Come leggere un libro

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Lo scrittore schizofrenico

Sul+Romanzo+Blog+scrittori+di+libri.jpg

Di Giovanni Pannacci

Leggendo i vari articoli o le interviste agli scrittori pubblicati in questo blog, vi sarete resi conto che non esiste una metodologia di lavoro unica nell’affrontare la scrittura di un romanzo.
C’è chi si costruisce una sorta di scaletta, chi una grata dettagliata, chi realizza delle schede accurate per ogni personaggio, e chi, invece, chiede alla pagina bianca e alla stessa scrittura di lasciarsi condurre e sorprendere, affidandosi soltanto a una iniziale suggestione, a una labile idea di partenza.
Questi metodi di lavoro sono ovviamente tutti validi, adottarne uno piuttosto che un altro dipende dal singolo scrittore. Saranno il tempo e l’esperienza ad affinare tecniche e metodologie, elementi, questi, che viaggiano insieme all’ispirazione molto più a stretto contatto di quanto non si pensi.

Quello che conta, a mio avviso, è avere un’idea di partenza forte. Non necessariamente un fatto, un evento. A volte può essere anche un’immagine a mettere in movimento una storia, a farci partire per un viaggio che, pagina dopo pagina, ci farà incontrare personaggi e intrecciare vicende.
Tuttavia, che ci si metta a scrivere soltanto dopo aver definito nei dettagli ogni singolo capitolo, o che si contempli la pagina bianca con in testa solo fugaci suggestioni, bisogna sempre pensare che la materia romanzesca è viva, pulsante e dinamica.

Il romanzo, nella sua fase di scrittura, è una creatura famelica, bulimica, che ha continuamente bisogno di elementi nuovi per formarsi e per crescere. Quando inizierete, come bravi carpentieri, a costruire la macchina narrativa che conterrà la vostra storia, scoprirete che non si è scrittori solo nel momento in cui, praticamente e fisicamente, si è impegnati nell’atto dello scrivere.
Se una storia sta crescendo dentro di voi, una parte del vostro cervello sarà costantemente impegnata a nutrirla. Potrebbe capitarvi, ad esempio, di essere impegnati in una conversazione di lavoro e iniziare a guardare il vostro collega con occhi nuovi. Magari potreste scoprire che un suo tic o una sua caratteristica fisica o un suo modo di dire starebbero benissimo a uno dei vostri personaggi. Oppure vi potreste trovare a origliare delle conversazioni nella sala d’aspetto del medico o in treno, e riportarle pare pare nelle vostre pagine.
Potreste far vedere ai vostri personaggi film, mostre e concerti che avete visto, potreste fargli prendere aerei che voi avete preso e farli girare per città che voi avete visitato.
Vi succederà, insomma, di vivere una stimolante e curiosa forma di lieve schizofrenia.

Non sarete mai più soli. Potrebbe addirittura capitarvi di sognarli, i vostri personaggi. Come fossero dei parenti, dei vecchi amori, delle faccende in sospeso.
E, fatalmente, finirete per innamorarvi di loro. Vi sorprenderete a guardare le cose con occhi nuovi, gli occhi dei vostri personaggi. Guarderete la vostra stessa vita con inaspettata curiosità, perché scoprirete quanti stimoli può offrire una singola esistenza e quanto importanti, se considerati da un punto di vista narrativo, possano risultare dei dettagli che abbiamo sempre ritenuto insignificanti.
Ecco perché, al di là dell’esito editoriale, al di là del successo, scrivere un romanzo può risultare un’esperienza interessante. Ma bisogna essere bravi a fare in modo di non creare cloni di noi stessi, bensì creature letterarie originali e indipendenti. Imparare, insomma, a trarre il massimo risultato da quella leggera condizione di schizofrenia che affligge ogni scrittore.


Sostieni Sul Romanzo!

Nessun voto finora

Commenti

da schizofrenica qual sono, non posso che condividere ogni parola :)

grazie di esistere! Ho scritto IL VIAGGIATORE ABBACINANTE (è prevista una trilogia, leggerò ogni tua parola e apprenderò come il più temibile buco nero! By Silver

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.