Corso online di Scrittura Creativa

Corso online di Editing

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Corso SEC - Scrittura Editoria Coaching

Quale libro regalare per il Natale?

Sul+Romanzo+Blog+buon+natale.jpg
Di Roberto Orsetti

"Quest'anno niente regali, ok?"
"Quest'anno solo regali utili... Siamo d'accordo."

Poi ti si presentano con una confezione di tazze da tè e tu odi sia il tè che la camomilla, un maglione attillato e tu porti la taglia 54, un dopobarba di marca che ha solo un difetto: tu hai la barba quasi sempre lunga e i baffi da trentacinque anni.
Accetto i regali sempre contento, il discorso non ha nulla di personale e ci tengo a dirlo.

Molti approfitteranno del Natale per regalare libri. Magari, aggiungo io.
Magari approfittando dei numerosi sconti che circolano nel settore in questo periodo.
Come scegliete i libri da regalare?
A parte quelli a cui piace vincere facile, e che hanno fatto domande precise su cosa vorrebbe ricevere il fortunato destinatario di tante attenzioni, voi come vi muovete?
Da una inchiesta che ho trovato sul web la maggior parte di noi è influenzabile dalle pubblicità e alle classifiche di vendita.
Che fortuna, non riceverete il libro del 2009 di Forattini, e può essere una buona notizia.
Ma forse quest'anno potrete ricevere l'ennesimo libro di Bruno Vespa.
E non prendetevela...
Perché se qualcuno vi regala un libro di questo tipo la colpa è solo vostra. Sì, solo vostra.
Non vi siete spiegati, non siete riusciti a farvi capire, non avete lasciato nessun segno nella vita della persona che vi porge il regalo.
In due anni ho ricevuto tre copie di un libro di Camilleri, lo stesso titolo. Non ho mai parlato con qualcuno di Camilleri, che non mi entusiasma. Non sto discutendo della sua arte, sia ben chiaro, ma i gusti sono gusti.
Se vieni a casa mia e perdi una decina di minuti a leggere i titoli della mia libreria, almeno quelli della prima fila davanti a te, non puoi regalarmi Camilleri. Se leggi quello che scrivo qua e là su internet non puoi regalarmi Camilleri.
Regalami un manuale sulla pesca, dicendomi che mi vorresti pescatore...
Allora fai un piccolo sforzo, chiedi al tuo neurone che funziona a intermittenza come le luci dell'albero di Natale di fare un piccolo sforzo.
Ecco quello vorrei che si facesse. Con testa e sentimento: un piccolo sforzo.
Troppe volte ho sentito dire: "Ma che importa... tanto a me non regalano mai niente, o mi regalano cose che non mi piacciono."
Siamo d'accordo, allora. Tu ti tieni i tuoi e io mi tengo i miei.
Ho regalato libri anche io, tanti libri.
Comincio tre mesi prima a pensare, a cercare di capire, a farmi una idea. Mi informo, se necessario.
Non si entra in una libreria "per vedere se c'è qualcosa che mi piace". "Per vedere se c'è qualcosa che mi piace" vai in un grande magazzino, in un negozio di abbigliamento... Non in una libreria!
Ma se mi compri un Camilleri accanto al banco della gastronomia al supermercato non ho parole. O meglio, le avrei, ma son tutte brutte.
Divido la scelta per il regalo di un libro in due ragionamenti.
Da una parte qualcosa che verrà sicuramente apprezzato, che rispecchia il genere o i generi preferiti dal ricevente. In pratica se chi riceve è appassionato di fantasy cerco qualcosa che sia attinente. Dall'altra parte faccio un ragionamento sul futuro del ricevente. In pratica decido invece di stimolarlo a leggere qualcosa che potrebbe in prospettiva piacergli. Rischio, certo, ma ne faccio un rischio calcolato.
Non regalo un libro di poesie se so per certo che la parola poesia gli provoca orticaria istantanea, o non regalo un libro sul golf a chi ha sempre sostenuto che gli piacciono i maglioni a collo alto.
Ma è la sfida più eccitante, questa. Dare il regalo, aspettare che lo scarti, girare il libro per leggerne titolo e autore. Sentir dire "Non lo conosco", "Ho letto da qualche parte qualcosa, ma...", e aspettare.
Aspettare una settimana, un mese, tre mesi. Poi sentirsi dire una sera durante una cena: "Sai, quel libro che mi hai regalato a Natale, l'ho letto. Mi è piaciuto. Ho cercato qualcosa d'altro dello stesso autore. Tu cosa hai letto?" Oppure più semplicemente: "Non è il mio genere, ma valeva la pena di esser letto."
Una soddisfazione, anche se non è piaciuto. Perché c'è uno sforzo, c'è nel regalo un regalo dentro. La voglia di pensare a quella persona, la voglia di trasmettere qualcosa che non è l'oggetto in quanto tale. Troppe volte invece se volessimo legger il regalo allo stesso modo per come lo intendo io in questo scritto, sapremmo che la persona che lo sta facendo è disinteressata, stanca, superficiale nei nostri confronti. Che non le importa nulla della nostra felicità, del nostro godimento di fronte a un gesto semplice come quello del sentirsi donare qualcosa.
E allora quest’anno regalami un manuale sulla pesca, dicendomi che mi vorresti pescatore...
Poi basta.

Sostieni Sul Romanzo!
Nessun voto finora
Tag:

Commenti

La cosa peggiore è quando intendi regalare dei libri a dei ragazzi, sperando di invogliarli a diventare lettori, e i genitori ti dicono candidamente (già settimane prima di Natale) "Non regalare libri ché, tanto, tempo per leggere non ne hanno. Ci sono già quelli di scuola da leggere".
Mi sento sempre male, quando ricevo queste risposte....

Sulla pesca non ho trovato nulla. Va bene se ti regalo un manuale sulla mela? :)
Scelto con il cuore, però. Sono certa che ti aprirà un mondo.

Il libro è un regalo altamente personale e molto difficile. A volte è l'ultima spiaggia, e viene scelto col criterio dei regalini da profumeria: l'ultima novità, meglio se colorata e cellophanata.
Ma i lettori duri e puri, i lettori severi e feroci, i lettori tossici e passionali non perdonano un libro malscelto o malcapitato.
Un libro malscelto è un insulto.

Se trovo la persona adatta e solo in questo caso, regalo un libro che si legge tutto di un fiato. Parabola lancinante e da crepacuore, come solo una storia d'amore può essere. "A te che non mi hai mai conosciuta" inizia così il penetrante "Lettera di una sconosciuta" dell'austriaco Stefan Zweig edito da Adelphi. Parole tumultuose, crude ma mai crudeli, mal...
L'amore silenzioso per uno scrittore.
Sono d'accordo con manginobrioches nell'analisi del lettore.
Nanà@

Ahahaha, ma che ti ha fatto Camilleri? Ti ricorda qualcuno che ti ha picchiato da piccolo? :)

Sono anni che a Natale ricevo in regalo, da un cugino appassionato collezionista, un libro; quasi sempre si tratta di testi che non mi coinvolgono piu' di tanto. Quest'anno vorrei giocare d'anticipo e regalare a lui un libro con dei consigli su come regalare libri. Ho cercato in rete ma non ho trovato niente su questo argomento. Possibile che non ne esistano? Avete qualche titolo da consigliarmi sull'argomento

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.