In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

100 ottimi motivi per piantarla di scrivere - Lezione 17

Sul+Romanzo+sulle+spalle+dei+giganti.jpg

Di Morgan Palmas

Vi sono persone – ne conoscete, sono certo – che si ostinano a vantare nella scrittura doti di destrutturazione, di sovvertimento delle regole, di sublimazione del proprio talento originalissimo, di “che ti frega di questo o quest’altro”, un approccio distruttivo della forma, una necessità di differenziarsi distruggendo.

I gusti sono personali, vero.

Ciononostante è curioso come un tempo ci si beava, a ragione, di avere messo prima il proprio corpo sulle spalle dei giganti e poi, soltanto poi, di avere destrutturato.
Tanta contemporaneità invece esalta o almeno accetta l’idea che la precocità nella scrittura, in termini di indipendenza e stile, non di età, sia normale, ora leggete nuovamente l’ultimo termine: normale.
È normale che scrivere sia diventato sempre più simile al parlato? È normale ritenere che scrivere sia più importante di leggere? È normale reputare la forma un ostacolo prima di averla conosciuta?
Pensate ad altri “normale”…

Osservate la gran parte della poesia contemporanea, nella quale l’unica preoccupazione sembra essere andare al verso successivo. Pensieri uno dietro l’altro, più che poesia. La metrica è scomparsa.
Leggete molti racconti d’oggi, anche on line, virgole assurde, punti esclamativi e di domanda ovunque, doppi, tripli, punti di sospensione che potrebbero essere indigesti anche a Céline, periodi che non stanno in piedi, subordinazione sempre più rara, ecc.

Siamo sicuri che distruggere la forma sia un modo di vivere il presente oppure è semplicemente ignoranza, cioè non conoscenza di tanta letteratura?

Ecco un altro ottimo motivo, piantatela di scrivere, imparate bene le “regole” dei giganti del passato: per distruggerle bisognerebbe prima conoscerle. 

Nessun voto finora

Commenti

Mi trovi perfettamente d'accordo. D'altra parte, ne parlavamo giusto qualche giorno fa, sembra che la lirica si sia ridotta a semplice "prosa per immagini", non c'è metrica, non c'è studio, non c'è niente di niente, soltanto parole che evocano immagini o immagini che evocano sentimenti, insomma un vorticoso "parolame" intriso di seducente banalità.
Per non parlare della mancanza di studio tra gli autori di prosa alle prime armi che si sentono i nuovi Asimov o Calvino o Proust (tre nomi a caso), senza avere mai preso in mano un libro di questi autori, figuriamoci leggerlo!

Oh, che gioia leggerti! Lo sperimentalismo nasconde sempre più spesso una mancanza di idee, scrittori che si nascondono dietro alla forma per celare la debolezza di sostanza. Forse sembriamo degli acidi 'intellettuali' brontoloni ma quando mi tolgono tutte quelle virgole, quando le parole prendono un ritmo così veloce solo per confondere e impedire che ci si soffermi troppo sulle mancanze, ecco io mi intristisco proprio. E le descrizioni? Finite. Perché? Noiose. Show don't tell, l'imperativo. Dialoghi azione, azione dialoghi. E poi, una volta chiusi, chi se li ricorda più quei libri che parlano come tua sorella e raccontano spesso storie maldestre, sciancate, disilluse e, a detta dei più, 'contemporanee'?
Bravo Morgan
Sara

Concordo.
E piantiamola di scrivere! :)

@Marcello: non è tutto relativo, no, ci sono percorsi di studio (accademico o non) che impongono una certa visione che non tollererà mai alcune tendenze della contemporaneità. Sarebbe come negare se stessi.

@Sara: ragionare così porta a divenire non tanto misantropi, quanto misofobi :)

@Morena: da mò che lo sto a dì °_°

Oh no! Si diventa solo selettivi e felici!
Sara

Mi trovi d'accordo ma non del tutto, stavolta. Penso che si debba leggere, leggere e leggere, però non possiamo costringerci nell'atto della lettura, rimandando quello della scrittura ad un tempo indeterminato. Chi ha la passione per la scrittura vuole scrivere, punto. L'errore secondo me non è scrivere senza prima aver letto milioni di libri, ma è dire di essere scrittori. Scrivere fa bene, è un ottimo esercizio e più si va avanti nel tempo, più si migliora. Ci vuole tempo, certo, come per tutte le cose difficili, ma non credo che ci si debba astenere dalla scrittura per leggere all'infinito. Si scrive, si legge, si migliora pian piano, io la vedo così.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.