In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Come leggere un libro

Visibilità: sinossi, nota critica, impaginazione ed elementi grafici

Sul+Romanzo+Blog+pensare.jpg

di Marcello Marinisi


Sinossi, nota critica, impaginazione e grafica, sono quattro elementi molto diversi tra loro. I primi due attengono al piano strettamente redazionale, mentre i secondi due sono pertinenti all’area comunicativa.
Cominciamo dalla sinossi e dalla nota critica. Di che si tratta?

La sinossi è una sorta di riassunto del vostro romanzo (lo so che molti di voi lo sapranno già, ma è sempre meglio essere chiari per tutti), non una semplice riduzione, quanto piuttosto un testo che, in poche righe, riesca ad attirare l’attenzione del potenziale lettore al punto da invitarlo a sfogliare le prime pagine o, meglio ancora, ad acquistare l’opera. La sinossi deve dire molto, ma non dire tutto. Deve rispondere ai dubbi del lettore (chi è il protagonista? dove si svolge la storia? in che epoca? con che genere di romanzo ho a che fare? ecc.), ma non deve svelare troppo, altrimenti il lettore rinuncerebbe alla lettura e abbandonerebbe il libro sullo scaffale della libreria.

La nota critica è un testo, a corredo di un romanzo, che ha la funzione di analizzare – brevemente – il lavoro e di dare un giudizio. Mi spiego meglio. Una nota critica si configura un po’ come una prefazione, un’introduzione che invita alla lettura sulla base di elementi letterari del romanzo presentato. Si tratta, in altri termini, di una breve recensione dell’opera che dovrebbe essere scritta dall’editore o da un personaggio noto nell’ambito specifico in cui si colloca l’opera. Quindi, mentre la sinossi punta a presentare l’opera per quello che è facendone un riassunto accattivante, la nota critica si configura come un vero e proprio invito alla lettura firmato da qualcuno il cui giudizio può essere rilevante.

A questo punto, il nostro lettore ha girato e rigirato la magnifica copertina, ha letto la sinossi e la nota critica, ha iniziato a pregustare il piacere della lettura. Manca soltanto un ultimo passo: aprire il libro.
Questo ci porta dritti al nostro secondo punto: l’impaginazione e gli elementi grafici.

Sull’impaginazione si potrebbero scrivere interi trattati, anzi ci sono state personalità molto più autorevoli di me che li hanno proprio scritti (penso, per citarne uno, ad Aldo Manunzio). Non starò qui a discorrere di proporzione aurea e cose del genere. Piuttosto, dovremmo parlare di equilibrio. La pagina di un romanzo deve essere armoniosa, deve riuscire a mettere il lettore nell’ottica giusta (che è quella del tempo della lettura), deve essere leggibile.

Cosa intendo dire?

Mi riferisco all’equilibrio nella collocazione degli elementi nella pagina. La giusta proporzione tra i margini (superiore e inferiore vs. destro e sinistro), l’esatto calcolo dell’ampiezza del margine di rilegatura (ormai se ne trovano pochi, ma io ricordo ancora libri rilegati a filo con il testo). La quantità di “bianco” e di “nero” presente in ogni pagina, gli “accapo”, i rientri, la numerazione dei capitoli e delle pagine, la qualità della carta, insomma, tutto quanto deve essere progettato non sulla base di una semplice scelta estetica, quanto semmai tenendo in considerazione le esigenze del lettore (pensate, ad esempio, alle differenze di impaginazione tra i libri per bambini e quelli per adulti). Uno dei migliori esempi di impaginazione e utilizzo delle proporzioni è rappresentato dai libri di Geronimo Stilton, i quali puntano proprio ad incontrare i gusti dei loro piccoli lettori, coinvolgendoli.
Elementi grafici e impaginazione vanno a braccetto e sono inscindibili. Per la collocazione di illustrazioni, fotografie, mappe e quant’altro all’interno del testo bisogna seguire la stessa semplice regola che ho appena esposto: equilibrio. Se la vostra impaginazione risulterà equilibrata e coerente, proporzionata, avrete mosso un altro passo verso la costruzione di un buon libro.
Nessun voto finora

Commenti

E la sinossi da inviare agli editori? Come deve essere secondo te, Marcello?
O è la stessa che possiamo rivolgere al lettore?
Io le vedo diverse. E le ho trattate diversamente.

Saranno analizzati tutti e quattro questi elementi, uno per uno? Sarebbe molto interessante...

@morena: sono due cose molto diverse. Quella che viene spedita all'editore è, per necessità, molto più articolata e dice molto di più di quanto non faccia quella preparata per un libro edito.

@Marco: ci ho pensato, anche se l'argomento del prossimo intervento è differente. Quello che mi frena è che un supplemento di riflessione su questi argomenti potrebbe risultare a tratti noioso, vista la necessità, in determinati casi, di scivolare nel tecnico. Ci penserò su, promesso.

bene. come pensavo. grazie Marcello

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.