In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

BINARI (2) – Ribellione

Sul+Romanzo_68.gif

Di Giovanni Turi

Sono stato a lungo indeciso se intitolare questo articolo Ribellione e non piuttosto Voragine, poiché la rivolta in questione è anche quella scaturita con i moti sessantottini, che ha generato un vuoto di valori mai più colmato. Si correva tuttavia il rischio di distogliere l’attenzione dal fulcro dei due romanzi su cui voglio soffermarmi, Pastorale americana e La guerra dei figli: in entrambi l’ispirazione è data dalla conflittualità tra genitori e figli esplosa con particolare virulenza al termine degli anni ’60, quando emerse ormai chiaramente che i valori tradizionali non potevano più essere inculcati nelle nuove generazioni. Ecco allora perché ho scelto Ribellione: per includere sia quella riconducibile a un preciso contesto storico, sia quella intergenerazionale che con modalità proteiformi si rinnova e si ripete stagione dopo stagione.

Philip Roth e Lidia Ravera constatano come, smarriti i valori consolidati e le chiavi interpretative del reale, a sgretolarsi sia stata innanzitutto l’idea di famiglia: non più nucleo basilare dell’armonia individuale e sociale, ma barriera da abbattere per affermare la libertà, una libertà che si voleva incondizionata e assoluta pur non sapendo, in realtà, cosa fosse e a che servisse...

Ricorda il senso di libertà, quando il padre e la madre sono partiti.
Un’ebbrezza che non l’ha abbandonata mai, neanche quando ha scoperto le notti brevi e le mattine di sonno pesante, le giornate fluide, prive dell’ossatura degli orari, senza pasti principali, scontornate. Non ha mai smesso di godere di un inebriante senso di libertà nemmeno quando ha incominciato a sospettare di non avere talento né desideri, né rabbia sufficiente per vivere senza talento e senza desideri. Nemmeno quando ha capito di non aver voglia di dar inizio a niente. Nemmeno quando la solitudine senza nemici della vita lontano dalla famiglia le è apparsa, improvvisamente, malinconica.” (Lidia Ravera, La guerra dei figli, Garzanti)

Il romanzo di Lidia Ravera, con uno stile carico di angoscia e dall’ironia tagliente, narra l’incapacità di Elisa di diventare, come la sorella Maria, protagonista della ribellione, ideologica ma anche armata; se la sua scelta derivi da scetticismo, viltà o ragionevolezza è compito del lettore stabilirlo, ciò su cui l’autrice non lascia dubbi è che quel mito (chiamato di volta in volta giustizia, egualitarismo, libertà, ecc.), nel nome del quale si riempivano le piazze, era inesorabilmente destinato a tramontare. Stona un po’ il finale consolatorio, quasi si volesse ridimensionare la lucida disanima offerta pagina dopo pagina, ma probabilmente è solo un ammiccamento ai lettori più pavidi.

Con Philip Roth il punto di osservazione non è più quello della progenie, bensì quello di un padre che ama profondamente sua moglie e sua figlia Merry, ma non riesce ad arginare le forze centrifughe che le conducono sempre più distanti dal focolare domestico. Merry si illuderà di difendere il diritto alla vita ordendo attentati terroristici, e il padre di poterla e potersi in qualche modo redimere.

L’uomo dice solo: «Non sono a conoscenza del luogo dove può trovarsi mia figlia». E il padre della Terrorista di Rimrock gli crede, capisce fin troppo bene la sua scarsa comunicatività, conosce meglio di ogni altro padre americano il peso dell’angoscia che si cela sotto la piatta formulazione: «Non sono a conoscenza del luogo dove può trovarsi mia figlia». Se non fosse capitato a lui, forse tanta reticenza lo avrebbe stupito. Ma lui sa che la verità è che i genitori della ragazza scomparsa stanno affogando proprio come lui, affogando giorno e notte in un mare di spiegazioni inadeguate.” (Philip Roth, Pastorale americana, Einaudi)

Attraverso un dramma privato, Roth descrive anche il tracollo dell’America progressista e fiduciosa in una nazione franta in schegge dissonanti dalla contestazione interna alla guerra in Vietnam e dallo scandalo del Watergate, dimostrandosi acuto osservatore di un’epoca, oltre che profondo conoscitore dell’indole umana. Indole incline all’idealismo e alla rottura, ma spesso incapace di saper poi ricomporre la realtà incrinata.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)
Tag:

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.