Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Lingua italiana: capo + nome – Consiglio 2

Sul+Romanzo+Blog+studenti.jpg

Di Morgan Palmas

Eccoci alla seconda puntata di Beautiful grammar :)
Quante volte utilizziamo un composto costituito da capo più nome? Un esempio è capodanno, da poco passato.
Ma si dice al plurale capodanni, capidanni o capidanno? Capodanni, certo, ma nel caso di parole meno frequenti come ci si comporta? C’è sempre la regola, basta conoscerla.
Si dice capoluoghi o capogiri, invece capifamiglia e capiclasse.

Dov’è la differenza?

Nei casi di capifamiglia, capiclasse e simili c’è alla base l’elemento capo che significa “colui che è a capo di…”, diventando una persona, ecco la ragione del plurale di capo. Negli altri casi capo non corrisponde a “colui che è a capo di…” (capoversi, capolavori, ecc).

Tutto chiaro? Certo. La lingua italiana tuttavia ci stupisce sempre creando eccezioni.
In alcuni composti si accettano forme miste: il plurale di capotreno è capitreno ma anche capitreni; il plurale di caporedattore è capiredattore e pure capiredattori; il plurale di capocuoco è capicuoco e si accetta altresì la forma capicuochi.

Nei casi di composti femminili, quando capo si riferisce a una donna, rimangono invariati se significano “colei che è a capo di…”:

La caposala – le caposala
La capoufficio – le capoufficio
La capoclasse – le capoclasse

Se invece capo è semplice attributo, sarà il secondo elemento a rendere il plurale:

La capocronista – le capocroniste
La capocuoca – le capocuoche

Non so voi, io avrei avuto difficoltà a immaginare giusti capicuochi o capiredattore.
Nessun voto finora
Tag:

Commenti

Io detesto le eccezioni. Non servono a niente, se non a confondere chi deve imparare. Se c'è una regola, andrebbe rispettata punto e basta, non che poi escono eccezioni messe lì a caso, prive di ogni senso logico. E' la cosa che più odio della grammatica italiana.

Anch'io detesto le eccezioni. Comunque, quando non sono certa di una cosa, cerco di avere risposte certe. Se non le trovo, cambio la frase :)
E poi, diciamolo pure: certe parole sono orribili. Se le conosci, le eviti ;)

ciao...
mi piace questo weblog molto...
grazie molto per quello che scrivi qui.
Non posso parlare bene italiano ...
Sarò molto felice se si visita il mio weblog

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.