In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Gramos: lo ricordate?

Sul+Romanzo+Gramos.jpeg

Di Morgan Palmas


Questo post potrà sembrare ai lettori di Sul Romanzo un classico OT (off-topic), cioè un fuori tema. Infatti lo è, ma lo faccio per una precisa motivazione. Spero che avrete la pazienza di leggermi.

Nell’estate del 2007, quando ancora vivevo a Roma, gestivo da tempo un blog che si chiamava Acme del Pensiero, dedicato al mondo del volontariato, in particolare dei senzatetto. Conobbi a quel tempo la storia di Gramos, un ragazzino kosovaro colpito da una gravissima malattia rara: la tirosinemia.

Così, di comune accordo con la mia associazione di volontariato, e grazie al sostegno di molti blogger, avevamo organizzato una serie di iniziative, non solo on line, per raccogliere denaro con un fine nobile: aiutare economicamente la famiglia di Gramos.

La situazione era disperata, i costi della dieta e dei medicinali esorbitanti, eppure, con convinzione e passione, le idee avevano cercato di affrontare la dura realtà. 
Forse qualcuno ricorderà l’iniziativa Help 2.0, qui il video:


[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=CCSkWr7zJYs]


Ne parlarono in moltissimi, pure alcuni articoli sulla stampa: centinaia di blogger attivati con un obiettivo, uscire dalla rete per entrare con un peso non indifferente nella realtà. Vi fu una colletta meravigliosa, un’esperienza davvero toccante e vi sta scrivendo colui che teneva i contatti con la responsabile italiana che se ne occupava, la signora Miriam, dell’associazione Sos Infanzia nel Mondo.
Era lei a recarsi in Kosovo per creare la situazione logistica ideale per portare Gramos all’ospedale Bambino Gesù di Roma, e non occorre, credo, ricordare qui la situazione del Kosovo. Ne nacque altresì un libro di fiabe, con la preziosissima collaborazione di Sabrina Campolongo, in primo luogo, ideatrice del progetto, e di Renzo Montagnoli, Francesco Giubilei e Remo Bassini.

Ho davanti ai miei occhi quel giorno in cui vidi Gramos per la prima volta all’aeroporto Fiumicino di Roma, prima di essere ricoverato per l’ennesima volta. Sono immagini che ancora oggi mi commuovono a pensarci, ricordo le mille cose da fare, le tante telefonate, la forza del gruppo fu davvero impressionante. Ma non sono importanti i miei ricordi, ora.
Sto scrivendo questo post perché Gramos vive ancora una situazione difficile, legata ai farmaci e alle vicissitudini di argomento economico.
Io non mi sono dimenticato di lui, credo che tanti ricordino benissimo la sua storia.
L’ultima volta che ho sentito Miriam, mi ha detto che la famiglia sarebbe disposta a fare qualsiasi lavoro pur di risiedere in Italia, e così tentare di vedere Gramos crescere, in una continua precarietà purtroppo, ma con più speranze e soprattutto con strutture sanitarie migliori.

Se qualcuno di voi pensa che un piccolo gesto possa significare molto, a volte anche pochi euro fanno la differenza, oppure se pensa di poter aiutare in qualche modo la famiglia di Gramos con un impiego di lavoro, di seguito le informazioni necessarie:

Il sito dell’associazione Sos Infanzia nel Mondo con le possibilità di donazione.
Questo il codice IBAN: IT58X0878739350000000003383, Banca di Credito Cooperativo di Riano.
La pagina dei contatti della signora Miriam, per qualsiasi informazione.

Per quanto possa valere, soprattutto per chi mi conosce da tempo, come nel 2007, ci metto la mia faccia, il mio nome e il mio cognome sulla serietà della signora Miriam e me ne prendo la più totale responsabilità.

È vero che ci sono milioni di bambini che soffrono nel mondo, ma da qualche parte bisogna pur cominciare.
Nessun voto finora

Commenti

Morgan, è molto bello che tu ci parli ancora del piccolo Gramos, che te e ce lo ricordi. E' molto triste che la sua situazione sia ancora così precaria. Io spero davvero che la sua famiglia possa trovare un lavoro e un alloggio in Italia. Su questa possibilità non ho gli strumenti per agire, ma un piccolo aiuto economico lo darò già da domani. E non mancherò di segnalare il tuo post.
Un abbraccio pieno di stima e di affetto.

Milvia

ecco, Morgan, speriamo bene anche stavolta!

Arrivo da Cristina. Una cosa importante utile. E poi hai ragione: da una qualche parte bisogna pur cominciare. Un saluto a tutti:)SgnapiSilvia

Grazie alla segnalazione di Cristina, vengo a conoscenza del problema. Non sapevo: frequento la rete da poco più di un anno e considero questa iniziativa di grande umanità. Tutti i bambini hanno diritto alle cure e quanti più ne avremmo aiutati, tante più fiammelle avremmo acceso nel nostro cuore.
Grazie, tutto questo fa onore.
Farò giungere il mio contributo.

grazie per averci "rinfrescato" la memoria ci attiveremo nuovamente e che ne pensi di creare una pagina anche su faccialibro???? ora è lì che interagiscono in molti

@Milvia: grazie, stima ricambiata, lo sai.
@Cristina: sì, davvero.
@Silvia: altrimenti si resta fermi...
@Annamaria: grazie.
@Zefirina: hai perfettamente ragione, più tardi mi metto all'opera. Grazie.

Ci pensavo proprio qualche tempo fa, a che fine avesse fatto Gramos. Speriamo di riuscire in qualche modo ad aiutarlo ancora.

Simone

Non conoscevo Gramos e la sua storia.
Prendo nota delle informazioni e mi attivo.
Ciao Morgan :-)

Il silenzio su di lui mi aveva un po' preoccupata...sono contenta che tu sia tornato a darci notizie.
Nel mio piccolo cercherò ancora di aiutarti-lo.
Un abbraccio ;-)

Ciao Carissimo Morgan, come ben sai io non mi sono mai scordata di Gramos....
Finalmente riesco a commentare, avevo un problemino non riuscivo ad entrare nei blog..
Ti porto sempre nel mio cuore e poi lo sai vero;)
nel mio blog c'è sempre il link del tuo vecchio blog...
Cosi aggiorno il link e le persone potranno andare a vedere la storia di Gramos.
Ci sono novità al riguardo?
Ti penso e ti porto nel cuore non mi sono dimenticata di te :)
Ti abbraccio con immenso affettoooo!!!!!
Come stai?
Ciao baci infiniti :)
Non mi diventare rosso hihihihihi!!!!

Eccomi di nuovo per dirti che io in Facebook ho parlato varie volte di Gramos..
E ora ho aggiunto il tuo link cosi potranno venire a leggere la storia di Gramos....
Speriamo bene...
Ciao caro Morgan....

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.