Come scrivere un romanzo in 100 giorni

Curiosità grammaticali

Conoscere l'editing

Interviste a scrittori

Editoria a pagamento: pubblicare libri senza truffe? – parte 10

Sul+Romanzo_equit%C3%A0+nell%27etica+eco

Di Morgan Palmas

[Seguito parte 9]
Si citavano la scorsa volta questioni di natura giuridica e politica. Si legga anzitutto questo manifesto contro il contributo editoriale. Si veda, nei primi articoli, come uno dei nodi sia il rapporto fra aspetti giuridici e aspetti etici. 

La legge è chiara in tale senso, non vi è nessuna illegalità nel costituire e gestire una casa editrice a pagamento, infatti il fulcro non è giuridico, bensì politico. È la politica, cioè chi legifera, che dovrebbe, nel caso fosse opportuno, delimitare i territori, porre in essere regole che ostacolino l’impresa delle cloache editoriali. Qualcuno potrebbe inneggiare alla libertà del mercato, giusto, come confutarlo? Eppure ciò non significa, con buona pace degli editori a pagamento, che poiché la legge lo permette allora il discorso etico sia sistemato all’uopo.

L’art. 41 della Costituzione recita:

“L’iniziativa economica privata è libera.
Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.
La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali”.

Vero che viviamo un’epoca in cui si mette in discussione tutto, in cui si interpreta la legge a proprio uso e consumo, ahi noi, eppure ci si chiede se sia rispettoso della dignità umana addossare le spese di una pubblicazione tutte sulle spalle dell’autore.
Ci si chiede se la legge non sia mancante quando un editore può sfruttare liberamente i rischi altrui invece che prendersi la responsabilità dei propri per fare impresa.
Ci si chiede se l’attività economica delle cloache editoriali contempli un fine sociale nel NON investire in prima persona ma delegando le conseguenze all’autore del prodotto editoriale.
Ci si chiede se abbia senso recarsi in un panificio e invece di sganciare due euro per un po’ di pane dire al panettiere: «Chiudi gli occhi, ti rubo cinque michette, tu intanto firma qui che te le ho rubate».

ETICA, questa parolina così vaga, eppure così importante. Etica delle attività economiche, in un paese in cui la furbizia domina. Il discorso si allarga notevolmente, investendo le tematiche della giustizia nella società. Un testo di filosofia politica dal quale non si può prescindere è “Una teoria della giustizia” di John Rawls e in esso, accanto a complessità numerose, si trova questa frase:

“Poiché la verità e la giustizia sono le virtù principali delle attività umane, 
esse non possono essere soggette a compromessi”.

Il compromesso delle cloache editoriali è di non dire il più delle volte la verità (sulla distribuzione del libro per esempio) e di non essere giuste (facendo pagare i rischi di impresa all’autore). L’informazione vera e l’attività economica giusta sono le basi ineludibili di una democrazia che voglia definirsi tale. Barare non è degno di una democrazia quando si parla di impresa.

I principi della giustizia in una società sembrano discorsi campati in aria, pedantemente astratti, al contrario investono la nostra quotidianità, terreno su cui qualcuno può o meno donarci libertà o non libertà, serietà o non serietà, merito o non merito. Altrimenti le regole possono essere cambiate all’ultimo momento (inutile che dica i fatti recenti di politica regionale), altrimenti chi ha il coltello dalla parte del manico può sempre abusare del proprio potere: i principi devono essere chiari e un principio che dovrebbe essere chiaro nel mondo editoriale è che se scommetti nel libro di un autore ti prendi una dannata responsabilità d’impresa, fino in fondo.

Vorrei riflettere ancora su questi argomenti, se avete la pazienza di seguirmi. A mercoledì.
Nessun voto finora

Commenti

rifletto anch'io :)

E' per tutte queste cose che le disamine come la tua sono importantissime, affinché gli autori sappiano come stanno le cose e chi di loro si imbatte per caso o per volontà in una di queste case editrici, sappia che cosa lo aspetta e per questo stia con le antenne ben dritte.

Poi, se uno vuole sborsare quattrini, è libero di farlo, ma almeno deve sapere con esattezza a fronte di che cosa lo fa e che cosa questo significa in termini di prospettive editoriali.

@Cristina: :)
@Il grande marziano: sì, lo penso anch'io, non si può dare sempre per scontata l'informazione.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.