In cucina con Leonardo da Vinci, cuoco provetto

Intervista a Nicholas Sparks, ecco come nascono i suoi romanzi

14 scrittori famosi e le loro ultime parole

Come realizzare i propri desideri. I consigli di Bruce Lee

Intervista a Danilo Arona

Sul+Romanzo+Blog+Danilo+Arona.jpgBuongiorno, vorrei iniziare chiedendole a quale età si è avvicinato alla scrittura e se è stato o meno un caso fortuito.

Alla scrittura, intesa anche in senso tecnico, mi sono avvicinato all'età di 12 anni, quando mi sono imbattuto in una vecchia e monumentale macchina da scrivere marca Continental che apparteneva a un mio zio prete. Era d'estate, sull'Appennino Ligure, e passai diversi pomeriggi così, scrivendo racconti. In realtà “scrivevo” già da prima, nel senso che a 8 anni già componevo fumetti con tanto di disegni e “nuvolette” di dialogo, il tutto finalizzato a storie che poi assemblavo in foglietti puntinati con tanto di copertina. A solo mio uso e consumo. Magari l'incontro in sé con la Continental ha avuto un che di fortuito, ma temo che sarei finito lo stesso a scrivere.

Se consideriamo come estremi l'istinto creativo e la razionalità consapevole, lei collocherebbe il suo modo di produrre scrittura a quale distanza dai due?

Molto istinto e poca razionalità. Il processo creativo, per quello che mi riguarda, è un momento selvaggio di liberazione. Dopo subentra la formalizzazione, la messa a punto, il cosiddetto editing e tutto quello che fa parte della professionalità acquisita sul campo. Ma le idee sono “di pancia”, viscerali.

Moravia, cascasse il mondo, era solito scrivere tutte le mattine; come descriverebbe invece il suo stile? Ha un metodo rigido da rispettare o attende nel caos della vita un'ispirazione? Ce ne parli.

Mi piacerebbe avere un metodo quotidiano. Se così fosse, significherebbe che avrei fatto della scrittura la mia professione. Il che non è: come tanti che scrivono, lavoro per sfamarmi e vivere con decenza. Quindi scrivo quando posso, rubando ore alle pause pranzo e prendendomi spesso un'intera giornata di “ferie” da dedicare a romanzi e/o racconti.

Di che cosa non può fare a meno mentre si accinge alla scrittura? Ha qualche curiosità o aneddoto da raccontarci a riguardo?

Se il lavoro si prospetta lungo, c'è bisogno soprattutto di caffè. Aneddotti o curiosità proprio no: la scrittura è un lavoro fecondo e divertente solo per chi lo vive in prima persona. In realtà non succede niente. Dall'esterno si vede solo un povero pazzo che batte una tastiera per ore e ore.

Wilde si inchinò di fronte alla tomba di Keats a Roma, Marinetti desiderava sputare sull'altare dell'arte, qual è il suo rapporto con i grandi scrittori del passato? E' cambiata nel tempo tale relazione?

Non vorrei scandalizzare nessuno. Ma la mia opera è saldamente radicata nella contemporaneità. Al di là del grande rispetto che si deve ai monumenti, credo di non avere nulla da condividere con scrittori non più viventi. I miei riferimenti tematici, se esistono, vanno ricercati in un'eretica progenie che sta urlando, poco ascoltata, che l'umanità è giunta a un bivio, laddove o si cambia direzione o si perisce. Sì, forse giusto Ballard, ma è morto da pochissimo e lo considero ancora vivo...

L'avvento delle nuove tecnologie ha mutato i vecchi schemi di confronto fra centro e periferia, nonostante ciò esistono ancora luoghi italiani dove la letteratura e gli scrittori si concentrano? Un tempo c'erano Firenze o Venezia, Roma o Torino, qual è la sua idea in merito?

Per quel che riguarda i generi di mia pertinenza, senza dubbio Milano. E' meta obbligata per chi frequenta il thriller, il noir e l'horror. Accade tutto lì, l'editoria “di genere” sta quasi tutta lì così come i miei “colleghi”, amici di percorso e/o di sventura. Perché Milano? E perché non Torino che appare senza dubbio più “gotica”? Non ho risposte. Certo che Torino sotto certi aspetti è troppo provinciale. Milano non lo è mai.

Scrivere le ha migliorato o peggiorato il percorso di vita? In altre parole, crede che la letteratura le abbia fornito strumenti migliori per portare in atto i suoi desideri?

Scrivere di sicuro mi ha migliorato la vita, con piacevoli conseguenze indirette. Da qui a sostenere che alcuni miei desideri si siano concretizzati temo ce ne passi. Peraltro sono uno che si accontenta di quel che ha senza nutrire smisurate ambizioni. La fama non m'interessa e l'autorialità “di nicchia” è tutto men che remunerativa, ma va bene così. Nel 2009 gli eroi, anche se scrivono, sono coloro che riescono ad aprire gli occhi la mattina e a giungere la casa alla sera più o meno integri.

La ringrazio e buona scrittura.


Danilo Arona, scrittore e giornalista, classe 1950. I suoi ultimi libri pubblicati: Santanta, Ancora il vento piange Mary, L'estate di Montebuio e Ritorno a Bassavilla.
Il suo sito: www.daniloarona.com
Nessun voto finora

Commenti

Invia nuovo commento

Image CAPTCHA
Se il codice inserito non è corretto, viene segnalato un errore (box rosso). Se il codice inserito è corretto e il tuo commento viene segnalato lo stesso come spam non ti preoccupare, non riscriverlo; la redazione lo pubblicherà al più presto.

Il Blog

Il blog Sul Romanzo nasce nell’aprile del 2009 e nell’ottobre del medesimo anno diventa collettivo. Decine i collaboratori da tutta Italia. Numerose le iniziative e le partecipazioni a eventi culturali. Un progetto che crede nella forza delle parole e della letteratura. Uno sguardo continuo sul mondo contemporaneo dell’editoria e sulla qualità letteraria, la convinzione che la lettura sia un modo per sentirsi anzitutto cittadini liberi di scegliere con maggior consapevolezza.

La Webzine

La webzine Sul Romanzo nasce all’inizio del 2010, fra tante telefonate, mail e folli progetti, solo in parte finora realizzati. Scrivono oggi nella rivista alcune delle migliori penne del blog, donando una vista ampia e profonda a temi di letteratura, editoria e scrittura. Sono affrontati anche altri aspetti della cultura in generale, con un occhio critico verso la società contemporanea. Per ora la webzine rimane nei bit informatici, l’obiettivo è migliorarla prima di ulteriori sviluppi.

L’agenzia letteraria

L’agenzia letteraria Sul Romanzo nasce nel dicembre del 2010 per fornire a privati e aziende numerosi servizi, divisi in tre sezioni: editoria, web ed eventi. Un team di professionisti del settore che affianca studi ed esperienze strutturate nel tempo, in grado di garantire qualità e prezzi vantaggiosi nel mercato. Un ponte fra autori, case editrici e lettori, perché la strada del successo d’un libro si scrive in primo luogo con una strategia di percorso, come la scelta di affidarsi agli addetti ai lavori.