Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Ufficio stampa e PR: consigli per una buona comunicazione

Sul+Romanzo+fare+rete.jpg

di Marcello Marinisi

Un piccolo passo per l’uomo, un grande passo per l’umanità. Il nostro geniale romanzo è stato pubblicato, siamo contenti e soddisfatti e adesso non manca altro se non attendere che il nostro nome venga incluso nel gotha dei più grandi scrittori di tutti i tempi.

Niente di più sbagliato.

Il fatto che il nostro libro sia sugli scaffali, abbia una buona impaginazione, una bella copertina e soprattutto un contenuto memorabile non ci dà la certezza che diventerà un successo mondiale. Certo, quella certezza non ce la garantisce nulla, tutto dipende da come il mercato (i lettori) reagiranno alle nostre parole, ma questo processo può essere aiutato attraverso la comunicazione.

Che cosa significa fare comunicazione editoriale?

Al di là della pubblicità classica (affissioni, locandine, pagine di giornali, spot radiofonici e televisivi), un aspetto molto particolare della promozione di un libro risiede in due attività: le relazioni pubbliche e l’ufficio stampa.
Proprio per via del massiccio utilizzo di queste due modalità di promozione, nel campo dell’editoria (come in molti altri settori) si parla, appunto, non tanto di pubblicità – che della comunicazione è soltanto un tassello – quanto, piuttosto di Comunicazione.
Vediamo di che cosa si tratta.

Partiamo dall’ufficio stampa. Di norma un ufficio stampa si occupa dei rapporti con le redazioni giornalistiche. Viene da sé che, quando vediamo apparire una recensione su un quotidiano di peso, quello, con molta probabilità, è stato contattato dall’ufficio stampa della casa editrice che pubblica il libro. Con questo non voglio dire che le recensioni siano pilotate, attenzione. Quello che voglio sottolineare è che la mole di romanzi, racconti, poesie che giungono sulle scrivanie dei giornalisti è sempre considerevole, pertanto è necessario che l’ufficio stampa segua con attenzione l’iter che porterà alla redazione della recensione, in modo tale da assicurarsi che il romanzo non vada perduto in mezzo agli altri.
In quest’epoca di innovazioni tecnologiche, il proliferare nella rete di blog che si occupano di libri porta con sé la necessità di tenere in altissima considerazione anche questo nuovo mezzo. I blog hanno una potenza notevole, sono opinon leader forti e dotati di autorità e altissima credibilità, in grado di orientare molte scelte d’acquisto, come dimostrato ampiamente da recenti ricerche. Ecco che, allora, sarà importante che un buon lavoro di ufficio stampa non trascuri questo strumento molto interessante.

Ma non è tutto. Un ufficio stampa si occupa di gestire le apparizioni in tv e le interviste radiofoniche di un autore in modo da garantirgli visibilità. La maggior parte delle volte che vedete un autore in una trasmissione, significa che il suo ufficio stampa è stato in grado di guadagnarsi quel tempo e quello spazio.
Ci sono molti compiti che un ufficio stampa assolve, tuttavia, questi che ho illustrato sono i due aspetti che incidono fortemente sulle vendite. In fondo, è necessario che di un libro se ne parli, se non ne parla nessuno vuol dire che il libro non esiste e se non esiste non incontrerà mai i lettori. Ecco perché sono molto importanti le presentazioni (ne ha parlato molto accuratamente Manuela Vio in questi due articoli), anche quelle, in molti casi, organizzate dagli uffici stampa.

Ed ecco che veniamo al secondo aspetto che ci interessa analizzare: le pubbliche relazioni.
Comunemente conosciute come PR (public relations), sono uno dei fattori di successo delle vendite di un libro. Non basta che i libri siano conosciuti, è necessario che anche l’autore goda di una buona visibilità. Se l’autore è noto, ci saranno buone possibilità che i suoi libri ottengano un buon numero di vendite.

Le pubbliche relazioni sono un’arma potente e molto pericolosa. È fondamentale che l’autore si dia ai propri lettori in modo da generare un legame profondo, quella che in ambito scientifico viene chiamata intimità non reciproca a distanza. Vale a dire quel rapporto che unisce uno scrittore (in questo caso) ai propri fan. In ambito letterario, lo stesso rapporto dovrebbe generarsi con i personaggi di un romanzo che diventano essi stessi parte integrante di quel rapporto che lega il lettore e lo scrittore.

Allora ben vengano gli incontri con l’autore, le presentazioni, gli aperitivi, la partecipazione alle fiere o a eventi di particolare interesse e, perché no, i concorsi letterari. Questi ultimi sono un’occasione ghiotta per intessere rapporti con altri scrittori provenienti da molte parti d’Italia o del mondo, contaminati da culture differenti e ognuno portatore di una ricchezza sua propria. Inoltre, i concorsi (quelli seri) sono frequentati da giornalisti, redattori, blogger, editor, insomma tutta una pletora di addetti ai lavori che si trova lì con lo stato d’animo pronto a fare nuove conoscenze. Creare contatti, intessere relazioni (pubbliche), suscitare interesse, incuriosire. Ecco quello a cui dobbiamo puntare per dare alla nostra opera la visibilità che si merita.
Il resto dipende tutto dai lettori.
Il tuo voto: Nessuno Media: 5 (1 vote)

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.