Come leggere un libro

In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Perché è importante leggere

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

Giorgio Vasta e "Anteprima Nazionale" – Frammento 18

Sul+Romanzo+Blog+vasta+giorgio.jpg

Usciamo dall’inverno
Come viandanti dal bosco,
Con un resto del suo buio,
Silenziosamente avvilito.

Stiamo fermi sul viale
E guardiamo attoniti:
Ha lasciato ferite a tutti
E non ha avuto pietà di noi.
[…]

È l’inizio di una poesia di Dmitrij Bannikov, deceduto nel 2003 a causa di un incidente automobilistico, tradotta da Mauro Martini, anch’egli scomparso, nel 2005, a causa di una grave malattia.
Ebbi nel 2004 un breve ma intenso scambio epistolare con Martini, dal quale percepii con forza la sua passione viscerale per la cultura russa. Mi donò alcuni consigli preziosi che ancora conservo con umiltà e riconoscenza.

Vi chiederete forse che cosa c’entri la Russia e la sua poesia con Giorgio Vasta. Non sto sragionando. Ci sto pensando da qualche mese.
Venerdì scorso ho avuto il piacere di ascoltarlo presso la libreria La Bassanese di Bassano del Grappa, evento organizzato per presentare “Anteprima nazionale – nove visioni del nostro futuro invisibile”, raccolta di racconti di Avoledo, Celestini, Evangelisti, Genna, Wu Ming 1 e altri nomi importanti della contemporaneità letteraria italiana. Ho scambiato qualche parere per alcuni minuti con Vasta e ha rafforzato ancor più in me le riflessioni che tenterò di mettere nero su bianco.
Ma facciamo un passo indietro.

In un testo del 2005 a cura di Mauro Martini appunto, “La nuovissima poesia russa”, sono presentati gli ultimi fermenti poetici russi di una certa vivacità.
Nell’introduzione si parla di decentramento e internet quali nuovi fenomeni: il primo di allontanamento dalle élite letterarie moscovite e pietroburghesi, il secondo come mezzo che ha avvicinato il centro e la periferia culturale, abolendo de facto le concentrazioni geografiche. Se prima le province erano “la palestra in cui si esercitavano i grafomani locali e le giovani speranze”, oggi non vi è nessun tipo di complesso di inferiorità grazie al web, nel quale il consenso e l’apprezzamento esulano dal rapporto centro-periferia. La globalizzazione del consumo, nelle sue sfaccettature forse più nobili, inerisce anche alla poesia, grazie alle nuove tecnologie. Così la quantità di poesia e prosa è aumentata, la scrittura attira altra scrittura, almeno on line. Sia in Russia che in Italia. Il mercato editoriale cartaceo è stata scalzato dalla rete, nel senso che canali di espressione prima inesistenti si sono presentati con tutto il loro vigore nei siti, nei blog e più recentemente nei social network.

La poesia ha come sua caratteristica intrinseca la voce, i suoni della voce, l’oralità. Il dilagare della scrittura in rete ha rubato ulteriori spazi di espressione sonora, rendendo la poesia spesso limitata alla visualizzazione, quanti sono i siti o i blog che pubblicano poesie? Accade anche in Russia, Martini si spinge oltre, parla di “mutazione genetica”.
Se la “funzione messianica” del verso trova la sua eclissi in Italia decenni addietro, nella terra degli zar è accaduto più di recente, disorientando i tradizionalisti ancora rinchiusi nello schema Mosca-San Pietroburgo.
Continuo mercoledì, tenete a mente intanto tre elementi:

1- Rapporto centro-periferia.
2- Presente come conflitto fra passato e futuro.
3- La poesia russa contemporanea.

E ascoltate questo video nel quale Giorgio Vasta parla di “Anteprima nazionale”.


Sostieni Sul Romanzo!
Nessun voto finora

Commenti

Il Giorgio Vasta che ha scritto il post precedente è lo stesso che collaborava alla collana"Scrivere" della scuola Holden?
Mariella

Il problema è piuttosto il livello mediocre dei racconti ivi contenuti.

@Mariella: riproponi la domanda che non ho ben compreso per favore.
@Elmer Cross: uhm. In che cosa sono mediocri? E di quali stai parlando? Tutti?

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.