Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

ANobii: gruppo letterario globalizzato a dosi massicce di web 2.0

Sul+Romanzo+anobii.png

Di Morgan Palmas

Plenis velis direbbero i latini per il web 2.0, vele spiegate, di più nel caso di aNobii, il social network dedicato ai libri più celebre al mondo. 
Creato nel 2005 a Hong Kong, può vantare cifre da capogiro: tradotto nelle sue funzioni in circa quindici lingue, raccoglie titoli per quasi diciassette milioni di libri. C’è chi ne parla come se fosse una droga, chi invece lo tratta né più né meno come altri social network, l’importante è esserci, fa tanto geek o nerd, a seconda dei gusti.

Il sottoscritto, dopo avere esitato per lungo tempo, ieri è saltato dentro a piedi pari e si è messo subito all’opera per capirne i funzionamenti, si accede (username e password) e ci si ritrova in un mondo virtuale che soltanto in apparenza sembra un piccolo cortile, poi, si inizia a comprendere che le piazze di discussioni sono numerosissime. Certo che l’idea di possedere una propria libreria virtuale facendo interagire i propri titoli con le librerie e le opinioni degli altri utenti è davvero geniale.

ANobii deriva da Anobium Punctatum, il tarlo del legno, ma che in un’accezione di lingua inglese sta a significare chi trascorre parecchio tempo sui libri. E fra lettori forti ci si intende verrebbe da dire, giacché aNobii permette pure di scoprire il grado di compatibilità rispetto alle librerie di altri iscritti, grazie a una percentuale. Non è tutto qui e non intendo togliervi la sorpresa di scoprire tutte le funzionalità web 2.0.
Centinaia di migliaia di persone che si osservano grazie alle loro librerie virtuali e, fatto curioso, gli italiani sono fra i più dipendenti e numerosi di questo social network. 

Vivete dispersi in un piccolo paese e la prima biblioteca a 20 km di distanza 
dove poter parlare con qualche appassionato di lettura? 

Bene, scordatevi il Medioevo, entrate in aNobii, avete il mondo intero con cui parlare di libri, c’è solo l’imbarazzo della scelta.

Qualche accademico ha iniziato a parlare di “long tails”, fenomeni che si possono ricondurre alla coda lunga; gli opinion leader sono e saranno sempre più i lettori/consumatori, smagando non certo di soppiatto un ruolo che prima apparteneva in toto agli intellettuali o ai librai, o forse si stanno semplicemente modificando i rapporti di forza. È chiaro tuttavia che un impetuoso passaparola è in atto nel mondo editoriale, con flutti e virate prima impossibili nei limitati scambi fra le persone fuori dalla rete.

Di recente la Rizzoli ha ben pensato di raccogliere 600 recensioni e di farne un libro: “Il tarlo della lettura”. E non sarà di certo l’ultimo della medesima salsa, dato l’enorme successo che sta vivendo aNobii. Non è un caso che quest’ultimo abbia siglato un accordo con IBS, per chi non lo conoscesse stiamo parlando di un sito che viaggia sul 30% della vendita di libri on line. Il patto è stato chiaro: tu mi fornisci il tuo catalogo di titoli e poi io li rimando da te così la gente se li compra.

Idea intelligente 
più funzione pratica 
uguale business. 

Ai posteri non serve la sentenza, i fatturati già esultano.
La critica letteraria che cosa pensa di questo fenomeno dal basso? Inutile sostenere che sentirsi travolti dal passaparola di massa è come essere seduti con uno tsunami a dieci metri di distanza, l’impatto è poco piacevole. A meno che, questo sarà tutto da vedere, non vi sia qualche critico letterario che conosca e fruisca dei nuovi mezzi che permette la rete, allora essere un esperto diventa un quid inestimabile, l’autorevolezza la si conquista giorno per giorno, i titoli e i dott. contano poco o nulla.

E voi che mi state leggendo, non siete ancora entrati su aNobii? Forza!
 
Nessun voto finora

Commenti

;)
stamattina, prima di leggere qui, mi sono accorta subito della tua iscrizione.
devo dire che io non frequento i gruppi perchè bisogna fare delle scelte se si vuole scrivere e qualcosa si deve eliminare, ma immagino che sia una esperienza interessante.
anobii mi serve per ricordarmi tutto ciò che leggo (sempre se mi ricordo di inserire i titoli) :)

hei lo sai che sono anche lì, sempre zefirina, un gruppo di noi ha creato una sorta di concorrente http://www.yabooks.eu/, io ora lo sto trascurando, devo dire che anobii è comodo sia per la lista dei desideri, così gli amici non rischiano di regalarmi un libro che ho già, sia per catalogare la mia sterminata libreria

@Morena: ;) bisogna difendersi dal 2.0, non c'è dubbio.

@Zefirina: allora serve?! :)

Anche io mi tengo lontano dai gruppi.
È utile per tenere traccia dei libri che vuoi e di quelli che hai, e magari cogliere pure qualche suggerimento qui e là.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.