Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista ad Angelo Biasella - editor NEO

Logo+Neo+Edizioni+Nero_02.jpg

Di Morgan Palmas

Buongiorno, vorrei anzitutto chiederle qual è stato il percorso professionale che l’ha portata a divenire editor in una casa editrice.

Iniziamo col dire che ho sempre letto tanto. Poi, dopo essermi laureato in Scienze politiche a Bologna, sono tornato in Abruzzo dove ho scritto per qualche anno su un giornale del gruppo Espresso. Per un mensile, invece, oltre ad occuparmi di inchieste, curavo una mia rubrica in cui stilavo qualche recensione letteraria. Una volta presa la tessera di giornalista, ho capito che non era quello che volevo realmente fare e mi sono licenziato nel giro di pochi giorni. Ho frequentato, quindi, un corso di editing in una nota casa editrice romana, dopodiché mi sono detto che era venuto il momento giusto di provare. La Neo Edizioni è frutto di quella decisione. Sono editor della casa editrice ma anche editore, in tandem col mio socio e cugino Francesco Coscioni. Fondamentalmente lui si occupa della parte commerciale ed io di quella editoriale ma siamo abbastanza interscambiabili nei ruoli, specie quando si tratta di andare alle Poste per spedire tonnellate di libri…

Esistono un percorso standard o canali privilegiati oppure ritiene che vi siano più possibilità per diventare un editor?

Non credo che esistano percorsi prefigurati. Ho conosciuto editor che venivano da una formazione umanistica, altri che avevano studiato ingegneria o matematica, altri ancora che non erano nemmeno laureati. Ognuno di loro aveva i propri gusti, la propria visione della letteratura ed ognuno di loro era talmente convinto del fatto suo da riuscire a coinvolgerti e a rendere il suo punto di vista affascinante e totalmente condivisibile. Credo che la sola cosa irrinunciabile sia la passione per la lettura. Tutto il resto sono contingenze che, onestamente, sfuggono ad ogni tentativo di inquadramento.

Come è in concreto la sua giornata lavorativa? Quali sono le sue specificità imprescindibili?

Angelo+Biasella.jpg
Mi sveglio intorno alle nove, faccio colazione intingendo una decina di Ringo nel latte bianco :), poi vado in sede. In genere, la mattina la dedico alla lettura dei manoscritti; il pomeriggio, invece, lavoro di editing sui testi che abbiamo già deciso di pubblicare. In mezzo a questo, mi ritaglio qualche lembo di tempo per fare un po’ di scouting in rete o leggendo qualche rivista di settore. Stacco verso l’ora di cena. La sera, quando non esco a farmi una birra, la tengo per me, per leggere i libri che mi va di leggere e che esulano dalle questioni prettamente lavorative.
Come editor mi ritengo poco invasivo. Cerco di intervenire il meno possibile sui testi che seleziono. Sono dell’idea che l’autore sia l’unico depositario legittimo del proprio stile e che, per quanto io possa sforzarmi di far mio il suo registro letterario, l’autore avrà sempre diritto di prelazione nell’interpretare, al meglio, se stesso. Per questa mia forma di rispetto verso l’opera e l’autore specifici, devo essere estremamente selettivo alla base. Insomma, per non incorrere nella tentazione di manomettere un intero manoscritto devo lavorare su una materia prima di qualità. Chiaro che là dove ritengo che ci sia da intervenire… intervengo, ma lo faccio sempre in accordo con l’autore e, spesse volte, dopo lunghe ed estenuanti contrattazioni. Sono convinto che ogni pubblicazione sia il prodotto di un compromesso accettabile sia per me che per l’autore.

Nel mondo editoriale vede più merito rispetto al “sistema” Italia o reputa invece che il pensiero comune dell’amata raccomandazione sia purtroppo la via più comune? Quali percentuali fra le due?

