanzo stesso e trovano accoglienza solo in persone che vi trovano un empatico conforto. Ma questa, comunque la si voglia girare, non e' letteratura, al massimo e' un'agenda da psicanalisi. Liberi di sfrugugliare i pensieri intimi di persone che vi sembrano vicine come DFW ma lasciamo perdere la letteratura; quella e' un'altra cosa e il tempo giudichera' con la consueta pazienza.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.