Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

"Io, Jean Gabin" di Goliarda Sapienza

di Alessandro Puglisi


Io, Jean Gabin, della siciliana Goliarda Sapienza, è un libro noioso. Tanto vale dirlo subito. Il volume, edito da Einaudi e curato da Angelo Pellegrino, esce dopo L’arte della gioia, romanzo dal notevole successo editoriale e che ha contribuito a mettere in luce con più forza il personaggio-Goliarda.


Qualche notizia su di lei: la Sapienza nasce a Catania nel 1924, da Giuseppe Sapienza e Maria Giudice. La madre, sindacalista, di origini lombarde; il padre, avvocato e figura di spicco del socialismo siciliano dell’epoca. Goliarda cresce in un ambiente quasi del tutto scevro da vincoli sociali, in quella «casa di via Pistone» che diventa una base, un’oasi, un baluardo dell’antifascismo, in tempi grami come quelli raccontati a più riprese dalla stessa scrittrice.

A 16 anni si iscrive all’Accademia Nazionale di Arte Drammatica di Roma, dando il via ad una carriera teatrale di grande rilievo, senza disdegnare il cinema, per il quale ebbe parti (seppur secondarie) in produzioni importanti, come Senso di Visconti, oltre a diversi lungometraggi di Alessandro Blasetti.

In seguito, abbandonerà l’attività di attrice per dedicarsi a pieno titolo alla letteratura, da Lettera aperta, fino al “recupero” di L’arte della gioia di cui sopra, opera uscita postuma, nel 2000, grazie a Stampa Alternativa, e poi ripubblicata, con grande arguzia commerciale (un po’ com’era già accaduto con Terra matta di Vincenzo Rabito, a dir la verità opera di tutt’altro spessore), da Einaudi, nel 2008.


Io, Jean Gabin è una narrazione profondamente, intimamente autobiografica, nella quale Goliarda racconta gli anni dell’infanzia e della prima adolescenza, con un piglio discorsivo, spesso perduta tra i meandri delle subordinate, in fuga da pensieri (o in cerca di spiegazioni?), sempre con un occhio ad una memoria storica, necessariamente risicata, ma la cui importanza è colta organicamente, e l’altro al futuro, alla fascinazione, perfino all’immedesimazione col Jean Gabin del titolo, malinconico, dallo sguardo tenero e sognante, talvolta, forse, perso in qualche fantasticheria.


Tuttavia, la vicenda non conquista mai. Oltre a “non concludere”. La peregrinazione di Goliarda dà l’occasione di apprezzare (tanto più nel presente caso, vale a dire conoscendo, così come chi scrive conosce, la città di Catania) le pennellate stese per descrivere quel quartiere, Civita nel romanzo, ma in realtà San Berillo, figlio di quell’architetto dell’inferno che rispondeva al nome di Giovan Battista Vaccarini. Probabilmente, oltre la suggestione legata alla topografia cittadina, già precorrente le più pregnanti riflessioni sulla città moderna e sul suo ruolo nell’esistenza degli abitanti in essa “contenuti”, abbiamo poco su cui gioire.


Certamente avranno le loro buone ragioni, sebbene non spetti a noi indagare, quei critici che hanno parlato del commovente vitalismo della protagonista Goliarda, della struggente rievocazione di Catania; del magnifico tentativo, da parte della Sapienza, di ritornare a distanza di molti anni su episodi della propria vita passata, per capire il gioco della memoria. Avranno sicuramente buone ragioni, dicevamo; ma noi non siamo d’accordo.



Il tuo voto: Nessuno Media: 1 (1 vote)
Tag:

Commenti

E voi cosa ne pensate, dell'"affaire Sapienza"? Continua una riuscita operazione commerciale? O può essere qualcosa di più?

Su "Io, Jean Gabin" non posso esprimere un giudizio perché non l'ho ancora letto. "L'arte della gioia" però è uno dei libri che ho amato di più. L'operazione commerciale recentemente c'è stata ma questo non toglie valore a un romanzo innovativo, profondo e con un punto di vista originale. A mio parere la Goliarda de "L'arte della gioia" è qualcosa di più di un'operazione commerciale, "troppo" di più da non essere compresa ancor oggi.

Ciò che fa grande un romanzo come l'arte della gioia, l'ho ritrovato anche in questo romanzo, che va letto insieme a Lettera aperta e a il Filo di Mezzogiorno. Se anche è un affare commerciale, ben venga. Rimane sempre una grande scrittrice e sopratutto originale.

Trovo questa recensione un pochino troppo superba.. detto proprio tra i denti..
Per quanto io sia d'accordo sul fatto che questo romanzo sia il meno interessante, forse il più "debole", trovo che le giustificazioni da te portate per la sua "cassazione" totale siano parecchio superficiali.

Lamenti il fatto che il romanzo non concluda niente. Non sai, forse, che è una delle caratteristiche di maggior pregio di questa scrittrice. La studio da più di un anno ormai, ho letto tutti i suoi romanzi editi (purtroppo gli altri non li posso consultare perchè a quanto pare einaudi si sta comprando il comprabile e io sono solo una povera studentessa che non ha diritto a niente..).
Ti dico, senza alcun indugio, che l'indefinitezza di questa scrittrice non solo è naturale, spontanea, non falsamente ricercata (vedi i vari Baricco, "Seta" su tutti..), ma è FUNZIONALE al suo personale progetto di scrittura, che DEVE essere considerato nella sua totalità. Pena il rischio di cadere in considerazioni tutto sommato deboli e criticabili, simili (purtroppo) a quelle che ho letto qui ora.

Non so se hai avuto occasione di leggerti gli altri romanzi.. dovresti farlo. Capiresti molte cose.

Ti consiglio spassionatamente la lettura de L'università di Rebibbia e (sorpattutto) de Le certezze del dubbio. Non paiono nemmeno scritti da una donna (altro grandissimo pregio della Sapienza, visto e considerato la letteratura "al femminile" che i colossi editoriali impongono al vasto pubblico). Grazie a dio non sono tutte Susanna Tamaro. Concluse e definite.

:)

Ciao!

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.