Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Elena Depaoli

Sul+Romanzo_Elena+Depaoli.jpeg

Di Morgan Palmas

Buongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinata alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.

La mia affermazione può sembrare un cliché, ma direi che ho scritto fin da piccola. I primi racconti che messo per iscritto risalgono alle terza elementare, testi che, rileggendoli adesso, mi fanno una gran tenerezza. Il mio avvicinamento alla scrittura è dovuto probabilmente al mio carattere, piuttosto introverso. Le nature timide imparano dallo scritto ciò che si vergognano a chiedere. E quando vogliono far sentire la propria voce, scrivono.

Se consideriamo come estremi l’istinto creativo e la razionalità consapevole, lei collocherebbe il suo modo di produrre scrittura a quale distanza dai due?

Una via di mezzo. Non mi pongo nessun problema a scrivere la prima stesura senza badare minimamente alle forme espressive; in quel frangente, mi lascio prendere dall’idea su cui si basa la trama e scrivo di getto, dedicando molta cura ai passaggi principali e alla storia. Poi, dopo la fase in cui mi lascio andare all’istinto creativo, subentra la razionalità dove devo rielaborare il tutto perché la scrittura sia corretta. L’ispirazione va bene, ma occorre anche la correttezza nella forma, che molto raramente si realizza senza un’accurata revisione.

Moravia, cascasse il mondo, era solito scrivere tutte le mattine, come descriverebbe invece il suo stile? Ha un metodo rigido da rispettare o attende nel caos della vita un’ispirazione? Ce ne parli.

Beato Moravia che poteva permetterselo! No, scherzi a parte, personalmente ho bisogno di momenti fissi nella giornata da dedicare alla scrittura. Quando ho idee o mi viene in mente una nuova trama posso scrivere a getto su qualunque pezzo di carta abbia sottomano, ma per elaborare il testo nella sua forma definitiva ho bisogno di tempo e tranquillità. Sarebbe fantastico potermi permettere ore seduta a un tavolo mentre scrivo, ma per il momento mi accontento di una o due ore prima di andare a dormire.

Di che cosa non può fare a meno mentre si accinge alla scrittura? Ha qualche curiosità o aneddoto da raccontarci a riguardo?

Carta. Non mi è mai riuscito di scrivere direttamente sul computer, a meno che non siano stati pezzi giornalistici. Mi servono un quaderno su cui metter giù le idee e i discorsi, una penna da rosicchiare, e possibilmente una lattina di coca-cola, la mia droga personale. Ho scoperto che anche l’ambiente che mi è più congeniale è una biblioteca, una sala studio o un bar. Dentro casa provo la sensazione che ci sia sempre qualcuno a guardare quello che faccio, mentre negli altri luoghi sono completamente rilassata. L’unico aneddoto che mi viene in mente è il mio vizio di bere un succo di frutta ogni volta che metto la parola fine a un manoscritto, che si tratti di un racconto o un romanzo. Ho cominciato a eseguire il rituale da bambina e per scaramanzia non ho mai smesso.

Wilde si inchinò di fronte alla tomba di Keats a Roma, Marinetti desiderava “sputare” sull’altare dell’arte, qual è il suo rapporto con i grandi scrittori del passato? È cambiata nel tempo tale relazione?

In quanto studentessa universitaria sto attraversando un periodo in cui trovo molto problematico il mio rapporto con i classici, perché sono obbligata a leggerli. Prima, ho sempre amato molto la lettura dei grandi libri del passato, e non dubito che una volta terminati gli studi saprò guardare nuovamente uno scritto di Carlo Emilio Gadda senza provare l’ostilità che sento attualmente nei suoi confronti.

L’avvento delle nuove tecnologie ha mutato i vecchi schemi di confronto fra centro e periferia, nonostante ciò esistono ancora luoghi italiani dove la letteratura e gli scrittori si concentrano? Un tempo c’erano Firenze o Venezia, Roma o Torino, qual è la sua idea in merito?

Non saprei dire. Considero Milano e Roma le due città dove è particolarmente alta la presenza di scrittori ed eventi editoriali, ma questo perché vi si trovano anche le sedi delle più grandi emittenti televisive del Paese, che raccolgono attorno a sé sceneggiatori e autori per creare i contenuti dei loro programmi.

Scrivere le ha migliorato o peggiorato il percorso di vita? In altre parole, crede che la letteratura le abbia fornito strumenti migliori per portare in atto i suoi desideri?

Leggere ha sicuramente reso più bella la mia vita. Quanto allo scrivere, è un istinto che provo in alcuni momenti, e la gioia che mi dà a volte però si scontra con il fatto che stendere una storia mi ha portato via molto tempo che potevo utilizzare per studiare o lavorare. È una felicità in parte smorzata. La soddisfazione che ho provato nel vedere il mio primo romanzo pubblicato però è stata indimenticabile, e ha messo da parte per un po’ i sensi di colpa che provo pensando alle ore che ho impiegato per realizzarlo. Nonostante i sentimenti un po’ contrastanti, la scrittura mi ha sicuramente fornito dei mezzi per esprimermi meglio.

La ringrazio e buona scrittura.

Grazie a voi.

Elena Depaoli, nata nel 1986, è una degli autori del sito Dols.net e ha collaborato con la rivista incentrata sul marketing Dailynet. Ha anche collaborato con alcuni articoli per Ragazza Moderna e Cioè. Il suo primo romanzo si intitola Come posso farcela, ed è edito dalla Neftasia Editore.

Nessun voto finora

Commenti

Mi piacciono queste interviste agli scrittori, perché si dimostra che ognuno segue un proprio percorso e che non esistono delle "scuole di scrittura". Cioè la negazione di questa attività: come se si potesse frequentare un corso e imparare a scrivere.
Un altro elemento comune, che mi sembra emergere, è che tutti gli scrittori sono dei grandi lettori. Essenziale...

Mi sto facendo sempre più l'idea che scrivere bene sia un dono, come la bella voce, o gli occhi azzurri, o l'orecchio assoluto.
Inoltre penso che se si può imparare a farlo in maniera fruibile è come imparare uno strumento, si può essere buoni esecutori, discreti compositori, ma per essere un Bach o un De Andrè o... ci vuole quella scintilla che, se non c'è, non la si può inventare.
Fa bene leggere, fa bene capire qual'è il grado di scintillanza. Qual'è quel quid che rende uno scritto originale eprezioso.
Bella intervista
Complimenti.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.