Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Il lume dell'aspirante scrittore - Esclamazioni, onomatopee ed espressioni fumettistiche

di Annalisa Castronovo


Sempre più spesso siamo portati a rendere attraverso la scrittura delle espressioni tipiche del linguaggio orale, basti pensare alle chat, ai forum, ai social network sites e al Web in generale. Ma ovviamente non è tutto. Già nelle forme di scrittura più antiche è sorta l'esigenza di rendere per iscritto esclamazioni varie. Cosa si intende allora per esclamazione? Be', il termine esclamazione deriva dal latino exclamatio, -ōnis, che a sua volta viene dal verbo exclamāre che significa chiamare distintamente. Più in generale l'esclamazione (o interiezione) è una parola invariabile, a sé stante dal punto di vista sintattico, che può costituire da sola un'intera frase ed esprime per lo più sentimenti e stati d'animo. A ben vedere esse vengono classificate in proprie e improprie, le prime infatti assolvono esclusivamente tale funzione, si pensi a interiezioni quali: ahi! e ahimè! (per esprimere dolore e dispiacere), mah! e boh! (per dubbio), puh! e puah! (per disgusto), uff! e uffa! (per noia), urrà! (per gioia); altre possono assumere significati diversi a seconda del tono e della situazione, per esempio: "Ah, che meraviglia!"(stupore), "Ah, se solo fossi più giovane!" (rimpianto), "Ah, se fossi qui con me!" (nostalgia) oppure "Oh, me misero!" (tristezza), "Oh, come sei cresciuto!" (incredulità) e anche "Bada bene, eh, a come parli!" (ammonimento), "Eh, non dirai sul serio!?" (sbigottimento), "Eh, d'altra parte è così!"(rassegnazione), "Eh! sto arrivando" (come risposta poco cortese a un richiamo), "Eh?" (in questo caso in forma interrogativa che indica l'incomprensione di qualcosa). Ma di esclamazioni proprie ce ne sono moltissime: ahinoi!, ahò!, bah!, beh! (be' invece è l'abbreviazione di bene), deh!, ehi!, ehilà!, ehm!, ih!, ohé!, ohi!, ohimè!, ohibò!, olà!, sciò!, uh!, uhi!, uhm! ecc.
Le esclamazioni improprie, invece, sono parole che si usano anche al di fuori di simili espressioni, si tratta di aggettivi, avverbi, forme verbali e nomi; essi vengono usati come interiezioni sia per manifestare sensazioni sia per salutare, esortare, esultare e così via. Eccone alcune: accidenti!, accipicchia!, avanti!, bene!, bravo!, caspita!, cavoli!, certo!, ciao!, coraggio!, ecco!, evviva!, forza!, fuori!, guai!, guarda!, magari!, orsù!, peccato!, perdinci!, poffarbacco!, salve!, su!, suvvia!, via! ecc. Per esempio: "Via! Non è certo la prima volta.", "Ottimo! Ora c'è tutto", "Coraggio, il peggio è pasato!".
Esistono anche gruppi di parole e brevi frasi dette locuzioni interiettive o esclamative, ad esempio: al fuoco!, al ladro!, Dio mio!, per l'amor di Dio!, povero me!, santi numi!, va' al diavolo!
Infine, all'interno delle frasi ci possono essere parole che spesso hanno funzione autonoma simile a quella delle interiezioni, sono le voci onomatopeiche o onomatopee, il cui nome di origine greca letteralmente significa formazione di nomi. Sono parole ed espressioni il cui suono tende a riprodurre per imitazione quello del significato corrispondente, si tratta di rumori (bum, crac, paf, din-don, tic-tac ecc.), versi di animali (chicchirichì, miao, pio, squit ecc.) e suoni vari. Il linguaggio fumettistico ne è zeppo: ah! ah! (per risata spontanea e divertita), argh! (per dolore), bleah! (per nausea o schifo), boing! (per rimbalzo), eh! eh! (per risata sarcastica), etcì! (per lo starnuto), drin! (per squillo), grrr! (per rabbia, dal digrignare dei denti), krakkle! (per lo schiocco di un fulmine), ps! (pss! o pst! per ottenere silenzio o richiamare l'attenzione), shh! (ss!, sss!, ssss!, st! sst! per chiedere silenzio), to'! (o toh! per indicare sorpresa o per dire prendi!), tsè! (o tsk! tsk! per scetticismo), ulb! (o ulp! per stupore), zac! (o zacchete! per indicare un taglio), zzz! (per il russare). Molte espressioni simili derivano da verbi inglesi: bang! (da to bang: esplodere), boom! (da to boom: scoppiare), broom! (da to broom: spazzare), clang! (da to clang: produrre un suono metallico), crash! (da to crash: scontrarsi con fracasso, crollare), flop! (da to flop: cadere), gasp! (da to gasp: boccheggiare), gloom! (da to gloom: oscurare), grunt! (da to grunt: brontolare), gulp! (da to gulp: inghiottire), mumble! (da to mumble: borbottare), rumble! (da to rumble: rombare), sigh! (da to sigh: sospirare), slam! (da to slam: sbattere), slurp! (da to slurp: bere in modo rumoroso), smack! (da to smack: schioccare), sob! (da to sob: singhiozzare), splash! (da to splash: spruzzare), wow! (da to wow: fare impazzire di entusiasmo), yawn! (da to yawn: sbadigliare), zoom! (da to zoom: ronzare, sfrecciare rombando).
Per quanto riguarda la punteggiatura relativa alle interiezioni si usa evidentemente il punto esclamativo, che però - come mostrato sopra - può essere riferito a un'intera proposizione e in questo caso l'interiezione sarà separata dal resto della frase mediante una virgola. Nel caso che, invece, tale segno d'interpunzione riguardi la singola espressione la seguirà immediatamente e - a meno che non concluda la proposizione - dopo di esso si potrà proseguire la frase con la lettera minuscola.
Ecco per concludere delle brevissime citazioni letterarie:
«- Ahi! Ahimè! Ohi! Ora, ora! - s'urlava di giù», tratto da A. Manzoni, I Promessi Sposi, XII 30.
«Pst! Fagotto, e via!», tratto da L. Pirandello, Il berretto a sonagli, VII 204.
«Sembran tante letteratesse, puah!», tratto da Imbriani, Studi letterari e bizzarrie satiriche, 340.
«Ahi serva Italia, di dolore ostello,/ nave sanza nocchiere in gran tempesta,/ non donna di province, ma bordello!», tratto da D. Alighieri, Divina Commedia, Purgatorio, canto VI (versi 76-78).
Grazie per l'attenzione e alla prossima.

Il tuo voto: Nessuno Media: 3.7 (7 voti)
Tag:

Commenti

ciao Morgan,
sfortunatamente ho notato solo da pochi giorni tutto il lavoro che hai fatto riguardo alle lezioni per scrivere un romanzo in 100 giorni, volevo scaricare il pdf ma non l'ho trovato; se, per favore, mi dici dove posso trovarlo te ne sarei molto grato!
complimenti per il blog!

sperando che la risposta al mio quesito possa essere positiva, tanti saluti!

-LYKHANOS-

Lasciamo questo spazio ai commenti per l'articolo di Annalisa. Scrivimi alla mail Lykhanos:
sulromanzo@libero.it
Grazie.

scusate ma vorrei sapere come si scrive quel " verso" che nella pubblicità dell'acqua LETE fa la bollicina quando cerca di capire se c'è qualcuno nelle sue vicinanze. Mi piacerebbe scrivere quel suono che forse impropriamente scriverei così: iuhuuuuu!!! c'è qualcuno che mi sa dire se è giusto??

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.