Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Perché è importante leggere

Lèggere le cortecce

Sul+Romanzo+Blog+cortecce.jpg

Di Giovanni Pannacci

Invece che di scritture, questa volta vorrei parlare del leggere. Perché all’origine dello scrivere c’è la lettura. Un giorno abbiamo letto un libro: perché proprio quel libro e non un altro, nessuno lo sa. Qualcuno ce lo ha prestato, lo abbiamo trovato, ci ha trovato. Comunque sia andata, quel primo libro ci ha raccontato qualcosa che non avevamo idea si potesse raccontare proprio in quel modo, in un modo che ci ha fatto scoprire voci, luoghi, emozioni che non immaginavamo fossero rinchiuse dentro di noi. In ogni caso ci è piaciuto molto, quindi abbiamo continuato.

Il primo libro per me è stato Pinocchio, quando ancora non sapevo leggere. Durò molte sere. Il grande libro dalla copertina rigida poggiato sul petto di mio padre, la mia testa sulla sua spalla, nel febbrile tentativo di capire quale segno, quale riga fosse il Gatto e la Volpe, il cane Melampo, l’albero degli zecchini d’oro, i riflessi azzurrini della fata. Ecco perché è come se lo avessi letto, quel libro, benché non sapessi leggere. Pochi mesi dopo divenni autonomo nella lettura. Mi piaceva così tanto leggere che, in un certo qual modo, leggere non mi bastava più, dovevo trovare la maniera di amplificare quel piacere. Così prendevo una sedia grande e la mia sedia piccola. La sedia grande era la scrivania dove posavo uno dei miei libri e un foglio bianco, poi mi sedevo sulla sedia piccola e, diligentemente, ricopiavo le pagine del mio libro preferito del momento. La scrittura nasceva per prolungare il piacere della lettura.

Prima si impara a leggere, molto dopo, e con più dolore, a scrivere. La lettura è un dono, è quasi gratis, imparare a scrivere costa molta più fatica. Oggi scrivo le storie che mi piacerebbe leggere, è molto semplice. Scrivo storie che nascono da tutti i libri che ho letto e che leggo, molto più che dalla vita ordinaria che conduco. Ecco perché leggere è l’atto primario, indispensabile.

Ogni mese arriva a casa mia un pacco di libri, da leggere e recensire. (Talvolta succede che le passioni dell’infanzia si trasformino in un lavoro e quando accade è molto bello).
Non so quasi mai quali libri contenga il pacco, così ogni volta è un po’ come fosse Natale.
E come sempre accade coi regali, a volte sono felice, a volte deluso, a volte proprio arrabbiato.
Ad ogni libro, tutti i giorni, dedico comunque qualche ora del mio tempo, alcuni non vorrei mai finirli, con altri scivolo veloce sulle pagine come un pattinatore sul ghiaccio. Ma sempre, mentre leggo, mi sdoppio, a volte anche mi triplico. Al di sotto del semplice atto del leggere, si mettono in movimento imprevedibili ingranaggi che azionano molteplici e differenti congetture sul testo in questione. Insomma, mentre leggo, contemporaneamente elaboro le analisi, le considerazioni e la recensione stessa del libro.

Ovvio dunque che la lettura, all’apparenza atto statico e passivo come pochi, è – al contrario – quanto di più attivo e stimolante ci possa essere. Ogni libro è un portale che ci mette in comunicazione con altri mondi. Perché questo accada è un mistero, o almeno lo è stato finché non ho letto “Terre del mito” di Giuseppe Conte, edito da Longanesi, uno dei libri più belli del 2009.
A pagina 28 l’autore ci svela un segreto interessante sui libri (e sulla lettura), che mi pare la chiusa ideale a queste noterelle sul piacere di leggere. Eccolo:

Liber è in origine la pellicola tra il legno e la scorza degli alberi: si scriveva su di essa, prima della scoperta del papiro: dunque nella parola libro c’è il ricordo lontanissimo, confuso, della pioggia e del fuoco, delle radici e del cielo, dei venti e dei nidi degli uccelli, della luna e del sole, del buio e della luce...”.
Nessun voto finora

Commenti

La frase conclusiva è molto intensa.
Io non riesco a ricordare quale sia stato il mio primo, vero libro. All'inizio era soltanto "Topolino", poi è diventato "Dilan Dog", insomma, fumetti. Ma tra questi c'è stato qualcosa, ne sono certo. Credo che si trattasse delle "Mille e una notte", o forse "Dalla Terra alla Luna". Ciò che conta, però, è che, da allora, non ho mai smesso.

Bellissima frase. Ci leggo tante cose in cui credo. Grazie.

Io non me lo ricordo affatto quale sia stato il mio primo libro letto, forse Pinocchio, forse Il giornalino di Gian Burrasca, però mi ricordo con estrema precisione l'odore di quei libri pieni di fiabe che mio zio mi leggeva quando ero molto piccolo. E' proprio un odore che non potrei mai dimenticare...

E' o non è allora il libro (fumetti compresi) uno straordinario portale per l'altrove?
Giovanni

Non ricordo purtroppo.
Leggevo a quattro anni perché i miei giovanissimi zii, mi mostravano i titoli dei giornali e mi facevano ripetere le parole.
Una sorta di insegnamento per immagini... infatti non ho mai sillabato, e in prima elementare ero la beniamina della maestra perché leggevo speditamente, tutto.
la sete di conoscere ha poi fatto il resto. Ho letto di tutto, senza un ordine logico, solo seguendo il mio interesse del momento.
Non so vivere senza leggere.

Bellissimo articolo. Credo che leggerò il libro di Conte.

Marylibri

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.