Curiosità grammaticali

Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Conoscere l'editing

Interviste a scrittori

Il contratto editoriale: cos’è? - parte 1

Sul+Romanzo_firma.jpg

Di Morgan Palmas

Due luoghi si incontrano: uno con un foglio, l’altro con la penna. Formano insieme un bel contratto editoriale con una firma. Da qui dobbiamo partire per comprendere meglio il contesto delle cloache editoriali, alias case editrici a pagamento. 

Anzitutto prego tutti i lettori di inviarmi via mail (sulromanzo@libero.it) una copia di un contratto stipulato o almeno ricevuto da una delle cloache. Vorrei raccogliere diversi esempi che possano illustrare la situazione vissuta da tanti scrittori esordienti. Carta canta insomma. Non farò i nomi di chi mi invierà la mail, non temete, la sforzo di Sul Romanzo è di informare quanto più possibile chi si accinge a firmare un contratto editoriale senza essere preparato alle conseguenze.

Quando leggete un contratto dovete come prima cosa individuare che vi sia oltre al nome della casa editrice, ovviamente, il luogo della sua sede legale e la partita IVA. Elementi chiari che in caso di avversità siano di aiuto per ulteriori approfondimenti.
Saranno poi indicati i vostri dati: Nome, Cognome, data di nascita, residenza, ecc.

Si parlerà di diritti, quelli della casa editrice e i vostri. Ora è evidente che stipulando un contratto donate i diritti di pubblicazione del vostro libro, ma le modalità con cui ciò è pattuito potrebbe comportare parecchi equivoci.
Di quali diritti si parla? Del libro o di altro anche? Vi state impegnando per quel libro oppure vi è chiesto qualche obbligo oltre la donazione dei diritti sulla pubblicazione? Leggete bene ogni voce del contratto.
Deve ESSERE SCRITTO CHIARAMENTE che la casa editrice si impegna a pubblicare la vostra opera senza ulteriori esborsi da parte vostra, altrimenti in mancanza di tale dichiarazione, in caso di processi, l’avvocato della controparte potrebbe farvi venire un’ottima orticaria.

Saranno indicate il numero di copie gratuite che vi spetteranno (da 3 a 20 generalmente) e che saranno inviate per via postale.
Sarà CHIARAMENTE resa nota la percentuale che vi è attribuita su ogni copia venduta, i margini per un esordiente vanno dal 6 al 10%, nomi già noti possono permettersi qualcosa di più. Le sfumature su questo campo sono numerose, proviamo a vederne oggi alcune.

Vi può capitare di ricevere un contratto che vi proponga un anticipo una tantum non indifferente (non si sta parlando qui di 50 euro, ma nell’ordine di 1000, 2000, 5000 euro o più), badate bene, massima attenzione, perché a volte non è un anticipo bensì una liquidazione della vostra opera senza altri ulteriori diritti economici.

Potrebbe accadere che una iniziale quantità di copie non partecipino alla conta delle vostre percentuali, magari le prime 200 copie. Questo potrebbe far sorgere una domanda: la casa editrice non è a pagamento magari, ma vi obbliga a non percepire nulla fino alla Xennesima copia, sta tentando di circuirvi? Beh, diciamoci la verità, un po’ sì, eppure è la norma per non poche case editrici definite NON a pagamento. Quindi, se questa voce vi turba, lasciate perdere drammi esistenziali, siete in buona compagnia. Anche perché queste presunte 200 copie senza alcun diritto sono comunque opera vostra, non della casa editrice, perciò, se la logica ha una sua ragion d’essere, dalla prima copia dovrebbero essere elargite le percentuali di guadagno. Ho visionato di persona quasi un centinaio di possibili contratti editoriali, questa forma ibrida l’ho trovata spesso. Dov’è il limite fra rassegnata accettazione della danza contemporanea e indecenza contrattuale? Beh, se le copie senza ricavo da parte vostra sono 1000, aprite il computer, inviate una mail alla casa editrice in questione scrivendo: “Queste non sono cose che si dicono in faccia, queste sono cose che vanno dette alle spalle dell'interessato”. Chi ha capito, ha capito.

Sia sui diritti che sui guadagni c’è molto da dire, e lo faremo presto sempre su queste frequenze.
Il tuo voto: Nessuno Media: 4.5 (4 voti)

Commenti

Nuovo editore che si presenta come esperto di poesia, professore di liceo, direttore di rivista letteraria.
Popone contratti confusi, dice che è un editore non a pagamento, ma di fatto concede due copie gratis all'autore e poi propone il pagamento del resto, anche quello da distribuire. Inoltre ti obbliga all'editing (io l'avevo già effettuato per mio conto) a pagamento. Il costo delle copie per l'autore è del 70%.
Giugicate voi. Si chiama Ladolfi.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.