Corso online di editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso online di scrittura creativa

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Intervista a Paola Vagnozzi - editor Galaad Edizioni

Sul+Romanzo_Galaad+Edizioni.jpg

Di Morgan Palmas
 

Buongiorno, vorrei anzitutto chiederle qual è stato il percorso professionale che l’ha portata a divenire editor in una casa editrice.

Ho seguito un percorso di studi che ha ben poco a che fare con l’editoria. Non ho mai smesso, però, di coltivare la mia passione per la letteratura e pian piano mi sono resa conto che il mio lavoro non poteva più convivere con i miei interessi. Nel settembre 2006 ho fondato, insieme al mio socio Paolo Ruggieri, la Galaad Edizioni. Non ho mai seguito corsi o master, ma negli ultimi anni mi confronto quotidianamente con le gioie e i dolori del lavoro redazionale. In fondo, continuo a fare ciò che ho sempre fatto: leggere e scrivere.

Esistono un percorso standard o canali privilegiati oppure ritiene che vi siano più possibilità per diventare un editor?

Non saprei. La via maestra, in teoria, dovrebbe essere una buona facoltà umanistica seguita da un master in tecniche di redazione. In più, sarebbe consigliabile un lungo soggiorno all’estero per imparare una lingua straniera. Lavorando in questo campo, però, ho avuto la fortuna e il privilegio di incontrare professionisti straordinari che sono arrivati al mondo dell’editoria percorrendo le strade più disparate.

Come è in concreto la sua giornata lavorativa? Quali sono le sue specificità imprescindibili?

Di solito, la mattina è consacrata alla lettura dei manoscritti e delle mail, il pomeriggio al lavoro sui testi. In realtà capita spesso di dover affrontare le situazioni più diverse: valutazione di scelte grafiche e prove di traduzione, stesura dei contratti editoriali, preparazione di fiere e presentazioni, telefonate e incontri con autori, traduttori, agenti letterari e così via. Una cosa è certa: non ci annoiamo mai, non ne abbiamo il tempo.

Nel mondo editoriale vede più merito rispetto al “sistema” Italia o reputa invece che il pensiero comune dell’amata raccomandazione sia purtroppo la via più comune? Quali percentuali fra le due?

Non conosco dall’interno la realtà di tutte le case editrici e non amo generalizzare. In questi anni ho conosciuto di persona molti piccoli editori e mi sembrano tutti professionisti seri e motivati che non hanno alcuna voglia di buttar via tempo e soldi pubblicando libri in cui non credono o facendo lavorare persone impreparate. Per quanto ci riguarda, è vero che a volte ci è capitato di prestare ascolto a “segnalazioni” provenienti da persone degne della massima stima e fiducia; ma l’ultima parola spetta sempre a noi.

Se crede nel merito, quali sono le sue azioni quotidiane per favorirlo?

Pubblichiamo libri che ci piacciono ed esprimono la nostra idea di letteratura e la linea editoriale della Galaad Edizioni. Per quanto riguarda la scelta dei collaboratori, ci interessa solo che siano bravi, competenti e affidabili.

Che cosa stima in uno scrittore esordiente e che cosa invece detesta?

Stimo l’umiltà, la capacità di mettersi in discussione, il desiderio di crescere, imparare, evolvere. Detesto l’arroganza, la presunzione e l’egocentrismo.

Quali sono le qualità della sua casa editrice e le prospettive?

Cerchiamo di impegnarci al massimo, con dedizione e spirito di sacrificio, in ogni aspetto del lavoro editoriale. Siamo maniacali nella cura dei testi e seguiamo in prima persona tutte le fasi della produzione del libro – dalla scelta della carta e della veste grafica, all’editing, alla stampa – fino alla promozione. La prospettiva è quella di cercare autori che esprimano, nei loro testi, l’idea di fondo che ispira la nostra linea editoriale. Cerchiamo di privilegiare, soprattutto nella narrativa, proposte editoriali che mettano in evidenza il rapporto dell’uomo con l’arte e con gli elementi della natura. Non per niente il simbolo della casa editrice è il fiore del Balsamo di Galaad, un albero citato nel Vecchio Testamento per le sue virtù curative. Siamo convinti che un buon libro permetta all’uomo di comprendere meglio se stesso, il suo rapporto con gli altri e con il mondo che lo circonda.

Che cosa pensa delle case editrici a pagamento?

Penso che non siano case editrici vere e proprie.

Un consiglio a chi vorrebbe intraprendere l’attività di editor.

Leggi di tutto, scrivi, viaggia, impara una o più lingue straniere, vai al cinema, a teatro, ai concerti. Asseconda le tue curiosità intellettuali, tieni sempre viva la fiamma della passione per i libri e per le parole. Quando lavori non dimenticare che la scrittura letteraria si nutre anche di precisione, quindi sii preciso, persino puntiglioso, se occorre. Persevera nei tuoi obiettivi. Se hai talento per questa professione, il resto, prima o poi, verrà da sé.

La ringrazio e buon lavoro.

Grazie a lei.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Paola è una editor di grande professionbalità e competenza, ed è una persona di vasta e consolidata cultura. E' in grado di "ascoltare" un autore e un testo come pochi, e come pochi sa accudire uno scritto. E' raro incontrare persone che mettano nel proprio lavoro una così viscerale passione. E poi è una lettrice molto raffinata, dei cui consigli c'è sempre da giovarsi.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.