Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Spersonalizzare una frase con la particella pronominale "si" – Consiglio 5

Sul+Romanzo+Blog+studenti.jpg

Di Morgan Palmas

È diffuso l’utilizzo di una costruzione particolare, frutto dell’unione di due elementi: la particella pronominale si e la terza persona singolare del verbo. Ciò è dovuto alla necessità di spersonalizzare una frase, a vantaggio di chi la usa. Il soggetto viene meno, rendendo magari un rimprovero meno perentorio o una domanda meno accusatoria:

«Ci si alza o si rimane a letto?» oppure «Si inizia o no?».

Accanto a costruzioni impersonali di questo tipo, ne esistono altre personali con verbi come sembrare, accadere, bisognare, ecc.

«Bisogna fare in fretta!» oppure «Sembra che la notizia sia vera».

La spersonalizzazione si può ottenere in altri modi, per esempio utilizzando la terza persona plurale.

«Dicono che Antonella Clerici abbia fatto il boom ieri sera!» oppure «Pensano che la vita sia solo un divertimento».

Un altro caso simile è quando si usa la parola gente: «La gente rifiuta la politica gridata oramai!». Oppure con il termine uno: «Uno pensa che ci siano anche onesti in politica e invece poi ti cadono le braccia ogni giorno…».

Nota a margine. Chi è toscano o conosce quelle terre, sa benissimo che la prima forma presentata nel post è assai diffusa. Tanti toscani usano non di rado l’impersonale con il si, accompagnato o meno dal pronome di prima persona plurale, come nel seguente esempio: «Noi si va al cinema stasera» o «Noi si torna alle quattro».
Il tuo voto: Nessuno Media: 3 (2 voti)

Commenti

Verissimo. Io sono toscana, pisana di provincia per la precisione, e qui da noi usiamo moltissimo il si, è una cosa normale, non ci facciamo neanche caso "Vieni a tavola che si mangia" o "Si va a fare una passeggiata (o giratina, come si dice qui da noi, appunto!).
Interessantissimi e utilissimi questi post, grazie Morgan!
Donatella

Sara come dici ma forse è solo un modo che ha la gente per dire qualcosa contro qualcuno
non capendo che quel qualcosa di negativo fa parte di lui :D e non vuole mostrarlo agli altri
pensando semplicemnte che come sono io guarda che lo sei anche tu
^_^ in questa spersonificazione cerca un modo per non far trasparire una propria lacuna addossandola al malcapitato con un ci si

Ad esempio
«Ci si alza o si rimane a letto?»

Bastava semplicemente dire che Sei un pigro ^_^
Infatti una cosa tipica di queste frasi è scombussolare il mittente perche non sa se effettivamente il pigro a cui è rivolto il messaggio sia lui o il destinatario ... visto che si parla al plurale con il ci ... preferisco il tu o il me se bisogna fare uan critica a qualcuno queste spersonificazioni sono sinonimo di mancanza di responsabilità in chi li dice o le afferma

a quel punto forse è meglio dire

... Alzati pigro e vai a lavurà

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.