Perché i nostri lettori sono da 110 e lode

valutazione inediti

pubblicità e advertising

servizi web

Henry David Thoreau: Camminare

thoreau2.jpg

Di Paolo Melissi

Con Henry David Thoreau e il suo Camminare il percorso sul legame tra letteratura e camminare si avvia verso il suo compimento. Thoreau non poteva mancare, anche se ciò significa compiere un salto indietro nel tempo e, sopratutto, all'interno dell'evoluzione che il concetto di camminare ha seguito adattandosi ai tempi e alle trasformazioni della società. Ma non poteva mancare perché, come si vedrà in seguito, un filo rosso idealmente congiungerà questo autore con altri che tutt'ora continuano a camminare e a scrivere.

Il libro e lo stesso pensiero di Thoreau “vivono” in un mondo in cui la natura, o la wilderness per rievocare i grandi spazi vergini degli Stati Uniti, non è ancora retrocessa sensibilmente dinanzi all'avanzata delle città, dell'antropizzazione. Camminare si identifica con la possibilità di stare nella natura, rinnovando il contatto e l'appartenenza, e contemporaneamente assumere una posizione di “dissidenza”, di disubbidienza nei confronti delle norme e delle costrizioni che la società va consolidando intorno all'individuo. Una posizione riflessa direttamente nella scrittura, espressiva di una posizione antagonista nei confronti del lettore e della società in senso più ampio.
Thoreau fa parte del Trascendentalismo insieme a Channing, Emerson, Alcott, e vive nella stessa città: Concord. Come gli altri, scrive Camminare attingendo dalle pagine dei sui diari scritti tra il 1850 e il 1851. Nel libro, idealmente suddiviso in quattro parti, una sezione è dedicata in maniera evidente all'arte del camminare, a lungo affinata nel corso delle escursioni compiute da solo o in compagnia di Hawthorne, Channing ed Emerson.

Camminare offre l'occasione di cogliere le piccole cose e da esse lasciarsi sorprendere, ma prima di tutto costituisce la possibilità di ristabilire il contatto col proprio sé:

Quando ho bisogno di ricreare me stesso vado in cerca della foresta più buia, della palude più fitta e più impenetrabile e, ad occhi cittadini, più tetra. Entro in una palude come in un luogo sacro, come in un sacta sanctorum. Qui risiede la forza, la quintessenza della Natura.

È una dimensione, dice Thoreau, quella della tensione pura e selvaggia, che manca alla letteratura inglese: a Chauser, Spenser, Milton e anche Shakespeare. La tensione di cui scrive Thoreau è più vicina alla mitologia, è prossima alla trascendimento dell'ordine sociale e della zavorra culturale.
La direzione da imprimere ai passi può essere dettata dalla stessa natura, che possiede

un magnetismo sottile in grado di guidarci nella giusta direzione, se ad esso ci abbandoniamo.

D'altra parte, camminare è già, di per sé, un'arte.

È necessaria, per farsi camminatori, un'espressa dispensa del Cielo. Occorre essere nati nella famiglia dei Camminatori. Ambulator nascitur, non fit.

L'opposizione tra camminatore e sedentario è netta, individua un “mondo” opposto all'altro: modi differenti di pensare, agire, anelare, costruire, realizzare. Una contrapposizione che, più tardi, sarà ripresa e sviluppata da una grande viaggiatore, e anche camminatore: Bruce Chatwin.
Il tuo voto: Nessuno Media: 4 (2 voti)

Commenti

Thoureau penso ke sia uno dei migliori autori di fine ottocento. Leggendo il suo libro, Walden ovvero vita nei boschi, si può capire ke la natura è una realtà in cui l'uomo può rifugiarsi, dal mondo moderno e dai suoi lati negativi ke la circonda.

Al seguente link potrete visionare il servizio sui benefici del camminare. Il servizio al link http://www.uniroma.tv/?id_video=18063
Ufficio Stampa uniroma.tv
info@uniroma.tv
http://www.uniroma.tv

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.