Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Vagabondaggi americani: Jack London

Sul+Romanzo_Jack+London.jpg

Di Paolo Melissi

Il Jack London che scrive nove articoli pubblicati su “Cosmopolitan” e che, in seguito, confluiranno nel volume La strada non sono gli scritti di un camminatore ma di un vagabondo. Si tratta infatti di scritti relativi al periodo in cui lo scrittore, a soli diciotto anni, attraversò in lungo e in largo gli Stati Uniti camminando a piedi e saltando su treni merci di passaggio, elemosinando per mangiare e finendo anche in carcere per un mese.

Nel libro, appena pubblicato da Castelvecchi per la cura di Davide Sapienza, i ricordi di vita sulla strada si uniscono alle istruzioni per l'uso, alla rivisitazione degli espedienti per sfuggire ai pericoli di un interrogatorio della polizia, per riuscire a ottenere qualcosa da mangiare da una famiglia di pacifici contadini, o per evitare il pericolo più grande, quello di essere ammazzati dal personale ferroviario per vendicare l'uccisione di qualche collega da parte di un hobo o di un tramp. Perché c'è una certa differenza tra le due “categorie”. Per hobo s'intende il vagabondo che viaggia a bordo dei treni merci, mentre per tramp indica semplicemente un vagabondo. Ed è per questo motivo che le nove parti che lo compongono diventano, insieme, non solo un'operazione di ricostruzione di un periodo della sua vita, e un dovuto riconoscimento a una parte popolazione americana non solo tenuta fisicamente ai margini della società ma anche tagliata fuori dalle cronache e dall'informazione giornalistica. Gli hobo rappresentano una questione che l'America rimuove, che preferisce tenere nascosta.
È una vita difficile e rischiosa quella del vagabondo, e la sua attrattiva più grande è l'assenza di monotonia.

“La vita a Vagabondlandia è proteiforme come una fantasmagoria, dove l'impossibile accade e dove ad ogni curva ti salta fuori l'imprevisto dai cespugli. Un hobo non sa mai cosa succederà un minuto dopo, per cui vive solo l'attimo presente”.

Viaggiare a piedi o sui treni in clandestinità, dunque, presume allora un'idea e un ideale di libertà, di svincolamento da regole e legami propri della vita “borghese” inquadrata, regolata e, anche, monotona. Vagare per il continente, il vivere nel continuo spostamento può dirsi introduzione a uno stato mentale diverso, proprio del vivere coscientemente alla deriva, o senza un'unica rotta.

Il diario del vagabondo è la parte del libro che riporta alle vicende vissute da Jack London nel 1894. L'America attraversa una dura crisi economica, migliaia di persone si spostano a piedi e sui treni o con mezzi di fortuna lungo lo stato-continente.

“Ovunque ho incontrato persone dirette a est, solo una andava a ovest. Qui oggi ho incontrato anche l'originale. Sta facendo a piedi dal Colorado a Frisco, dove andrà per mare. Poi un francese che se l'era fatta tutta a piedi dal Minnesota a Sacramento e ritorno sin qui”.

Il diario è un percorso secco tra i giorni che si susseguono in movimento da Reno attraverso il grande deserto americano, scanditi dagli incontri e le vessazioni dei controllori e dei frenatori. In queste pagine, come in tutte le altre, viene fuori il senso del movimento, dell'andare, dell'andare nonostante tutto.
Tutto accade in netto anticipo rispetto ai tempi di Woody Guthrie, cantore dell'America errante, e alla nascita di un immaginario collettivo legato al movimento di una nazione lungo le sue strade infinite. In netto anticipo anche rispetto a chi fu autentica incarnazione del movimento, nella realtà come nelle pagine dei suoi libri: il Jack Kerouac di Sulla strada, che sarebbe stato pubblicato molto più avanti, nel 1957.

Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.