Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Come leggere un libro

Perché è importante leggere

Il punto e la virgola, la donna e l'uomo: la prima replica! E tu che cosa pensi? Scrivici

Sul+Romanzo+Blog+Punto+e+Virgola.jpg
La sfida è stata subito accettata, rispetto al post sul punto e virgola. Sandra Palombo mi ha inviato la sua riflessione, la ringrazio. Pregherei qualche maschietto di replicare e di inviarmi il tutto a sulromanzo@libero.it, grazie.

Cari M & M ,
ho letto le vostre note sul ; e mi permetto di esprimere il mio pensiero che in parte dissente da entrambi e in parte vi si riallaccia.
Che gli uomini siano più prolissi è un dato di fatto, tuttavia non credo che sia la loro insicurezza a indirizzarli verso una scrittura più ridondante, rispetto a quella dell’universo femminile che spesso, non sempre, è sintetica e secca; si tratta forse di una semplice e diversa percezione del tempo.
La persona di genere maschile ha acquisito più spazio per i propri interessi; oggi non spetta più solo all’uomo mantenere la famiglia e la donna, oltre ai tradizionali mestieri di casa, lavora e, vuole, giustamente, dedicarsi anche a se stessa.
L’uomo quindi ha più tempo a sua disposizione e tutte le sue azioni hanno un passo più lento rispetto a quello della donna, che si affanna per riuscire a fare tutto ciò che la società di oggi pretende da lei.
L’uomo rallenta il passo, la donna lo aumenta. Ne deriva che il primo può concedersi di scrivere con calma, usando subordinate più che coordinate, riandando con il pensiero e con la penna ai grandi scrittori russi di fine ottocento o anche al nostro Manzoni.
Il punto e virgola, quindi è uno spazio d’angolo che le donne non usano più; almeno quelle che tengono famiglia (figli, madri, zie) lavoro e interessi.
Le persone di genere femminile che invece si sono dedicate più alla carriera che alla vita privata hanno invece una scrittura più articolata.
Quindi secondo me, è solo una questione di tempo. Il risultato è che esiste una minore presenza di autrici donne anche se i loro prodotti, soprattutto narrativi , hanno in molti casi uno spessore maggiore in quanto sono carichi di vita vissuta e meno sognata; fanno più cose in contemporanea e accumulano sensazioni ed eventi senza metabolizzarli.
Infine tornando all’insicurezza penso sia una prerogativa più femminile che maschile dovuta a un minore confronto tra le donne che tra gli uomini; questi, nei punti e virgola, cioè agli angoli delle strade, ai bar, alle partite, nei viaggi di lavoro, parlano, discutono, crescono nell’autostima. La donna di questi punti e virgola ne ha veramente pochi.
                                                                                                                                 Sandra Palombo

Sostieni Sul Romanzo!
Nessun voto finora

Commenti

brava Sandra. Colta la palla al balzo :)
Su alcune cose sono d'accordo. Penso anche che sia questione del punto da cui si osserva la cosa.
Ma, come si dice, l'importante è discutere e confrontarsi e aprire la mente a nuovi argomenti.

bene. linko il post nel mio punto e virgola

Grazie a voi di aver pubblicato il mio pensiero.
Aspetto di leggere altri punti di vista. Ciao Morena e ciao Morgan. Sandra

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.