Questa domanda si presta ad un paio di interpretazioni. Per quanto riguarda il mio lavoro di editor, non saprei dire. Io sono l’editor di una casa editrice che ho fondato. Diciamo che, secondo me, ero il miglior aspirante sulla piazza e avevo tutte le carte in regola per sbaragliare una concorrenza inesistente. A parte gli scherzi, da quello che ho potuto appurare parlando con i colleghi, è difficile credere che quello di editor sia un posto di lavoro soggetto a raccomandazioni. È un lavoro delicato e c’è bisogno di tanta perizia e professionalità. Penso che una ventina di refusi in una pubblicazione che hai autorizzato siano sufficienti per farti licenziare da qualsiasi casa editrice, anche se eri stato raccomandato dal padre eterno in persona. Credo davvero che sia un ruolo in cui la meritocrazia ancora batte cassa.
Se, invece, vediamo la domanda dal punto di vista degli autori esordienti, posso dire che una raccomandazione può aiutare ad accorciare i tempi di lettura ma non garantisce, di certo, la pubblicazione. In questa accezione, però, non parlerei di “raccomandazione” quanto piuttosto di “segnalazione”. Sarei ipocrita a non ammettere che leggo prima un manoscritto che mi è stato segnalato da uno scrittore che stimo o da un giornalista che seguo o da un agente letterario che conosce il nostro lavoro. E lo faccio perché alla base di quella “segnalazione”, evidentemente, c’è già stata una prima selezione. C’è stato un filtro che mi garantisce, almeno in potenza, la validità dell’opera. Forse non è elegante ammetterlo ma è così che vanno le cose.

Se crede nel merito, quali sono le sue azioni quotidiane per favorirlo?

Cerco di lavorare e di crescere professionalmente. Oltre a questo cerco di nutrire la mia curiosità e non lo faccio solo leggendo libri. Mi informo, mi documento, guardo molti film, vedo la televisione, leggo tanti fumetti. Cerco di capire cosa piace alla gente. Il segreto, secondo me, è quello di non chiudersi in libreria ma di vivere nel mondo. Mi piacciono le bettole e non disdegno passarci del tempo. I miei migliori amici sono idraulici, camerieri, assicuratori, cuochi, operai e con loro non parlo mai di letteratura. Devo assaggiare la vita vera per poi essere in grado di riconoscerla in un libro.

Che cosa stima in uno scrittore esordiente e che cosa invece detesta?

Apprezzo la voglia di mettersi in gioco, gli sguardi sbiechi, l’originalità dello stile, la capacità di osare, la sincerità assoluta, una certa dose di arroganza (se giustificata da qualità narrative oggettive).
Non apprezzo gli autori ombelicali, gli esaltati, chi edulcora per paura dei giudizi, chi NON usa il diario solo per prendere appunti, chi scrive 200 pagine in un mese, chi dice “Scrivo perché ne ho bisogno” e fa della letteratura un bisogno fisiologico qualunque; non apprezzo le poesie “sole, cuore, amore” e non apprezzo chi, totalmente avulso dal mondo che lo circonda, crede che venti pagine di cazzatelle introspettive siano il capolavoro letterario del nuovo millennio.

Quali sono le qualità della sua casa editrice e le prospettive?

Come scritto nella nostra linea editoriale, la Neo Edizioni propone e si propone testi caustici, sarcastici, turbativi, ironici, concettualmente forti e scomodi, deliranti nel contenuto ma non nella forma, capaci di insinuarsi nell’epidermide della cultura e della società attraverso sguardi inattesi, poco considerati. Nonostante i nostri gusti siano piuttosto forti, manteniamo una certa predilezione per la buona scrittura. Cerchiamo, quindi, autori capaci di sperimentare, di non porsi limiti, di scardinare ogni regola imposta dominando, però, sempre e comunque, lo strumento narrativo.
Ci piace ogni estremo a patto che abbia piena coscienza di sé. In definitiva, si può dire tutto dei nostri titoli ma non che non abbiano carattere.
Detto questo, non crediamo assolutamente che la nostra sia una missione. Vediamo il nostro lavoro come una passione e, insieme, un bellissimo gioco. La prospettiva è quella di pubblicare dei long seller che, magari, lambiscano i limiti delle classifiche. Preferiamo quelli alla filosofia fagocitante del best seller. Cerchiamo, quindi, di pubblicare libri che non siano soggetti a mode del momento e che, almeno in teoria, siano capaci di durare nel tempo.

