Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Lettore in 3D

Sul+Romanzo+tre+dimensioni+occhiali.jpg

Di Roberto Orsetti

Qualche tempo fa, discutendo con un amico sul "come leggere", venni definito scherzosamente "un lettore 3D".
Mentre leggo, immagino luoghi e personaggi, sento musiche di sottofondo che abbino a scene o dialoghi, sono circondato da mille possibili distrazioni e disturbi.
Sarà che in questa mia vita piena di multimedialità subita, vissuta anche in maniera inconsapevole, non posso fare a meno di avere o fare più cose contemporaneamente.
Già da ragazzo, ai tempi delle medie, studiavo e facevo i compiti con la radio o la televisione accesa.
Così, anche adesso quando leggo, succede sempre qualcosa intorno a me.
Musica, news, clienti in negozio, figli che giocano alla playstation. Un caos?
No. Semplicemente il mondo.
Un mio amico, invece, ha bisogno del silenzio, dell'isolamento. Non riuscirebbe mai a leggere un libro in treno. Forse un quotidiano, ma nulla di più.
Le mie considerazioni vanno al metodo di lettura.

Come si dovrebbe leggere un libro?

Serve concentrazione, metodo o semplicemente voglia?
Una volta a casa di un conoscente, vidi la moglie che leggeva. Seduta sul divano: il plaid, un grande paralume e il libro. Una foto da copertina di Harmony.
Mi disse che la lettura è un piacere, come i piedi nello scaldotto, la cioccolata calda con i savoiardi.
Mi morsi la lingua. A me, abituato a leggere mentre il Milan prendeva il solito goal su calcio piazzato, erano forse precluse le gioie della lettura?
Eppure sono convinto che l'arte di accostarsi alla lettura varia da persona a persona, sempre verso la meta finale con identico risultato.
Ci sono persone che leggono tutto d'un fiato, altre che leggono dieci pagine ogni sera prima di addormentarsi. Qualcuno legge più di un libro per volta. Qualcuno fa dipendere il successo di una lettura dal primo capitolo. Altri si devono isolare o essere in particolari situazioni logistiche.
Credo di essere disordinato nella lettura, disordinato più che creativo.
Mi vengono sempre in mente queste parole:
“La tua casa, essendo il luogo in cui tu leggi, può dirci qual è il posto che i libri hanno nella tua vita”.
Io leggo ovunque e comunque: che vorrà dire?
Sono andato in giro per il web per saperne di più sull'argomento.
Come sempre: di tutto... di più, anche troppo.
Mi sono imbattuto parecchie volte in un termine che avevo rimosso ultimamente, vittima delle famose lamentele del mio post precedente: il Lettore Professionista.
Ora, direte voi, che cosa c'entra?
C'entra eccome, perché nel seguire un link dopo l'altro, sono arrivato a quelli che, come molti Lettori Professionisti, insegnano a leggere.
Non anticipate la reazione: non sto parlando della maestra di vostro figlio o della vostra insegnante delle elementari.
Sto parlando di quelli che fanno corsi, tengono lezioni sull'argomento “saper leggere un libro”.
Così ho trovato corsi di Lettura Dinamica, di Lettura Interpretativa, di Lettura Espressiva, di Lettura Veloce. Ho scelto l'ignoranza di non conoscerne, a prescindere, la definizione. Così vivrò pensando che quello per la Dinamica ti insegna a leggere correndo, quello Interpretativa e Espressiva facendo i vari personaggi con voci e visi diversi mentre leggi, quella Veloce trasformando parole in codici fiscali.
Lo so che adesso, come sempre, qualcuno di voi si sentirà tirato per la manica. Tra di voi ci sarà sicuramente chi vi ha partecipato, o magari anche tenuto corsi di simile natura.
Ma io sono molto dubbioso. Molto. Gli stessi dubbi che ho quando vedo in TV corsi di sesso e che invece non ho quando seguo "Pesca per tutti".
Sono andato come sempre fuori dal seminato, per saltare il fosso con queste ultime righe.
Francesco Dimitri nel suo blog definisce il Lettore Professionista così:
"Esiste tutta una categoria, quella dei lettori professionisti, che non ha nessuna voglia di creare qualcosa di completamente nuovo, ma che vive predando creazioni altrui."
Marco Cavalli, Lettore Professionista, critico e che gestisce corsi di lettura, scrive invece per elogiare i corsi di lettura:
"Costretto a leggere anche quando non vuole, soprattutto quando non vuole, l’italiano si rifà considerando la lettura un’esperienza sapienziale, intellettualistica, legata allo sviluppo dell’intelligenza, non all’affinamento del gusto. Al contrario dei demagoghi più o meno organici allo Stato, trovo normale la generale disaffezione della gente per la letteratura d’autore: nemmeno io riuscirei ad accostarmi a un romanzo se ogni volta dovessi chiedermi perché lo faccio."

Condivisibile, certo, ma chi me lo spiega? E io, a chi spiego cosa è un “Lettore 3D”?

Nessun voto finora

Commenti

Credo che ognuno di noi abbia il proprio modo di leggere. Anche se posso leggere ovunque, capisco chi ama farlo in tranquillità, cosa che non disdegno neppure io.
Io penso che un lettore 3D sia un lettore che sa trovare tante dimensioni possibili nella lettura e che sa 'vedere' con i cinque sensi.

Ho iniziato da poco un corso di lettura ad alta voce ma credo sia diverso dai corsi di cui parli tu. Questo corso dovrebbe aiutare a leggere meglio, evitando qualche errore di pronuncia tipico della regione d'appartenenza (leggasi esse emiliana) :)

Non lo so perché, ma alla fine, nella mia mente è risuonata la voce di Gigi Marzullo che mi domandava: «La vita è un sogno o i sogni aiutano a vivere meglio?».
Questo è il delirio che si paga quando stai a lavorare tutto il giorno davanti a uno stramaledettissimo monitor.

Morena : quando lessi "I ragazzi della via Paal" ero talmente piccolo, che non riuscivo a pronunciare tutti i nome dei protagonisti. Non per questo l'amore per quel libro è stato minore.
Marcello : se stai con un monitor tutto il giorno, non pensarlo come "stramaledettissimo" o lui si vendicherà...

Quando leggo ho bisogno di silenzio o di una confusione anonima. Solitamente leggo la sera, quando i miei sono già a letto, senza tv o radio accesa, senza cuffie con musica mp3 e con la porta della mia camera chiusa. Mi immergo completamente nel libro, scomparendo dalla mia stanza e apparendo nella storia, tra i protagonisti. Non sono un lettore "veloce", preferisco assaporare ogni parola, seguire ogni segno di interpunzione, gustare il ritmo che lo scrittore ha voluto dare al suo libro e questo posso farlo solo se nessuno mi disturba. Ma va bene anche la confusione anonima, cioè dove non è mia madre a parlare, o la televisione, ma dove i suoni si sommano e si accavallano l'uno sull'altro, tanto da diventare come un sottofondo irriconoscibile. Per esempio leggo nei parchi, alla posta o in altri posti dove c'è da aspettare il proprio turno. Leggo nella confusione più totale, ma mi è indifferente perché non è un'unica voce a distrarmi, che mi proietterebbe nei suoi discorsi, ma un caos che da una parte mi entra e dall'altra mi esce. La cosa più difficile per me è leggere se sto ascoltando musica italiana. In quel caso non riuscirei a leggere nemmeno una pagina in un'ora, perché mi concentrerei sulle immagini che il testo evoca e mi dimenticherei dei libro...

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.