Come leggere un libro

Perché è importante leggere

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

La paura di un terremoto - cronaca di vita reale

Sul+Romanzo+Blog+futuro.jpg

Di Roberto Orsetti

Mi vergogno un poco, a lamentarmi...
Mi vergogno perché penso a chi ha perso gli affetti, la casa, la vita di tutti i giorni nei terremoti precedenti.
Io non sono "terremotato". Non ancora. Né mai, spero, lo diventerò.
Da quindici giorni vivo in una condizione che potevo solo immaginare, dalle parole degli abruzzesi che hanno vissuto questa situazione. Quella che è fatta di scosse, piccole e grandi, vere e false, sentite e immaginate.
Da quindici giorni le mie abitudini sono saltate. Non conosco quella che era la mia quotidianità.
Il mio vicino dorme in macchina, una utilitaria. Si mette sui sedili posteriori e si considera fortunato perché non è molto alto. E le sue occhiaie si accentuano dopo ogni nottata.
Adesso io ho convinto mia moglie.
No, non ad andar via. A preparare il borsone con un cambio di indumenti per ognuno di noi, un sacco a pelo, le coperte. E adesso giro con uno zaino di Dragon Ball con tutto quello che non vorrei lasciar sotto. Documenti, medicine che devo prender tutti i giorni, caricabatterie, due cellulari che non uso ma che ricarico regolarmente, una confezione di pile nuova, due candele.
Il giorno è quasi normale. La notte no, non lo è più.
Appena comincia a far scuro, sento che la mia pressione fa quel che vuole. Mi sono imposto di mantenere la calma, ostentarla ai limiti del possibile. Così organizzo la notte. Tranquillizzo i ragazzi. Poi rimango solo.
La notte è lunghissima. Le orecchie cercano di captare rumori, amplificano anche i segnali inutili.
Se potessi me ne andrei. Ma non lo posso dire a nessuno.
Sto sul materasso, cerco di non pensare al peggio. Ripasso quello che dovrei fare in caso di emergenza.
Mi convinco che non dovrei farmi condizionare, che sarebbe la fine se ci facessimo condizionare. Che vita sarebbe?
Ma non sapere cosa e quando potrebbe succedere mi sta addosso. Non so come reagiremo per davvero, come reagiranno le strutture, la casa, il garage, la casa di fronte, i miei ragazzi, il mio cane.
Mi rendo conto che penso solo alla notte come teatro della tragedia, mai al giorno. Mi dico che se fossi preparato alla notte, il giorno non mi potrebbe spaventare.

18 giorni dal primo allarme. Anche stanotte alle 5 è arrivata. Un colpo secco, qualche vetro che si muove, un sussulto. Stanotte non mi sono mosso. Non ho fatto in tempo. Tra il colpo e la reazione c'è stato l'evento. Ne siamo usciti indenni, vista il grado di magnitudo. Ma adesso la preoccupazione si sposta sui tempi di reazione, che erano stati bassi nei primi quindici giorni, e sono stati da bradipo stanotte. Il fisico ormai si regge sui nervi, ma non credo basti.
E ho pensato che mentre mia moglie faceva volontariato alla protezione civile nella notte fredda di questo posto che ho scelto per vivere, io non mi proteggevo e non proteggevo i miei figli. Almeno non abbastanza. Così devo pensare a come superare questa scarsa reattività.

20 giorni dal primo allarme. Leggo di terremoti, di prevedibilità, di studi statistici. Ho scoperto che il nostro territorio, per come è strutturato il sottosuolo, può evidenziare al massimo un sisma di settimo grado. Mi sento più tranquillo. Crollerebbe quasi tutto, ma non tutto....
Scherziamo, la sera, sul domani... Per stemperare la paura che oramai è in tutti noi. Molti clienti sanno che io ho il pc in negozio. Quando passano si informano sulle scosse che vengono evidenziate dai vari siti, commentano, sospirano, e se ne vanno a capo chino. Non ci sono consolazioni, neanche le visite di Giuliani o dei vari studiosi possono tranquillizzare.
Ho smesso di scrivere il "Romanzo in 100 giorni". Ci metterò un poco di più, magari. Magari lo finisco il prossimo anno. Ero già avanti, griglia, cerchio, collegamenti, personaggi, ma ho notato che in questi ultimi venti giorni nel racconto non succede nulla. E per una avventura non è edificante.

Cerco di leggere, almeno. Ma molte cose non mi attirano più.
Quando lascio i miei ragazzi davanti alla scuola penso che dovrei rimanere li davanti, ad aspettarli.

Sostieni Sul Romanzo!

Nessun voto finora
Tag:

Commenti

da dove scrivi Roberto? vi siamo vicini.

Luca

La paura è il timore di danni a se stesso ed alle persone care, di essere lasciato solo, di dover lasciare i propri cari, di cedere, di una ripetizione dei fatti dannosi.
E' normale provare tutto ciò, ma quando il fatto che ha provocato la paura è passato, e le conseguenze non sono tali da trovarsi di fronte ad un sovvertimento del tessuto sociale, la paura deve lasciar posto alla ragione. Vivi e fai vivere chi ti sta accanto. Non è risolutivo attendere i figli all'uscita di scuola come faceva Nanni Moretti in "Caos calmo". Continua a dare voce al tuo romanzo, animalo, dagli forza e vedrai quanto sarà edificante per te. Riuscirai sicuramente a distendere la tensione nervosa e trasmetterai con grande travolgimento, come si fa con le più belle fiabe, il lieto fine.

Non ho mai vissuto una situazione simile, ma credo di capire quello che prova Roberto. Lo stravolgimento della quotidianità spaventa, non esistono più coordinate, è un po' come stare sospesi, credo, e temere di precipitare da un momento all'altro. E' frustrante perchè non sai cosa fare, come difendere te stesso e le persone che ami da qualcosa che non è ancora accaduto ma che sta lì, e ti guata come un animale. La paura è legittima, eppure provarla ti fa sentire fragile,
e forse vile.
Certo, io parlo, ma tutto questo non l'ho mai sperimentato. E senza dubbio è molto, molto peggiore di come io possa immaginarlo.
Non so da dove scrive Roberto, non so se il suo testo risale ai giorni che hanno preceduto il 6 aprile, o, come mi augurerei, per lui, è solo un testo letterario. Gli sono vicina in ogni caso: se ciò che ha scritto è reale, per solidarietà. Se così non è, gli sono vicina e lo apprezzo per aver ben rappresentato con sensibilità e empatia una situazione vissuta da altri.

Milvia

Riporto la mia risposta data su Facebook:

Io, per fortuna mia e delle persone che amo, non ho mai vissuto l'esperienza di una catastrofe. Nel 2005, però, ho capito cosa significa vivere un terremoto: svegliarsi nel cuore della notte senza capirne bene la ragione, sentire un boato assordante che assorbe il silenzio e non ti lascia il tempo di capire, fino a quando non senti il mondo tremare e la paura attanagliarti la gola sperando che l'universo che hai intorno regga l'urto di quel trambusto che tutto scuote compreso te stesso e il tuo coraggio presunto che si dissolve in un solo istante.

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.