Che cosa pensa delle case editrici a pagamento?

Semplicemente non ne vedo l’utilità. Ci sono tanti bravi tipografi in giro. Perché farsi spellare a quel modo da un sedicente editore che non investe niente di suo, che non promuove e che non distribuisce il tuo libro? Ci sono tanti modi creativi di sperperare denaro; quello, onestamente, mi sembra il meno divertente.

Un consiglio a chi vorrebbe intraprendere l’attività di editor.

Formarsi un gusto personale è imprescindibile. Un editor, specie se di una piccola casa editrice, deve specializzarsi. L’obiettivo, a mio modo di vedere, è instaurare un tacito accordo coi tuoi lettori. Tu ti impegni a soddisfare le loro aspettative; loro, in linea di massima, sanno già cosa gli proporrai e si affezionano alle tue scelte (questo, chiaramente, nel migliore dei mondi possibili.)
Per quanto riguarda il lavoro sui testi, esistono tecniche per snellire la correzione di bozze, per lavorare sulla coerenza narrativa, per evirare il manoscritto di interi capitoli senza andare a scalfire il plot originario… la verità è che tutto si riduce ai gusti e alla sensibilità dell’editor. Un manoscritto che non piace all’editor che ce l’ha sotto mano non verrà mai pubblicato. Quindi, un consiglio che potrei dare agli aspiranti editor è quello di non fermarsi all’apparenza. Un congiuntivo sbagliato non merita la pena capitale. Aggiustare le virgole, rivedere la forma, cambiare qualche finale è una cosa che metto in conto e che non mi spaventa. L’importante, secondo me, è riuscire a capire se un manoscritto abbia un’anima o meno e, qualora ce l’abbia, se quell’anima possa incontrare i miei gusti e quelli dei lettori che penso si siano già affezionati ai libri che proponiamo.
Altra cosa importante: non prendersi mai troppo sul serio ed abbracciare la filosofia del pensiero debole. Non abbiamo verità assolute e non siamo infallibili. Un manoscritto scartato l’anno scorso, è facile che me lo ritrovi in classifica, oggi, con un marchio diverso dal mio. Non mi uccido per questo. Ho delle preferenze in fatto di letteratura, delle preferenze ben definite e tutt’altro che accomodanti. Faccio in modo, quindi, che le mie scelte vadano, sempre e comunque, in quella direzione. In questo senso, più che un editor, mi sento un pusher di emozioni forti. E così vado avanti…

La ringrazio e buon lavoro.

Augh!

Il tuo voto: Nessuno Media: 4.8 (4 voti)

Commenti

Bene. La Neo edizioni l'avevo già notata. Angelo Biasella mi pare abbia le idee molto chiare e un bel modo di raccontarle. Sono certa che sia un editor dallo sguardo acuto e che sappia lavorare in buona sintonia con i suoi autori.

Io ho avuto modo di collaborare con Angelo e Francesco in occasione della presentazione di un libro edito dalla NEO, "Palace of the end" e devo ammettere che sono due persone molto professionali e capaci oltre che disponibili, simpatici e...bevitori di birra.

Vorrei consigliarvi di cercare su internet la casa editrice La Zisa, di Davide Romano, e Coppolaeditore, di Salvatore Coppola. Anche solo scorrendo i titoli si vede che, pur essendo piccole case editrici e pubblicando a pagamento (ma di certo non con quei prezzi che leggevo), seguono un "filo" ben preciso, e non pubblicano nulla solo per far piacere agli autori. In particolare Salvatore Coppola si distingue per la sua lotta attiva contro la mafia, e gli è stato riconosciuto più volte. In una condizione in cui le piccole imprese non sono certo agevolate dallo stato, quello di chiedere un contributo agli autori è un modo per sollecitare la coscienza collettiva, e non per spennarli. Come in tutto, ci sono casi e casi: potrei enumerare altre case editrici palermitane che si distinguono, ma mi limito solo a queste due perché ne conosco personalmente la realtà.
Daniela Thomas

bravi

Umberto Nasuti

Intervista molto interessante. Stimavo già la Neo, ora... di più! :)

Un pusher di emozioni forti. Ci riforniremo senza dubbio da lui.

sono attratta da questo porgere la verità, con garbo, ma fermamente.
mi piacerebbe anche saperne di più.

Cristina, tu mi dici quello che devo fare e io lo faccio...

Angelo, mi piacerebbe sapere se tutto il discorso vale anche per la poesia.
Io mi sento anche un pò in difficoltà a parlarne, non per falsa modestia, ma perché sono ancora alla ricerca di nuove strade per migliorare, se possibile.

Cristina, il discorso sulla poesia, a mio modo di vedere, è differente. In primo luogo, il lavoro di editing diventa pressoché impossibile. Una poesia, secondo me, è qualcosa di troppo personale e troppo immediato per ammettere un intervento esterno. Un semplice tentativo di manomissione rischia di invalidare ogni cosa, di far perdere la musicalità interna, di castrare la spontaneità iniziale, di cambiare addirittura il significato finale.
Le poesie, per me, sono delle istantanee. Metterci mano vuol dire agire di fotoritocco. E ogni foto ritoccata è un raggiro.
In secondo luogo, c'è da chiarire il fatto che, oggigiorno, per un editore, decidere di investire in un libro di poesie è come stringersi un cappio al collo. La poesia non vende. E non ci sono eccezioni che tengano. La poesia resta un lusso che si possono permettere in pochi. Per farla breve, credo fermamente che solo le major possano pensare di pubblicare libri di poesie; quelle major che, per intenderci, ristampano le poesie di Beckett perché hanno il culo parato dagli introiti di Saramago.

Per concludere, siccome siamo pazzi e non credo ad una sola parola di quello che ho detto poc'anzi, a marzo usciamo con un libro di poesie dalla bizzarra intitolazione "La mia Waterloo ventricolare".

Viva il Neo Per-turbante.

Angelo è davvero ciò che racconta di essere.

Non vedo l'ora di leggere il libro di poesia...

Datura

bene! questo mi dà qualche speranza!...
Grazie per la risposta esauriente e sincera.

che cagata!

CIAO NEO, siete grandissimi!

Ho letto tre libri della Neo edizioni. Si intuisce una scelta di fondo comune a tutte le loro pubblicazioni. Libri forti, di impatto e assolutamente mai banali.
Attualmente, tra le piccole, è la mia casa editrice preferita... anche se hanno rifiutato il mio manoscritto.
Li odio ma li stimo.
Continuate così!

Stefano

Io ho comprato un loro titolo al Salone del libro di Torino. L'ho letto dopo quasi un anno perché avevo dato la precedenza a libri dell'Einaudi o della Mondadori. Ho fatto male perché "Tre io" di Mario Rossi è superiore ad almeno tre quarti dei libri che ho letto pubblicati dai grandi editori.
La verità è che noi lettori, molto spesso, siamo i primi a snobbare le piccole case editrici e poi ci lamentiamo asserendo che nella letteratura italiana non c'è voglia di sperimentazione.
I piccoli editori hanno il coraggio di proporre cose nuove, noi dovremmo incoraggiarli leggendo i loro libri.
Comunque sia, molto interessante l'intervista qui sopra.

Ciao Aldo, hai perfettamente ragione. Magari un giorno riusciremo a rendere meno opprimente quella sfumatura di giallo in tutte le nostre librerie.

Ciao a tutti ,
sono orgoglioso di leggere un'intervista al mio carissimo amico Angelo Biasella che conosco sin dall'infazia visto che siamo nati entrambi a Castel di Sangro (AQ) .
Mi fa piacere che Angelo, con sacrifici e professionalità, abbia ottenuto dei risultati
soddisfacenti.
Mi permetto di scrivere una mia opinine visto che sono un musicista( Simonetti /Goblin), e capisco quanto lavoro
e passione ci vuole per portare avanti un lavoro nel campo dell'editoria.
Grande Angelo un abbraccio
Bruno Previtali

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.